Indice del forum Cruscate
Spazio di discussione sulla lingua italiana / Discussion board on the Italian language
 
 Domande ricorrentiDomande ricorrenti   Lista utentiLista utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistramiRegistrami   
 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   EntraEntra 

«V’en/ve’n/ven» e simili

 
Apri filone   Intervieni   Versione stampabile    Indice del forum -> Grafematica
Vai al filone precedente :: Vai al filone successivo  
Autore Intervento
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:37
Interventi: 8931

InterventoInviato: mar, 14 ott 2008 17:20    Oggetto: «V’en/ve’n/ven» e simili Intervieni citando

Trovo queste curiose grafie nel DiPI: v’en e ve’n per ve ne (o forse interpreto male le indicazioni). Non capisco cosa rappresenti quell’apostrofo: queste forme antiche s’hanno a scrivere univerbate:

Quando me ne vo > Quando men vo
Se ne sta > Sen sta
Te lo dico > Tel dico
Ve lo chiedo > Vel chiedo
Ve ne sono > Ven sono
, ecc.

Qualcuno riesce a illuminarmi sul valore dell’inutile apostrofo?
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:37
Interventi: 8931

InterventoInviato: mar, 14 ott 2008 18:11    Oggetto: Re: «V’en/ve’n/ven» e simili Intervieni citando

Intanto ecco alcuni esempi (tutti dalla Divina Commedia, tranne uno dal Canzoniere petrarchesco):

Allora incominciai: «Con quella fascia
che la morte dissolve men vo suso,
e venni qui per l’infernale ambascia.
(Purgatorio, 16)

I’ dissi lui: «Quanto posso, ven preco;
e se volete che con voi m’asseggia,
faròl, se piace a costui che vo seco».
(Inferno, 15)

I’ non tel potei dir, allor, né volli;
or tel dico per cosa experta et vera:
non sperar di vedermi in terra mai.
(Petrarca, Canzoniere, 250)

Così sen va, e quivi m’abbandona
lo dolce padre, e io rimagno in forse,
che sì e no nel capo mi tenciona.
(Inferno, 8)
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
bubu7



Registrato: 01/12/05 14:53
Interventi: 1453
Residenza: Roma

InterventoInviato: mer, 15 ott 2008 9:07    Oggetto: Re: «V’en/ve’n/ven» e simili Intervieni citando

C’è scritto cfr ‘confronta’: basta quindi andare alle singole entrate.
Qualche altro chiarimento.
Ve’n /ven/ sarebbe una variante, meno comune, dell’apocope di ve ne (ve ne prego); v’en /vEn/ unisce l’elisione di vi all’apocope di enno (ant. sóno) (vi enno); ven /vEn/ (meno bene /ven/) sta per viene.

Sotto la voce ven andrebbe però segnalato che si tratta anche della forma antica e poetica più comune per l'apocope di ve ne.
Manderò due righe al Canepari.
_________________
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:37
Interventi: 8931

InterventoInviato: mer, 15 ott 2008 13:07    Oggetto: Re: «V’en/ve’n/ven» e simili Intervieni citando

Grazie, Bubu7, della spiegazione. Felice / Smile Non ho molta dimestichezza col DiPI, ma ci sarei dovuto arrivare da solo... Che vergogna! / Embarassed
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
bubu7



Registrato: 01/12/05 14:53
Interventi: 1453
Residenza: Roma

InterventoInviato: mer, 15 ott 2008 13:21    Oggetto: Re: «V’en/ve’n/ven» e simili Intervieni citando

Prego, caro Marco. Felice / Smile
Forse sarebbe il caso di aggiungere una nuova entrata vista la pronuncia diversa degli omografi.
_________________
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
bubu7



Registrato: 01/12/05 14:53
Interventi: 1453
Residenza: Roma

InterventoInviato: mar, 21 ott 2008 8:26    Oggetto: Re: «V’en/ve’n/ven» e simili Intervieni citando

bubu7 ha scritto:
Manderò due righe al Canepari.

Fatto!
Inoltre, grazie alla segnalazione di Marco, sono stati inseriti nel DiPI anche vel, men, sen, tel. Felice / Smile
_________________
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Visita il sito personale
Mostra gli interventi di:   
Apri filone   Intervieni   Versione stampabile    Indice del forum -> Grafematica Tutte le ore sono relative al GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi aprire nuovi filoni
Non puoi intervenire in nessun filone
Non puoi modificare i tuoi interventi
Non puoi cancellare i tuoi interventi
Non puoi votare nei sondaggi


Con tecnologia phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduzione italiana a cura della Società dei Cruscanti
Protetto da Anti-Spam ACP