Indice del forum Cruscate
Spazio di discussione sulla lingua italiana / Discussion board on the Italian language
 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   EntraEntra 

Sui nomi degli elementi chimici

 
Apri filone   Intervieni   Versione stampabile    Indice del forum -> Forestierismi
Vai al filone precedente :: Vai al filone successivo  
Autore Intervento
Polveracchio



Registrato: 27/02/10 20:57
Interventi: 21
Residenza: Salerno

InterventoInviato: mar, 04 mag 2010 20:46    Oggetto: Sui nomi degli elementi chimici Intervieni citando

La creazione dell’elemento numero 117, avvenimento che risale a meno d’un mese fa, m’ha fatto ricordare un vecchio problema che sin dalla scuola secondaria ho sempre avuto coi nomi degli elementi, specialmente con quelli recenti, che vengono battezzati in onore di qualche scienziato famoso.
Indipendentemente dall’etimologia, credo che un oggetto come un elemento possa e debba disporre anche di un nome in italiano. Riporto una lista con tre voci per riga: la prima è il nome in inglese (lingua della IUPAC o UICPA); la seconda, il nome attualmente usato in italiano; la terza, la mia proposta.

• Krypton; cripto (o kripto o kripton); critto.
• Xenon; xeno o (xenon); seno.
• Einstenium (da Einstein); einstenio; eistenio.
• Rutherfordium (da Rutherford); rutherfordio; ruterfordio.
• Bohrium (da Bohr); bohrio; borio.
• Hassium (da Assia); hassio; assio.
• Darmstadtium (da Darmstadt); darmstadtio; darmastazio.
• Roentgenium (da Röntgen); roentgenio; roenghenio.
• Ununpentium (nome provvisiorio dell’elemento 115); ununpentio; unumpentio.

Riporto anche qualche felice caso d’italianizzazione completa: neo (neon), argo (argon), rado (radon), torio (thorium, da Thor), olmio (holmium, da Stoccolma, benché l’ossido di olmio venga spesso chiamato holmia e non olmia).

Nessuno s’è mai dato pena a sviscerare la questione, e molti elementi hanno già dei nomi italianizzati anche se in disuso, come nichelio (nichel) e berchelio (berkelio). Altri hanno nomi semiadattati, come il cripto; riconosco però che a non volerli accettare si dovrebbero respingere anche molibdeno, cadmio, tecnezio, afnio, dubnio, meitnerio e tungsteno, sostituendoli credo con moliddeno, cammio, tennezio, annio (?), dunnio, meinnerio e tunghestenio (?) (cosa che io, come chimico, sono disposto a fare, iniziando coll’inserirli nelle tavole periodiche che stampo per i miei allievi).
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato MSN
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:38
Interventi: 9327

InterventoInviato: mar, 04 mag 2010 22:56    Oggetto: Re: Sui nomi degli elementi chimici Intervieni citando

Sono d’accordo con tutte le sue proposte d’italianizzazione, ma ho alcune riserve, che qui sotto espongo.

Seno per xeno può funzionare, a patto che si pronunci sèno con ‘e’ aperta, ovviamente, per non confonderlo col séno femminile.

Einsteinium: siccome bisogna tener conto della pronuncia, che è, se non erro, /ain'Stainjum/, proporrei allora astànio.

Per Rutherfordium preferirei una ‘d’, visto che il ‘th’ è sonoro e non sordo, quindi ruderfòrdio.

Roentgenium lo farei italianissimo in reghènio.

Se non vogliamo la variante antica tungisteno, allora perché non tusteno?
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
Polveracchio



Registrato: 27/02/10 20:57
Interventi: 21
Residenza: Salerno

InterventoInviato: mar, 04 mag 2010 23:50    Oggetto: Re: Sui nomi degli elementi chimici Intervieni citando

Accolgo in pieno le sue riserve!

Seno, era infatti inteso dovesse leggersi colla “e” aperta.
Sull’einstenio ero in dubbio tra il preservare la grafia, che ne giustifica il simbolo (Es), o la pronuncia del nome originale; è un nome che in quattordici anni di attività legate alla chimica non ho mai sentito pronunciare da alcuno, e che nella mia mente ho sempre letto /ei'stɛnjo/. Non mancano comunque i simboli apparentemente estranei al nome: Cu (rame), K (potassio), Sb (antimonio), Hg (mercurio). Astànio mi pare veramente eccellente: ben s’amalgama con lantanio, germanio e titanio. Condivido anche le scelte di ruderfordio (anche se a questo punto si potrebbe considerare raderfordio) e di reghènio: io stesso non avrei ardito tanto!
Il tungisteno mette in luce (battutaccia…) il mio poco aver letto i testi antichi di chimica (quasi di alchimia, commento adesso, sfogliandoli!): ci avrei scommesso, che mi avrebbe insegnato qualcosa anche della mia disciplina!
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato MSN
Marco1971
Moderatore


Registrato: 04/11/04 12:38
Interventi: 9327

InterventoInviato: mer, 05 mag 2010 0:10    Oggetto: Re: Sui nomi degli elementi chimici Intervieni citando

Gentile Polveracchio, mi gira la testa: un professore di chimica che sente la necessità di forme italiane! Mi par di sognare!

Ha ragione, volendo fare l’adattamento completo sarebbe proprio raderfordio.

Se solo tutti gli scienziati avessero questa preoccupazione...

Se anche lei mettesse queste italianizzazioni nei suoi materiali didattici, pensa che la comunità scientifica finirebbe con l’adottarle? (Mera domanda.)
_________________
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato Invia messaggio di posta elettronica
Decimo



Registrato: 18/08/06 12:46
Interventi: 435
Residenza: Modica

InterventoInviato: mer, 05 mag 2010 0:51    Oggetto: Re: Sui nomi degli elementi chimici Intervieni citando

Anzitutto la ringrazio per l’ottimo contributo. La difesa della piú genuina fonotassi italiana è fatto encomiabile, ma ne prendo realisticamente le distanze. Bisogna riconoscere che la mancata assimilazione di gruppi consonantici «estranei», nel preciso caso di grecismi e latinismi (ma non solo) in àmbito tecnico, è una tendenza ormai normale dell’italiano contemporaneo —in passato le oscillazioni erano piú frequenti, come ad esempio in «ottalmia/oftalmia», caso affrontato dal Migliorini— e, a mio modesto avviso, una forma d’arricchimento.
(Vorrei infatti non dimenticassimo che, nel momento in cui i primi cultismi entrarono nell’uso, anche nessi consonantici come -bl- [e.g. in «problema»] o il piú «recente» -tl- [e.g. in «atleta»] non erano fonotatticamente puri).

Detto ciò, sono anch’io convinto della necessità di spingere verso la soluzione italiana, che oggi però si distingue solo per l’adattamento del morfema desinenziale. È ancor meno il caso di ricercare alternative (piú valide?) se la parola italiana è già nell’uso: si accettino —e s’impieghino!— senz’alcuna riserva cripto e xeno (con tanto di xenografema) in luogo delle varianti decisamente non italiane, ovvero kripton e xenon, gentilmente poste tra parentesi da Polveracchio.

Ringrazio Marco per aver corretto il refuso *«einstenio» in «einsteinio», e lo rassicuro anch’io della pronuncia di «sèno», poiché, come lui ben sa, non è dato che un recupero dòtto rizotonico abbia vocale accentata chiusa.

Veniamo ora ai nomi degli elementi «battezzati in onore» degli scienziati che alla fisica nucleare hanno dato il piú grande contributo. Si tratta di riconoscimenti espliciti, che non è possibile (né corretto) «nascondere» —se non addirittura «violentare»— in adattamenti tanto invasivi. (Ben altro discorso per hassio, sulla cui semplificazione grafica in assio sono piú che d’accordo.)
Ricordo inoltre che, prima di proporre gli adattamenti, è sempre bene passare dal DiPI, che riporta come dizioni (mi si perdoni la rozzezza delle trascrizioni, ma è voluta, per mostrare qual è l’adattamento «naturale»): «ainstàinio»; «raterfòrdio», con varianti accettabili «-der-» e «ru-»; e per Röntgen «rènghen» (da integrare quindi in un italianissimo «renghènio»).

(Nulla da eccepire sull’assimilazione grafica in unumpentio, l’unica soluzione foneticamente realistica, e non avendo il nome alcunché di celebrativo.)

Sono rimasti i nomi italianizzati caduti in disuso e i nomi «semiadattati»:
• il nichel —consoliamoci— ha una terminazione consonantica accettabile, mentre per berkelio si veda sopra;
• per i «semiadattati» tornano sempre utili le considerazioni del Canepàri (MaPI, § 5.1.1) e un buon confronto con le voci del DiPI, in cui sono riportate le assimilazioni tollerate (e.g. /tun'stEno/ per «tungsteno»).
_________________
V’ha grand’uopo, a dirlavi con ischiettezza, di restaurar l’Erario nostro, già per somma inopia o sia di voci scelte dal buon Secolo, o sia d’altre voci di novello trovato.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato MSN
Decimo



Registrato: 18/08/06 12:46
Interventi: 435
Residenza: Modica

InterventoInviato: mar, 11 mag 2010 11:32    Oggetto: Re: Sui nomi degli elementi chimici Intervieni citando

…e magari verificare che siano registrate: tunstèno (oltre al già citato «tungistèno»), tunstato e túnstico sono nel Battaglia.

{Piccolo fuori tema per i piú curiosi: di «tecnezio» lo stesso dizionario riporta le varianti obsolete tecnèto —ch’è direttamente dal greco τεχνητός («artificiale»)— e tecnèsio.}
_________________
V’ha grand’uopo, a dirlavi con ischiettezza, di restaurar l’Erario nostro, già per somma inopia o sia di voci scelte dal buon Secolo, o sia d’altre voci di novello trovato.
Torna a inizio pagina
Guarda il profilo Invia messaggio privato MSN
Mostra gli interventi di:   
Apri filone   Intervieni   Versione stampabile    Indice del forum -> Forestierismi Tutte le ore sono relative al GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi aprire nuovi filoni
Non puoi intervenire in nessun filone
Non puoi modificare i tuoi interventi
Non puoi cancellare i tuoi interventi
Non puoi votare nei sondaggi


Con tecnologia phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Traduzione italiana a cura della Società dei Cruscanti
Protetto da Anti-Spam ACP