«Voting machine»

Spazio di discussione su prestiti e forestierismi

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
domna charola
Interventi: 1049
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

«Voting machine»

Intervento di domna charola » mer, 20 set 2017 10:54

Il traducente è abbastanza ovvio. Mi limito quindi a segnalare qui l'orrore, tutto lombardo per il momento.
Si tratta nella fattispecie del referendum lombardo - senza ricadute effettive - sulla volontà di intraprendere l'iter per divenire "regione autonoma". In esso sarà sperimentato il voto elettronico, con apposite macchinette (che poi resteranno in dotazione alle scuole, trattandosi a quanto pare di elaboratori altrimenti utilizzabili).
Ovviamente, saranno necessari anche dei "digital assistant", per curare l'"e-voting", che siano esperti di informatica e di "problem solving"... [faccina disperata/piangente e/o faccina craniate-nel-muro]

http://www.ecodibergamo.it/stories/berg ... 255121_11/

Avatara utente
Sixie
Interventi: 316
Iscritto in data: lun, 18 mag 2015 19:18
Località: Polesine

Re: «Voting machine»

Intervento di Sixie » lun, 25 set 2017 12:16

domna charola ha scritto:Il traducente è abbastanza ovvio. Mi limito quindi a segnalare qui l'orrore, tutto lombardo per il momento.


http://www.ecodibergamo.it/stories/berg ... 255121_11/
Per il momento basta e avanza.
Chi ha pubblicato questo annuncio di selezione del personale, al di là degli errori in italiano, non ha ben chiaro come funzioni la costruzione di un sintagma nominale in inglese.
Referendum Digital Assistant è formato da sostantivo+aggettivo+sostantivo e l'unica interpretazione possibile è [referendum] [digital assistant], cioè un particolare tipo di digital assistant. Peccato che ad essere digital sia il referendum, non l' assistant. E dunque sarebbe meglio dire Digital Referendum Assistant, che è grammaticalmente corretto ma ambiguo e può essere inteso sia come [digital referendum] [assistant], sia come [digital] [referendum assistant] , un dispositivo digitale opposto a un ipotetico human assistant. Un inglese forse lo intenderebbe nel secondo modo, un italiano non saprei. :lol:
We see things not as they are, but as we are. L. Rosten
Vediamo le cose non come sono, ma come siamo.

domna charola
Interventi: 1049
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » lun, 25 set 2017 16:31

Giuste considerazioni... io mi ero fermata molto prima.
Del resto, nel medesimo ambiente, per un po' sdi tempo ho ricoperto la mansione (allora in italiano) di "tecnico per la conoscenza digitale del territorio", e mi sono più volte chiesta se ero tenuta a percorrerlo a quattro zampe palpandolo accuratamente (il territorio)...

Intervieni