Di «ossa», «ossi» e regole fantasma

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4178
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Di «ossa», «ossi» e regole fantasma

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 18 nov 2019 0:43

Vorrei partire da questo vecchio intervento di Animo Grato per presentarvi un mio dubbio. La distinzione umano/animale (gli uomini hanno le ossa, gli elefanti gli ossi) è, mi par di capire, campata per aria (anch’io l’avevo sentita e data per corretta); ora, mi chiedo quale significato dare di preciso al «valore collettivo» del plurale in -a. S’intendono tutte le ossa, l’ossatura, d’essere umano o bestia vertebrata? Oppure ne basta un sottinsieme?

Detta cosí, la questione sembra troppo astratta (e forse un pochino balzana). Farò un esempio: nella tradizione culinaria veronese, ma non solo, ci sono i cosiddetti —cito in dialetto— òssi de mas·cio (=maiale) bolliti. Ecco, come rendere correttamente il nome del piatto in italiano? Dal momento che non si ordina l’intera ossatura dell’animale —a meno che non si abbia tanta fame :mrgreen:— è corretto dire ossi di maiale? Io ho sempre pensato, forse perché ho interiorizzato la suddetta distinzione uomo/animale, che chi dice ossa di maiale lo facesse per un ipercorrettismo dovuto al dialetto, in cui il plurale è solo in -i. Sbaglio?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9581
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Di «ossa», «ossi» e regole fantasma

Intervento di Marco1971 » lun, 18 nov 2019 20:49

Nel caso di animali macellati, si parla sempre di ossi (Gabrielli bivolume, s.v. osso). Il plurale ossa, oltre che per riferirsi a tutta l’ossatura, può riferirsi a un sottoinsieme, come ad esempio le ossa della mano. Ossi se considerati singolarmente: i due ossi del femore vs le ossa delle gambe (tutte le ossa presenti nelle gambe).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4178
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Di «ossa», «ossi» e regole fantasma

Intervento di Ferdinand Bardamu » lun, 18 nov 2019 21:42

Chiarissimo come sempre, caro Marco. Grazie. :)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite