«Cosicché» finale

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carlo_Porta04
Interventi: 116
Iscritto in data: dom, 27 dic 2020 2:50

«Cosicché» finale

Intervento di Carlo_Porta04 »

Buon giorno a tutti,
la congiunzione cosicché (seguita dal verbo al soggiuntivo) può avere valore finale e quindi introdurre una proposizione finale al pari di affinché? esempio: "L'ho fatto cosicché tu potessi imparare". Mi è venuto questo dubbio perché nello Zingarelli ho trovato quest'accezione di cosicché, accezione che però non ho trovato altrove.
Avatara utente
Millermann
Interventi: 986
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «Cosicché» finale

Intervento di Millermann »

Direi che ciò è possibile, e mi sembra anche un uso abbastanza comune. Legga anche questa risposta di Fabio Ruggiano. :)
Aggiungo che, in questo caso, mi verrebbe spontaneo usare [di preferenza] la forma non univerbata (so che l'argomento le interessa ;)).
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Carlo_Porta04
Interventi: 116
Iscritto in data: dom, 27 dic 2020 2:50

Re: «Cosicché» finale

Intervento di Carlo_Porta04 »

Grazie mille per la esauriente risposta. Effettivamente, pure a me suonerebbe meglio scrivere con la forma non univerbata. :)
Da notare che il Sabatini del Corriere della Sera consiglia con questo uso la grafia disgiunta. https://dizionari.corriere.it/dizionari ... cche.shtml
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite