«Decap[p]ottabile»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9788
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«Decap[p]ottabile»

Intervento di Marco1971 »

Dal francese décapotable. Esiste la variante decapottabile (secondo me preferibile), ma il GRADIT rimanda alla forma con due P. In italiano esiste anche cappotta, ma come variante meno comune di capotta, che è ancor meno comune del prestito integrale capote («copertura in tessuto impermeabile di carrozze e automobili, che può essere rimossa o ripiegata»).

Si tolgono le doppie dove dovrebbero esserci (piucchepperfetto > piuccheperfetto) e si aggiungono là dove non hanno ragion d’essere. Non è tutto questo un po’ leggero? Poco serio, intendo.

Ora mi si dirà che la forma filologicamente migliore sarebbe decapotabile, e io concorderei con chi mi movesse tale obbiezione. Ma risponderei che la doppia T si giustifica anche solo per un motivo di coerenza interna: -potabile fa pensare all’acqua che si può bere; aggiungendo deca- sarebbe lecito arrivare a un’associazione del tipo «che può bere/contenere dieci litri d’acqua [potabile]».

Ma il nòcciolo della questione è l’incoerenza e la mancanza di normatività, che conduce all’accettazione di forme concorrenti per nulla funzionali in un sistema linguistico efficiente.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Ho sempre sentito dire decapottabile; con due p mi sembra molto meno fluido.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9788
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Infatti l’ho letto scritto cosí in un libro tradotto dall’inglese che la cara Arianna sta leggendo, e subito le ho detto: «Che strano!» Poi ho controllato e per questo ne ho scritto qui.

Concordo con lei: foneticamente fluisce meglio con una sola P. :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9788
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ripensandoci – dopo aver consultato altri vocabolari, che parlano tutti di ‘cappotta’ – trovo di gran lunga preferibile scappottabile. :) (Scappottare è registrato in tal senso.)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

S·B·U·M·B
Interventi: 24
Iscritto in data: mar, 22 lug 2008 21:27
Località: Veneto
Info contatto:

Cappottarsi

Intervento di S·B·U·M·B »

Direi che il maggior affermarsi di queste varianti con raddoppiamento si debba (fino a curiosamente giusto un opposto del contesto semantico per il verbo "cappottare/cappottarsi", che vale "a testa in giù") a un certo imporsi del termine "cappotta" con sentimento di "copertura" piuttosto che "capotta" nel senso di "in capo".
Inteso che nell'un caso è un riferirsi con derivazione dal tardolatino "cappa" (cfr "cappello" "cappuccio" "cappotto"...), nell'altro appunto dal basilare "caput" (la germinazione tra questi dell'una dall'altro peraltro non così diretta e scontata).
Repertorio bibliografico: v. "Schedario - Libri" nel mio Sito personale

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite