«Cioccolata» o «cioccolato»?

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«Cioccolata» o «cioccolato»?

Intervento di Marco1971 »

Ecco la storia delle varie forme.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1653
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

Osservo solo che dopo l'esauriente saggio di Bruno Migliorini, che spazia per ben 10 pagine (l'intervento della Crusca ne riporta una minima parte) sembrerebbe non ci sia molto più da aggiungere sull'argomento eccetto che viene confermata una volta ancora la grande sensibilità linguistica di Migliorini nell'avvertire gli usi incipienti, ossia in questo caso la differenziazione semantica tra cioccolato e cioccolata confermata dalla ricerca in rete e invece non ancora accolta interamente dalla lessicografia più recente.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Il Treccani però ne dà conto abbastanza bene:

cioccolata s. f. -
Variante di cioccolato. Nell’uso, le due forme si alternano, con preferenze regionali per l’una o per l’altra: una tavoletta di cioccolata, o di cioccolato; con funzione attributiva: color cioccolata o color cioccolato. Per indicare la bevanda, è quasi dovunque preferito, quando non esclusivo, il femm.: fare la c.; una tazza di cioccolata; una c. con la panna; fu fatta sedere sur una sedia ..., e le fu portata una chicchera di cioccolata (Manzoni).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1303
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà »

“Il Piemonte e il Veneto, l’Emilia e la Toscana, Roma, Napoli, la Sicilia hanno optato per il tipo cioccolata, o per una forma dissimilata plebea che non è mai giunta all’uso scritto, ciccolata.
A queste regioni si deve aggiungere la Liguria (in dialetto ciculata).

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 1 ospite