Le ditine, le braccine

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
enrico lenaz
Interventi: 7
Iscritto in data: sab, 10 ott 2009 9:33

Le ditine, le braccine

Intervento di enrico lenaz »

Nomi sovrabbondanti, che contemplano sia un plurale regolare in -i che uno in -a.

Sono nomi maschili: l'osso, l'uovo, il dito. Il plurale in -a è, com'è noto, un rimasuglio del genere neutro latino; l'articolo 'le' è stato attribuito perché, detto in soldoni, non si sapeva dove andare a sbattere (un articolo maschile, proprio no?), e per ignoranza dei parlanti e per mancanza, al tempo, di una codificazione scientifica del 'volgare'.

Il diminutivo di detti sostantivi dovrebbe, a mio modesto parere, seguire suo 'padre', maschile: 'i ditini', 'i braccini' o 'i braccetti', fa lo stesso.
'Le ditine' ecc. sono forme riconosciute anche dai grammatici, ma mi sembrano far parte di un linguaggio colloquiale più che del buon italiano. Rilevo una contraddizione di natura logica: se è lecito dire 'le braccine' allora dovrebbe essere lecito dire 'la braccina', vera cacofonia.

Cosa ne pensate?
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3747
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Le ditine, le braccine

Intervento di Infarinato »

Legga qui.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite