«Mercante» come aggettivo o apposizione

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
SinoItaliano
Interventi: 384
Iscritto in data: mer, 04 gen 2012 8:27
Località: Pechino

«Mercante» come aggettivo o apposizione

Intervento di SinoItaliano »

Al liceo durante un'interrogazione mi scappò dalla bocca «di famiglia mercante», nel senso di «famiglia di mercanti».
Probabilmente per analogia con «famiglia borghese», «famiglia contadina».
La professoressa d'italiano mi disse che era errore.
Che ne pensate?
È accettabile l'uso di «mercante» come aggettivo o apposizione?

In rete ho trovato pochissime occorrenze (escludendo «famiglia Mercante» in cui è il cognome, oppure «famiglia, mercante» ecc. con segni d'interpunzione in mezzo).
Per esempio qui.
Il suo nome, legato probabilmente alla vita itinerante della sua famiglia mercante...
Questo di sette è il piú gradito giorno, pien di speme e di gioia: diman tristezza e noia recheran l'ore, ed al travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo »

Forse si potrebbe usare mercantante (anche se non è che mi suoni benissimo a dir il vero) una forma più vicina al verbo mercantare, per analogia con altre derivazioni simili.
Anche perché leggo ora dal Gabrielli in linea che mercante come aggettivo esiste, ma è usato in un altro senso:
B agg.
non com. Che si preoccupa solo degli interessi economici: secolo, epoca m.


Comunque si dovrebbe controllare su qualche grande dizionario, anche se si tratterebbe comunque, credo, d'un'accezione relativamente rara o disusata.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4206
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Probabilmente, lei ha pensato che fosse (originariamente) un participio presente. Non sbaglia(va). Si tratta infatti del participio presente mercatante, con caduta della sillaba -ta- per effetto dell'aplologia. Anticamente esisteva il verbo mercatare, col significato di «mercanteggiare».

Per farla breve, non credo che si possa adoperare mercante come un aggettivo, perché il suo statuto di participio presente non è avvertito (è solamente un sostantivo) e, d'altra parte, non esiste il verbo *mercare.

Avatara utente
SinoItaliano
Interventi: 384
Iscritto in data: mer, 04 gen 2012 8:27
Località: Pechino

Intervento di SinoItaliano »

Ferdinand Bardamu ha scritto:Probabilmente, lei ha pensato che fosse (originariamente) un participio presente.
Esatto! :oops:
Questo di sette è il piú gradito giorno, pien di speme e di gioia: diman tristezza e noia recheran l'ore, ed al travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite