Volerci

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Walt Whitman
Interventi: 19
Iscritto in data: mar, 21 feb 2012 17:22

Volerci

Intervento di Walt Whitman »

Buonasera.
“Per appendere questo quadro ci vuole un chiodo”.
“Per appendere questi quadri ci vogliono questi chiodi”.
In quanto verbo procomplementare, il clitico “ci” ha perso il suo valore locativo. Vorrei chiedere: il verbo “volerci” può essere considerato un verbo impersonale? E se sì, come mai lo si può coniugare anche alla terza persona plurale? Se invece non è un verbo impersonale, come lo si può catalogare?
Grazie per l'attenzione.
WW

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4207
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Riporto quel che dice in merito la GGIC (I, 1.6.5, p. 126, «Ci» presentativo; sottolineature mie):

Accanto al si impersonale, esiste un altro elemento clitico che ‘occupa’ la posizione di soggetto: il ci di frasi come le seguenti:

(660) C'è Giovanni.
(661) Ci vuole più caffè.

Che la posizione di soggetto di queste frasi sia occupata da ci si può vedere dagli ess. seguenti (che vanno letti con intonazione normale):

(662) *Due ragazzi ci sono in cima.
(663) *Mille lire ci vogliono.

(662-663) mostrano che le espressioni esserci e volerci (che sono le uniche con cui è possibile questa costruzione) non ammettono un SN in posizione di soggetto. Si ricordi che neanche il si impersonale ammette un SN in posizione di soggetto:

(664) *Le penne si compra qui.

(664) (letto con intonazione normale) è agrammaticale per tutti i locutori italiani, anche per quelli che accettano Qui si compra le penne […]. Quindi ci in (660)-(661) occupa la posizione del soggetto allo stesso modo del si impersonale. […] I SN che si trovano dopo il verbo sono i soggetti della frase e mostrano le stesse proprietà dei soggetti dei verbi inaccusativi
[*], con la sola differenza che non possono occupare la posizione prima del verbo. Così il verbo si accorda con il SN postverbale:

(665) Ci sono due ragazzi.


__________

[*] «Esiste un gruppo di verbi il cui soggetto è caratterizzato, da una parte, dalle tipiche proprietà dei soggetti […], dall'altra da varie proprietà sintattiche che sono tipiche dei complementi oggetti. Queste proprietà si manifestano però solo quando il soggetto di questi verbi si trova in posizione postverbale; quando il soggetto è in posizione preverbale, esso presenta esclusivamente le proprietà dei soggetti. Con questi verbi abbiamo cioè le due possibilità seguenti:

<table><tr align="left" bground="#efefef"><th bground="#efefef">a) [soggetto]</th> <th bground="#efefef">[
SVverbo + …]</th></tr>
<tr align="left"><th bground="#efefef">b) </th><th bground="#efefef">[
SVverbo + soggetto + …]</th></tr></table>

Nel caso a) il soggetto del verbo si comporta come gli altri soggetti; nel caso b) il soggetto, che si trova nella posizione tipica del compl. oggetto, oltre alle proprietà di soggetto, presenta anche alcune delle proprietà del compl. oggetto. Chiamiamo questi verbi ‘verbi inaccusativi’.
»


P.S. Chiedo scusa per la tabella pasticciata, ma era necessaria per chiarire la posizione del soggetto nei verbi inaccusativi.

Walt Whitman
Interventi: 19
Iscritto in data: mar, 21 feb 2012 17:22

Re: Volerci

Intervento di Walt Whitman »

Grazie per l'intervento Ferdinand Bardamu.

Se non ho frainteso del tutto quanto ha gentilmente riportato, nelle frasi da me proposte i soggetti grammaticali sarebbero “un chiodo” e “questi chiodi”, mentre il clitico “ci” occuperebbe la posizione di soggetto senza esserlo. Ne conseguirebbe che “volerci” non può essere considerato un verbo impersonale.

Il clitico “ci” nel verbo “volerci” (e in altri ancora) è stato definito da Sabatini “ci attualizzante” ed avrebbe perso quasi del tutto il suo valore locativo. Si sarebbe, insomma, grammaticalizzato. Le risulta che la posizione dello studioso abruzzese sia oramai largamente accettata?

Di nuovo grazie.
WW

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4207
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Non la so aggiornare su quanto pensano gli altri linguisti in merito; le posso però dire che mi sembra pacifica la ricostruzione di Sabatini. Un analogo processo di grammaticalizzazione è quello di averci (es. «cj ho caldo» per il semplice «ho caldo»), in cui l'HĪCE latino ha perso del tutto il suo valore locativo per diventare una semplice particella rafforzativa.

Mi correggano gli altri se sbaglio, ma il ci, nel caso di volerci e esserci, è un soggetto fittizio analogo al dummy subject della costruzione there is/are.

Walt Whitman
Interventi: 19
Iscritto in data: mar, 21 feb 2012 17:22

Oggetto: Re. Volerci

Intervento di Walt Whitman »

Sembra pacifica anche a me la ricostruzione di Sabatini. E', inoltre, brillante e, a posteriori, del tutto logica. I processi di grammaticalizzazione e lessicalizzazione mi paiono evidenti.

Sono d'accordo sul "ci" soggetto fittizio. Spero che qualcuno confermi o corregga le nostre opinioni.

Buona serata.
WW

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 2 ospiti