Le amalgame

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Le amalgame

Intervento di Fausto Raso »

Tutti i vocabolari si accapigliano per stabilire il genere di questo sostantivo: chi lo dà tassativamente maschile, chi ammette anche il femminile avvertendo, però, che è di uso non comune. Quindi: l'amalgama, gli amalgami; l'amalgama, le amalgame.
Da parte mia non mi sento di tacciare di ignoranza (come usano alcuni soloni della lingua) coloro che preferiscono la forma femminile, pur sapendo che non è molto comune. Una rapida occhiata a Googlelibri mi ha sorpreso. La forma femminile plurale prevale su quella, piú comune, maschile: 1.270 occorrenze contro 412.
In proposito si legga anche la "nota d'uso" cliccando qui.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
valerio_vanni
Interventi: 1020
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni »

Io ho sempre pensato che fosse femminile.
Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3771
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Le amalgame

Intervento di Infarinato »

Il DOP dice «meno bene» per il femminile…
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10072
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

E il Gabrielli bivolume dice: «Non corretto come femm.»
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Questo sostantivo è proprio il "cenerentolo" della lingua. Alcuni vocabolari lo classificano fra gli "ermafroditi" (può essere tanto maschile quanto femminile). Guardate, inoltre, cosa scrive il "Dizionario degli errori e delle difficoltà".
amàlgama
sostantivo maschile
ATTENZIONE Si scrive' un amalgama e non un'amalgama. plurale maschile: gli amàlgame.
Trovo interessante, a questo proposito, quanto scrive Aldo Gabrielli nel suo "Si dice o non si dice?".
Amalgama è da almeno tre secoli nel nostro lessico, e sul suo significato siamo tutti d’accordo: mescolanza, impasto oppure lega di un metallo col mercurio. Ma per molti rimane incerto il sesso di amalgama, e non ci aiutano gli esempi di scrittori autorevoli: per alcuni è femminile, per altri è maschile. Né ci aiuta dare un’occhiata a quello che succede in Europa: per i francesi è maschio, per gli spagnoli è femmina.
Andiamo all’origine del vocabolo. Amalgama deriva da un latino medievale degli alchimisti amàlgama, di genere neutro, probabile deformazione araba (al-malgan) del greco málagma, mistura, impasto, che discende a sua volta dal verbo malásso, rammollisco (per l’aspetto molle della lega). Secondo altri, invece, il neutro latino sarebbe l’alterazione del sinonimo algama, dall’arabo al-gamâa, che significa “riunione”. L’oscillazione del genere è dovuta evidentemente alla terminazione -a del vocabolo, propria dei femminili in italiano. Ma l’italiano non manca di nomi in -a di genere maschile: il papa, l’auriga, il profeta, il collega, l’eremita eccetera. Di qui la confusione. Decidiamoci: l’origine del vocabolo è di genere neutro; si sa che il neutro latino sfocia normalmente nel maschile italiano. Facciamolo maschile, e basta alchimie: “un perfetto amalgama”.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1384
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato »

Fausto Raso ha scritto:Guardate, inoltre, cosa scrive il "Dizionario degli errori e delle difficoltà".
amàlgama
sostantivo maschile
ATTENZIONE Si scrive' un amalgama e non un'amalgama. plurale maschile: gli amàlgame.
Gli amalgame?!
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Animo Grato ha scritto:Gli amalgame?!
Sí, cortese Animo Grato, proprio cosí, purtroppo. :oops: :evil: :x :shock: :twisted: :cry:
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Re: Le amalgame

Intervento di Fausto Raso »

Riapro questo filone per segnalare un intervento del prof. Salvatore Claudio Sgroi in cui mette in evidenza la non "erroneità" del femminile amalgama.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10072
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Le amalgame

Intervento di Marco1971 »

I parlanti, se lo vorranno, potranno decidere di eliminare tale oscillazione ("drift") a favore di un solo genere, realizzando così un cambiamento linguistico (giusto le indicazioni di L. Renzi 2012 […]) […].
E perché vorremmo eliminare tale drift? Eliminiamo oscillazione e driftiamo. E già che ci siamo, eliminiamo pure giusta. Ma, a pensarci bene, adottiamo l’esperanto, e cosí saremo adrifti e avremo realizzato un cambiamento linguistico.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10072
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Le amalgame

Intervento di Marco1971 »

Ripensandoci, la conclusione dell’articolo segnalato qui sopra da Fausto Raso è di un’allucinante ingenuità: pensare che i parlanti possano decidere di eliminare dalla lingua alcunché rappresenta già un salto nella fantascienza; ma ancor piú fantascientifico è il pensare che il Supremo Traguardo sia di «realizzare un cambiamento linguistico».

La storia ci insegna che i cambiamenti avvengono molto lentamente e che non sono mai frutto di una decisione dei parlanti (come se tutti i parlanti si radunassero e concertassero fra loro: ecco d’ora innanzi eleggiamo il femminile per amalgama); semmai, in rari casi, procedono dalla decisione di qualche autorità; i mutamenti hanno luogo in modo perlopiú surrettizio e inconscio. E da ultimo non dimentichiamo una cosa fondamentale: il parlante medio non si sognerebbe mai di contraddire quanto legge in un vocabolario (che crede sacrosanta verità) e non potrebbe quindi, se non involontariamente, aver qualche parte nella messa in atto di un qualsivoglia cambiamento.

L’auspicare, poi, che una parola ambigenere diventi o solo femminile o solo maschile deve risultare da un ragionamento che mi sfugge: lungi dall’essere una tara, una doppia possibilità rappresenta una ricchezza della lingua, a cui attingere nelle circostanze espressive piú diverse. Invece, si vorrebbe sacrificare l’ambivalenza in nome di non si sa quale sacro nume…
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1677
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: Le amalgame

Intervento di Roberto Crivello »

Marco1971 ha scritto: dom, 21 lug 2019 12:26
I parlanti, se lo vorranno, potranno decidere di eliminare tale oscillazione ("drift") a favore di un solo genere, realizzando così un cambiamento linguistico (giusto le indicazioni di L. Renzi 2012 […]) […].
E perché vorremmo eliminare tale drift? Eliminiamo oscillazione e driftiamo. E già che ci siamo, eliminiamo pure giusta. Ma, a pensarci bene, adottiamo l’esperanto, e cosí saremo adrifti e avremo realizzato un cambiamento linguistico.
Ma il significato di drift (fra i tanti) è tendenza o, nel campo tecnico, deriva. E né l'uno né l'altro hanno attinenza con il significato di oscillazione che si ricava dal contesto. È una terminologia di [alcuni] linguisti?
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10072
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Le amalgame

Intervento di Marco1971 »

Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1677
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: Le amalgame

Intervento di Roberto Crivello »

E quindi drift è proprio tendenza nel senso di modifica graduale, non oscillazione nel senso di esistenza e uso di due termini alternativi. O mi sfugge qualcosa? O il termine italiano nel campo linguistico per questo caso è proprio oscillazione?
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10072
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Le amalgame

Intervento di Marco1971 »

Sí, infatti, e siamo alle solite: non c’era bisogno di chiosare erroneamente oscillazione, ma è stato fatto credendo di figurare, col risultato di sfigurare presso chi ben sa.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Millermann
Interventi: 899
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: Le amalgame

Intervento di Millermann »

Nelle parole con doppio genere, spesso la scelta è dettata dal significato. Penso a termini comuni, come asse, o a casi in cui la scelta è meno immediata, come componente.

Potrebbe essere, forse, un'idea interessante quella di provare a estendere tale possibilità al caso di amalgama. :idea:
Ad esempio, riflettendoci, mi sentirei d'usare (e di consigliare) il femminile nel significato proprio di lega metallica (1 e 2 del Treccani:
1. Minerale, lega di argento e mercurio cristallizzata nel sistema monometrico.

2. Lega metallica formata con il mercurio da diversi metalli, solida, pastosa o liquida a temperatura ordinaria a seconda del tenore in mercurio.
...e il maschile nel significato estensivo/figurato di mescolanza, unione:
3. a. estens. Mescolanza, impasto: a. di colori.
b. fig. Unione o miscuglio di cose diverse.
Uno dei motivi (oltre all'«orecchio») per cui questa scelta mi pare preferibile a quella opposta è che il maschile sarebbe cosí meno specifico del femminile: un'amalgama (lega) sarebbe comunque un amalgama (miscuglio), riducendo la possibilità di commettere errori per chi decidesse di continuare a usare il maschile. :)
Che ne pensate?
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti