"Aveva bisognato" uscire

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

"Aveva bisognato" uscire

Intervento di Fausto Raso »

Segnalo un'altra perla del "Coniugatore di verbi" in linea curato dal Dipartimento di italianistica dell'Università di Trieste:
io avevo bisognato
tu avevi bisognato

lui/lei aveva bisognato

noi avevamo bisognato

voi avevate bisognato

loro avevano bisognato
Come si vede chiaramente usa l'ausiliare avere in luogo di quello corretto che è essere.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Penso che ormai siamo tutti convinti dell’inutilità di ricorrere a tale mezzo. Un coniugatore interessante è invece questo. ;)

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Penso che ormai siamo tutti convinti dell’inutilità di ricorrere a tale mezzo. Un coniugatore interessante è invece questo. ;)
Il suo "coniugatore" (che conoscevo) ecco come coniuga il verbo "trasalire":

Codice: Seleziona tutto

Tempo Coniugazione     
 
INDICATIVO PRESENTE io trasalgo
noi trasaliamo tu trasali
voi trasalite egli trasale
essi trasalgono 
 

Che cosa mi dice?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Le dico che me ne duole. Non ho naturalmente provato tutti i verbi, ma converrà che non ci sono errori, almeno, del tipo *giaco...

A ogni modo, chi è provvisto di buon senso (come noi) non ricorre mai a questi inaffidabili mezzi, ma consulta un buon vocabolario. :)

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Marco1971 ha scritto:A ogni modo, chi è provvisto di buon senso (come noi) non ricorre mai a questi inaffidabili mezzi, ma consulta un buon vocabolario. :)
O il relativo coniugatore automatico... Non ho mai adoperato questo, ma suppongo che contenga ben meno errori.

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Segnalo un altro "coniugatore" in linea: per quello che ho potuto vedere mi sembra affidabilissimo.

www.italian-verbs.com/verbi-italiani.htm

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ma questo, come quello del sito garzantiano, ignorano il participio passato di splendere, che, sebbene raro, esiste. Lo segnala il coniugatore da me indicato sopra, solo che lo coniuga coll’ausiliare essere :shock: e non avere... :roll:

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Ma questo, come quello del sito garzantiano, ignorano il participio passato di splendere, che, sebbene raro, esiste. Lo segnala il coniugatore da me indicato sopra, solo che lo coniuga coll’ausiliare essere :shock: e non avere... :roll:
Mi perdoni, gentile Marco, il coniugatore da lei segnalato (Virgilio-Sapere) coniuga splendere con l'ausiliare avere
splendere:
Forma: Attiva
Ausiliare: Avere
Tempo Coniugazione

PARTICIPIO PASSATO splenduto
"Stranamente" splenduto è segnalato dal coniugatore dell'Università triestina

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Questo coniugatore predica bene e razzola male, visto che nelle forme si trovano: *ero splenduto, *fui splenduto, *sarò splenduto, ecc., in luogo di ho splenduto, ebbi splenduto, avrò splenduto, ecc. ;)

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Questo coniugatore predica bene e razzola male, visto che nelle forme si trovano: *ero splenduto, *fui splenduto, *sarò splenduto, ecc., in luogo di ho splenduto, ebbi splenduto, avrò splenduto, ecc. ;)
Ha ragione: scrive ausiliare avere e poi usa essere (non avevo visto la coniugazione completa).

Quest'altro non riporta splenduto, però mi sembra affidabile:
www.logosconjugator.org

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Credo che ormai abbiamo coniugatori in abbondanza. Io, per me, come già detto, non mi fido mai di tali mezzi, e in caso di dubbio consulto un buon dizionario, sempre piú attendibile (anche in versione elettronica).

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

A proposito di verbi, ritengo interessante segnalare un sito che riporta i "verbi" degli animali:
www.locuta.com/vocian.html

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Un'altra perla del "famoso" coniugatore di verbi dell'Università di Trieste


Coniugazione richiesta:
partire | indicativo | trapassato prossimo | forma attiva | tutte le persone


io avevo partito
tu avevi partito

lui/lei aveva partito

noi avevamo partito

voi avevate partito

loro avevano partito


CHI PUO' INTERVENGA SUBITO!!
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ma non potrebbe trattarsi del verbo partire nel senso di dividere, che, essendo transitivo, si coniuga con avere?
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Fausto Raso
Interventi: 1665
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Ma non potrebbe trattarsi del verbo partire nel senso di dividere, che, essendo transitivo, si coniuga con avere?
Mi permetta di dubitare... :roll: Visti i precedenti di "giacere" e "trasalire"
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite