«Redarre»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

«Redarre»

Intervento di Fausto Raso » ven, 24 feb 2017 14:38

Redarre, secondo il nuovo De Mauro.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4060
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 feb 2017 14:50

Consoliamoci coi classici. :cry:

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » ven, 24 feb 2017 15:27

Sposterei questo filone nella sezione Forestierismi... :roll:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » sab, 25 feb 2017 0:46

In difesa di "redarre" un articolo di Salvatore Claudio Sgroi riportato nel sito della Crusca.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine » sab, 25 feb 2017 14:48

Trovo incomprensibile la posizione della Crusca: accettare una forma per retroformazione può avere un senso quando c'è un vuoto lessicale, tipo manutenere, ma in questo caso c'è il suo bell'infinito che è redigere; e poi come si dovrebbe coniugare questo fantomatico verbo, oltre il participio passato redatto: io *redaggo?

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4060
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » sab, 25 feb 2017 15:48

PersOnLine ha scritto:[E] poi come si dovrebbe coniugare questo fantomatico verbo, oltre il participio passato redatto: io *redaggo?
Secondo il DOP, sí: redaggo, redaggono. Ma precisa che si tratta di forme errate.

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » sab, 25 feb 2017 16:03

Se si digita redarre qui si ottiene la "coniugazione" completa.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 25 feb 2017 16:50

Ferdinand Bardamu ha scritto:
PersOnLine ha scritto:[E] poi come si dovrebbe coniugare questo fantomatico verbo, oltre il participio passato redatto: io *redaggo?
Secondo il DOP, sí: redaggo, redaggono.
Attenzione, Ferdinand! :wink: Il Suo intervento offre il destro alla maliziosa pratica della citazione parziale, con cui si fa dire al citato l'esatto opposto di ciò che intendeva (come ho fatto io stesso, a titolo di esempio).
Ho voluto fare questa precisazione perché anche l'articolo di Sgroi menzionato da Fausto Raso non mi sembra così "in difesa" di *redarre. Sgroi si limita a un censimento, nel quale - purtroppo - vengono tirati in ballo anche nomi illustri. È vero che questo lo porta a concludere che «la censura [di redarre] [...] non sembra proprio giustificata data la sua presenza in sedi 'colte'»; in ogni caso, io ricondurrei il *redarre di Eco (come il *convenirono che apparve, se non erro, nel Nome Della Rosa) alla categoria del quandoque bonus dormitat Homerus, piuttosto che a un argomentum ab auctoritate.
Più sbilanciata verso la legittimazione mi pare invece Vera Gheno, che quell'articolo ha riportato e sforbiciato, con l'aggiornamento (molto poco dirimente, a mio giudizio) dell'attuale "tendenza" dei risultati forniti dalla ricerca con Google (un noto moltiplicatore di scempiaggini).
D'altronde, che la Gheno si attestasse su posizioni più "morbide" s'era capito già qui.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Teo
Interventi: 139
Iscritto in data: dom, 16 apr 2006 9:47
Località: Roma

Re: «Redarre»

Intervento di Teo » sab, 25 feb 2017 21:00

Fausto Raso ha scritto: Redarre, secondo il nuovo De Mauro.
A molto parziale giustificazione del povero De Mauro, rileverei in questa sede che comunque il GRADIT e il De Mauro in linea segnalano il lemma con la marca BU (Basso Uso) e rendono comunque un servizio utile informandoci che tale erronea retroformazione non è così recente come si potrebbe pensare, essendo attestata almeno dal 1942.
Teo Orlando

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite