«intrèdima»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9894
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«intrèdima»

Intervento di Marco1971 »

Nel sito della Treccani sono menzionati alcuni degli adattamenti di forestierismi dovuti a Arrigo Castellani — che io ho già adottato ;) —, fra i quali intrèdima per weekend. Qualcuno ha idea di come sia formata questa parola? Infarinato mi suggerisce la pista del greco hebdomás (-ádos), «che vuol dire [anche] ‹settimana›», ma non siamo sicuri di come interpretare la prima parte, che Infarinato ipotizza — in maniera, secondo me, assai logica — poter derivare dal latino intra, quasi a significare «dentro la settimana». Attendo i vostri lumi! :)
Moxnox
Interventi: 55
Iscritto in data: mer, 19 gen 2005 17:17
Località: Milano

intrèdima

Intervento di Moxnox »

E se, banalmente, invece di intra come "dentro la settimana" fosse "in mezzo "(tra la fine di una settimana e l'inizio di un'altra)?
Insomma, un guado, un passaggio da una settimana a un'altra. Mah...
Il De Mauro, riguardo a "edima", riporta proprio "settimana", con marca d'uso OB.
Ma non credo di aver lumeggiato la questione...
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9894
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ma certo! Ora è tutto chiaro! Grazie! Infatti nel GRADIT c’è anche mezzèdima (= mercoledí). Quindi il significato di intrèdima sarebbe «[periodo] tra una settimana [di lavoro] e l’altra». Peccato, però, che questa trovata del Castellani, come tutte le altre, non siano diffuse da nessuno... :cry:
Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato »

Pare che Moxnox abbia ragione. Tuttavia, mentre mezzèdima lo trovo bellissimo (mi fa quasi venir l'uzzolo d'usarlo 8)), intrèdima mi piace un po' meno: perché non finèdima (non sarà à la Migliorini, ma...)?
Moxnox
Interventi: 55
Iscritto in data: mer, 19 gen 2005 17:17
Località: Milano

Intervento di Moxnox »

Chiedo scusa...domanda oziosa: qual è il genere di intrèdima, mezzèdima e...finèdima? :?
E ribattezzare il lunedí incipièdima? :wink:
Moxnox
Interventi: 55
Iscritto in data: mer, 19 gen 2005 17:17
Località: Milano

Intervento di Moxnox »

Peccato, però, che questa trovata del Castellani, come tutte le altre, non siano diffuse da nessuno...
.
Per parte mia, ho appena spedito un sms a un amico annunciandogli che questo/a intrèdima lo/a passerò al lago. Per solito cosí solerte, non mi ha ancora risposto... 8)
Rimanendo al Castellani, donde scaturisce, invece, fubbia per "smog"? Grazie.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9894
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Son tutte parole femminili. Riguardo a mezzèdima, il Battaglia dice (sotto èdima):
Il composto mezzedima (cioè, mezza-settimana, ‘mercoledí’ sopravvive nella montagna lucchese (cfr. Nuovi testi fiorentini, 866).
E chi ha curato i Nuovi testi fiorentini? Arrigo Castellani, naturalmente!
Moxnox
Interventi: 55
Iscritto in data: mer, 19 gen 2005 17:17
Località: Milano

Intervento di Moxnox »

Gentile Marco1971, saprebbe indicarmi qualche opera (accessibile) di Castellani in commercio? La ringrazio.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9894
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Per fúbbia penserei all’incrocio tra fu[mo] e [ne]bbia, ma è solo un’ipotesi. Ora cerco le opere di Castellani e le fo sapere.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9894
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

I libri disponibili sono i seguenti (su iBS):

Arrigo Castellani

L’ultimo della lista ha lo sconto del 50%, credo proprio che lo ordinerò.

Ho dato una scorsa anche al catalogo della biblioteca universitaria di Losanna, che dà 53 risultati, molti dei quali sono articoli in varie riviste.
Moxnox
Interventi: 55
Iscritto in data: mer, 19 gen 2005 17:17
Località: Milano

Intervento di Moxnox »

Grazie davvero, Marco1971.
Avatara utente
cuci
Interventi: 109
Iscritto in data: lun, 19 set 2005 3:29
Località: Varese

Intervento di cuci »

Marco1971 ha scritto:Per fúbbia penserei all’incrocio tra fu[mo] e [ne]bbia, ma è solo un’ipotesi. Ora cerco le opere di Castellani e le fo sapere.
Confermo io: si tratta proprio di questo arguto incrocio che ricalca quello tra "smoke" e "fog" per la parola "smog".
«Duva vidi moju zzappa fundu»

·Dum·Doceo·Disco·
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9894
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Grazie. In realtà quando apersi questo filone non avevo ancora tra le mani l’articolo del Castellani («Morbus anglicus»), che spiega tutto... ;) Se vuole, glielo spedisco.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti