Il plurale di «girotondo»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Il plurale di «girotondo»

Intervento di Fausto Raso »

Sarebbe interessante conoscere i motivi che hanno indotto Francesco Sabatini e Vittorio Coletti ad attestare - nel loro vocabolario - come invariabile il sostantivo girotondo. È l'unico dizionario - tra quelli consultati - che non ammette il regolare plurale girotondi. Mistero eleusino. Il sostantivo in oggetto, secondo la "legge grammaticale", si pluralizza normalmente perché è un nome composto di un sostantivo maschile singolare (giro) e un aggettivo (tondo). Esiste anche il plurale, raro, giritondi. Girotondo
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10074
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Il plurale di «girotondo»

Intervento di Marco1971 »

Nell’edizione originale del Sabatini-Coletti (1997), alla voce girotondo, c’è scritto solo «s.m.». Si sa che i rifacimenti, lasciati in infime mani, producono spesso risultati bizzarri.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Re: Il plurale di «girotondo»

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto: gio, 05 dic 2019 16:13 Nell’edizione originale del Sabatini-Coletti (1997), alla voce girotondo, c’è scritto solo «s.m.». Si sa che i rifacimenti, lasciati in infime mani, producono spesso risultati bizzarri.
Ha ragione da vendere, cortese Marco. Basta dare un'occhiata al vocabolario Gabrielli in rete.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite