«Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
G.B.
Interventi: 332
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

«Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di G.B. »

Mi chiedo se esistono attestazioni (letterarie e non) del costrutto: "participio passato + particella enclitica -vi", di cui è fornito un esempio in oggetto. In caso negativo, mi chiedo in che misura potrebbe essere ritenuto morfologicamente scorretto farne comunque uso.
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Avatara utente
Millermann
Interventi: 899
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di Millermann »

Per me non v'è niente che non vada in «impressovi» (senza trattino, ovviamente, che credo abbia inserito unicamente per far notare l'aggiunta del clitico ;)). Che cosa le fa pensare che sia scorretto?
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Avatara utente
G.B.
Interventi: 332
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di G.B. »

Millermann ha scritto: mer, 11 dic 2019 19:53 (senza trattino, ovviamente, che credo abbia inserito unicamente per far notare l'aggiunta del clitico ;))
Indubbiamente.
Millermann ha scritto: mer, 11 dic 2019 19:53 Che cosa le fa pensare che sia scorretto?
Un margine di stonatura.
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Avatara utente
Millermann
Interventi: 899
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di Millermann »

Di attestazioni se ne trovano diverse, a cercare su Google libri: si tratta di una forma letteraria, maggiormente usata in testi ottocenteschi.

Osservi questo grafico di Ngram Viewer: mostra la presenza di attestazioni perfino per le forme declinate al femminile e al plurale! ;)

P.S.: A lei, che è sempre cosí attento alle forme piú corrette, vorrei suggerire di leggere ciò che alcuni linguisti consigliano riguardo all'uso di «e non», ad esempio qui. :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1677
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: «Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di Roberto Crivello »

Millermann ha scritto: mer, 11 dic 2019 21:38 [...] vorrei suggerire di leggere ciò che alcuni linguisti consigliano riguardo all'uso di «e non», ad esempio qui. :)
Via Millerman, è una forma ellittica in uso, ne parla anche Luca Serianni nella sua Grammatica Italiana senza condannarla, subito dopo aver parlato della locuzione brachilogica e no (e passa poi a sottolineare che invece è da evitare, almeno nello scritto, la molto diffusa locuzione o meno).
Avatara utente
Millermann
Interventi: 899
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

FT: «E non»

Intervento di Millermann »

Suvvia, caro Roberto, non se la prenda! :P
Non per niente ho parlato di alcuni linguisti... Il fatto è che, da quando frequento questa piazza, certe espressioni, diciamo cosí, «meno consigliate» mi saltano subito all'occhio, e ho pensato di condividere questa sensazione con un utente che, appunto, sembra dar peso anche alle piú piccole «stonature». :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1677
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: «Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di Roberto Crivello »

Eh sì, ma bisogna stare attenti a non lasciarsi influenzare, altrimenti uno dovrebbe cominciare a dire sporte, filme e amenità del genere. :)
Ultima modifica di Roberto Crivello in data gio, 12 dic 2019 1:56, modificato 1 volta in totale.
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4367
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: «Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Per rispondere alla prima domanda di Giorgio, interrogando l’archivio della Biblioteca Italiana ho trovato un’attestazione letteraria proprio di impressovi nella Storia della letteratura italiana di Francesco De Sanctis:

Il poeta ha scossa la polvere dalle antiche forme pagane, e le ha rifatte e rinnovate. Come a costruire il suo inferno toglie alla terra le sue forme, e strappandole dal circolo loro assegnato, le compone diversamente e ti crea una nuova natura; così ad esprimere lo spirito toglie dalla mitologia tutte le forme demoniache, Minos, Caronte, Cerbero, Pluto, Gerione, le arpie, le furie, e le trasporta nel suo inferno: le trova vuote e libere, spogliate di concetto, di vita e di religione, e le ricrea, le battezza; impressovi sopra il suo pensiero e la sua religione.

P.S.: Sarò «ameno», ma non ce la faccio proprio a dire e scrivere e non, o peggio, o non. Per me è come il piuttosto che disgiuntivo. :mrgreen:
Avatara utente
G.B.
Interventi: 332
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Che vi è stato impresso» = «impresso-vi»?

Intervento di G.B. »

Ringrazio i cordialissimi Millermann e Ferdinand per le Loro risposte più che complete.
Millermann ha scritto: mer, 11 dic 2019 21:38 P.S.: A lei, che è sempre cosí attento alle forme piú corrette, vorrei suggerire di leggere ciò che alcuni linguisti consigliano riguardo all'uso di «e non», ad esempio qui. :)
Grazie pure per questo prezioso spunto che terrò d'ora in poi in considerazione. Chiudo dicendo che è un onore per me essermi guadagnato questa nobile 'fama'. :lol:
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite