Ventiquattr'ore o ventiquattrore

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
studioso
Interventi: 12
Iscritto in data: gio, 18 mag 2006 10:43

Ventiquattr'ore o ventiquattrore

Intervento di studioso »

Mi sono imbattuto in questo sostantivo, che non di rado è scritto con l'apostrofo per indicare il periodo di tempo e senza apostrofo per indicare la valigetta. Voi che ne pensate?

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Le forme consigliabili nei rispettivi casi sono, a mio parere, quelle da lei indicate.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Nel caso del sostantivo sono ammesse entrambe le grafie (ma preferisco la scrizione univerbata); nel caso dell’espressione temporale, invece, è possibile solo la grafia coll’apostrofo.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Marco1971 ha scritto:...nel caso dell’espressione temporale, invece, è possibile solo la grafia coll’apostrofo.
Non per il GRADIT e per il DISC che ammettono, per esprimere l'arco temporale di un giorno, anche la forma univerbata.
Io comunque, ripeto, in questi casi preferisco la grafia coll'apostrofo.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9594
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ho parlato di sostantivi. Non è possibile scrivere *Ci vediamo fra ventiquattrore.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Fausto Raso
Interventi: 1667
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

bubu7 ha scritto:Le forme consigliabili nei rispettivi casi sono, a mio parere, quelle da lei indicate.
Condivido pienamente quanto scritto da bubu7. :D
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Fausto Raso
Interventi: 1667
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso »

Marco1971 ha scritto:Ho parlato di sostantivi. Non è possibile scrivere *Ci vediamo fra ventiquattrore.
Qui sono d'accordo con Marco1971. :D
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Marco1971 ha scritto:Ho parlato di sostantivi.
Non capisco.
Anch’io parlavo di sostantivi e sul sostantivo chiedeva lumi la domanda.
Per esprimere l’arco temporale di un giorno sono ammesse, dal GRADIT e dal DISC, entrambe le forme.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3648
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

bubu7 ha scritto:Anch’io parlavo di sostantivi e sul sostantivo chiedeva lumi la domanda.
Per esprimere l’arco temporale di un giorno sono ammesse, dal GRADIT e dal DISC, entrambe le forme.
Il che sarebbe anche cosa buona e giusta, ma, mentre l’esempio del DISC è ineccepibile (grassetto mio):
3 (al pl.) Arco temporale di un giorno: tornare nelle v.
mi sembra un po’ difficile riconoscere nel ventiquattrore dell’esempio del GRADIT (del tutto simile a quello marciano qui sopra)
1 s.f.pl. CO periodo che corrisponde alla durata di un giorno: devo terminare questo lavoro entro v.
un «arco temporale di un giorno» anziché «ventiquattr’ore» tout court.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Infarinato ha scritto:...mi sembra un po’ difficile...
Un po’ difficile, ma neanche tanto. :wink:
Il GRADIT parla di sostantivo, e la definizione dice ‘periodo che corrisponde alla durata di un giorno’ dove per me ‘durata’ equivale a ‘arco temporale’.
Quindi nell’esempio del GRADIT si deve ipotizzare l’ellissi dell’articolo.

Questo però mi sembra un particolare secondario rispetto alla questione posta e alla risposta che ho dato (che penso sia condivisa anche dai miei interlocutori).
La riporto per chiarezza dei lettori.
Le forme consigliabili, a mio parere, sono quelle indicate da studioso.
Comunque il GRADIT e il DISC ammettono entrambe le forme per entrambi i significati. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3648
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

bubu7 ha scritto:Quindi nell’esempio del GRADIT si deve ipotizzare l’ellissi dell’articolo.
Precisamente… ma Lei sa bene che di ellissi in ellissi si finisce col giustificare tutto, e allora tanto valeva riportare un esempio piú acconcio, ché qui non si vede bene (sul piano concettuale: l’aspetto grafico è, sí, «secondario») che differenza ci sia tra, appunto, ventiquattrore e ventiquattr’ore. ;) E faccio mie le parole di Marco, che «riporto per chiarezza dei lettori» :):
Marco1971 ha scritto:Nel caso del sostantivo sono ammesse entrambe le grafie (ma preferisco la scrizione univerbata); nel caso dell’espressione temporale, invece, è possibile solo la grafia coll’apostrofo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite