Si verbizza l’aggettivo con «-izzare», ma «immortalare»?

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
loquispatha
Interventi: 7
Iscritto in data: ven, 31 lug 2020 9:24

Si verbizza l’aggettivo con «-izzare», ma «immortalare»?

Intervento di loquispatha »

Salve! Mi lascia sempre perplesso che l'unico modo che noi abbiamo per verbizzare sistematicamente sostantivi e soprattutto aggettivi sia aggiungere la desinenza "-izzare", che può essere di difficile pronuncia o risultare troppo lunga sopratutto quando si forma il nome con "-izzazione". Eppure l'aggettivo "immortale" è stato verbizzato come "immortalare". Perché non si può fare la stessa cosa con tutti gli altri aggettivi?
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10074
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Si verbizza l’aggettivo con «-izzare», ma «immortalare»?

Intervento di Marco1971 »

La formazione delle parole può avvenire attraverso vari procedimenti. Nel caso di verbi derivati da aggettivi, accanto alla derivazione suffissale (-izzare, -eggiare...), esiste la derivazione parasintetica, cioè con l’aggiunta e di un prefisso e di un suffisso, come ad esempio ad-dolc-ire, in-debol-ire, r-imbecill-ire, s-cald-are, ecc.

La questione è molto complessa, ma forse il collegamento qui sopra le può fornire alcuni rimandi e riferimenti bibliografici per approfondire (in particolare: Grossmann, Maria (2004a), Verbi deaggettivali, in Grossmann & Rainer 2004, pp. 459-465, e Grossmann, Maria & Rainer, Franz (a cura di) (2004), La formazione delle parole in italiano, Tübingen, Max Niemeyer). :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
G.B.
Interventi: 332
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: Si verbizza l’aggettivo con «-izzare», ma «immortalare»?

Intervento di G.B. »

loquispatha ha scritto: gio, 20 ago 2020 14:59 Salve! Mi lascia sempre perplesso che l'unico modo che noi abbiamo per verbizzare sistematicamente sostantivi e soprattutto aggettivi sia aggiungere la desinenza "-izzare" [...]. Eppure l'aggettivo "immortale" è stato verbizzato come "immortalare". Perché non si può fare la stessa cosa con tutti gli altri aggettivi?
Interessante quesito a cui non posso che provare a rispondere banalmente: per un fatto di produttività. Immortalare, agevolare, mutilare, estrinsecare, oggettivare ecc. (che non sono neanche pochi!) non sembrano aver innescato il necessario impulso analogico che sarebbe occorso per rendere un tale meccanismo di formazione «sistematico». I suffissi -izz[-are], -ific[-are] ed -eggi[-are], invece, sono produttivi in italiano moderno...

...segnatamente il primo, che, quando innecessario, preferisco evitare: meglio sostantivazione di sostantivizzazione; ma certo oggi non posso che preferire ammortizzare ad ammortare, se voglio attenermi all'uso (come non posso dire unizzare al posto di unificare o unire). In certi casi, poi, bisogna fare delle distinzioni: attivizzare sembra migliore di attivare se proprio voglio dire «rendere attivo, efficiente», involgarire va meno bene di volgarizzare se voglio starmene sul neutro, e oggi non si può sistemare se non nel senso osteggiato dal Tommaseo (per altri usi, infatti, «piú utili e proprii» ormai c'è sistematizzare). Noti infine che da immortale s'è fatto pure immortalizzare!

La questione, come diceva Marco, è complessa.
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite