«Statunicentrico»?

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
G. M.
Interventi: 580
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

«Statunicentrico»?

Intervento di G. M. »

Seguendo anche le osservazioni del nostro amico Gabriele Valle, nel parlare e nello scrivere distinguo sempre «America» e «americano» da «Stati Uniti (d'America)» e «statunitense».
Come indicare allora il -centrismo relativo agli Stati Uniti? Per qualche motivo mi viene spontaneo far cadere una sillaba e dire statunicentrico, statunicentrismo. Le attestazioni in Rete sono prevedibilmente pochissime, ma è curioso che siano leggermente più numerose per la forma scorciata di questo composto che per quella completa. Naturalmente, non farei però lo stesso se dovessi scrivere —invento— statunitofilo o statunitomane.
Statunicentrico è accettabile, o è meglio mantenere la coerenza con gli altri termini e non far cadere una sillaba? E in tal caso, meglio statunitocentrico o statuniticentrico?
Vorrei usare il termine con -centrico in un testo dove cerco di avere una lingua un po' sorvegliata; che cosa mi consigliate? Voi che cosa usereste?
Avatara utente
G.B.
Interventi: 520
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di G.B. »

Meglio statunitocentrico, statunitocentrismo.
G.B.
Avatara utente
Millermann
Interventi: 1000
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di Millermann »

G. M. ha scritto: mer, 27 gen 2021 10:27Le attestazioni in Rete sono prevedibilmente pochissime, ma è curioso che siano leggermente più numerose per la forma scorciata di questo composto che per quella completa.
Si direbbe, anzi, che di statunitocentrismo/statunitocentrico non vi sia traccia, né di statuniticentrismo/statuniticentrico. :? (Convengo comunque con G. B. che la prima forma sia da preferire).

Si trova, invece, un certo numero di occorrenze della versione non univerbata Stati Uniti-centrico, scritto anche con le iniziali minuscole e con uno, due o anche nessun trattino.

Riguardo poi alla necessità, da lei citata, di distinguere tra americano e statunitense, sono sostanzialmente d'accordo con Valle, pur non facendone una questione d'importanza eccessiva.
In fondo, essendo il nome completo «Stati Uniti d'America», statunitense è incompleto quanto lo è americano. Se si fossero realizzati gli «Stati Uniti d'Europa» (anziché l'Unione europea) saremmo «statunitensi» anche noi? :P

Il fatto che americano abbia in questo modo un doppio significato non dovrebbe infastidire piú di tanto: succede con tante altre parole, anche nello stesso campo: pensiamo a sudafricano.
Dal Treccani, può significare sia «dell'Africa meridionale» sia «abitante dello stato della Repubblica Sudafricana».
Anzi, in questo caso non abbiamo alternative all'ambiguità (a parte un eventuale trattino). Ad esempio, la flora sudafricana o il clima sudafricano a quale entità geografica si riferiscono esattamente? ;)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini
Avatara utente
G. M.
Interventi: 580
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di G. M. »

Grazie a entrambi per il parere. :)
Millermann ha scritto: gio, 28 gen 2021 18:15 Si direbbe, anzi, che di statunitocentrismo/statunitocentrico non vi sia traccia, né di statuniticentrismo/statuniticentrico.
Per me Google ne trova qualcuna: 1, 2, 3, 4.
Fuori tema
Millermann ha scritto: gio, 28 gen 2021 18:15Riguardo poi alla necessità, da lei citata, di distinguere tra americano e statunitense, sono sostanzialmente d'accordo con Valle, pur non facendone una questione d'importanza eccessiva.
In fondo, essendo il nome completo «Stati Uniti d'America», statunitense è incompleto quanto lo è americano. Se si fossero realizzati gli «Stati Uniti d'Europa» (anziché l'Unione europea) saremmo «statunitensi» anche noi? :P
Di fatto, una volta un commentatore su Facebook mi ha scritto giustamente che la stessa parola statunitense è «statunitocentrica», dato che la usiamo per gli Stati Uniti d'America e non per gli Stati Uniti Messicani. :wink:
È indubbio che esistano molte ambiguità simili; ma dove ci sono termini (potenzialmente) univoci, mi piace evitarle. In questo caso soprattutto, vista la dimensione immensa dell'oggetto trattato*: altro che Olanda ~ Paesi Bassi! :P Così, per riprendere il suo esempio, solitamente distinguo europeo (per l'Europa) da comunitario (per l'UE), a meno che voglia confondere i concetti intenzionalmente.

[*Un mio amico andò via per parecchi mesi negli Stati Uniti. Al ritorno gli chiesi: «Allora, com'è stato il tuo viaggio in Nordamerica?», e lui mi rispose (seriamente) qualcosa del genere: «Ma non sono andato in Nordamerica, sono stato in Arizona e California :| ».]
Avatara utente
lorenzos
Interventi: 469
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di lorenzos »

E usacentrico, o usa-centrico, anche con la maiuscola?
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 580
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di G. M. »

lorenzos ha scritto: gio, 28 gen 2021 22:24 E usacentrico, o usa-centrico, anche con la maiuscola?
Se avessimo una sigla nostrana con cui farlo... :mrgreen:
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4579
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di Ferdinand Bardamu »

G. M. ha scritto: ven, 29 gen 2021 9:55Se avessimo una sigla nostrana con cui farlo... :mrgreen:
Ci sarebbe SUA: ne abbiamo parlato qui.
Antujo
Interventi: 65
Iscritto in data: ven, 05 giu 2015 12:16

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di Antujo »

Mi è sorto un dubbio, probabilmente infondato: la sigla SUA andrebbe preceduta dall'articolo gli?
Avatara utente
G. M.
Interventi: 580
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di G. M. »

Antujo ha scritto: ven, 29 gen 2021 12:18 Mi è sorto un dubbio, probabilmente infondato: la sigla SUA andrebbe preceduta dall'articolo gli?
Beh, dipenderà dalla pronuncia. Io per brevità direi /ˈsua/, quindi «i SUA»; altrimenti, «gli /[ˌ]ɛsse[ˌ]uˈa*/».
Avatara utente
lorenzos
Interventi: 469
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di lorenzos »

Chiedo venia, ma con «i SUA» conosco solo li mortacci. :D
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.
Antujo
Interventi: 65
Iscritto in data: ven, 05 giu 2015 12:16

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di Antujo »

G. M. ha scritto: ven, 29 gen 2021 12:23
Antujo ha scritto: ven, 29 gen 2021 12:18 Mi è sorto un dubbio, probabilmente infondato: la sigla SUA andrebbe preceduta dall'articolo gli?
Beh, dipenderà dalla pronuncia. Io per brevità direi /ˈsua/, quindi «i SUA»; altrimenti, «gli /[ˌ]ɛsse[ˌ]uˈa*/».
Già, è cosí logico. Tuttavia, pronunciare i SUA avendo in mente gli Stati Uniti d’America mi lascia come la sensazione di uno che dice di andare a destra mente volta a sinistra. Pazienza.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1765
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di Roberto Crivello »

G. M. ha scritto: mer, 27 gen 2021 10:27 Seguendo anche le osservazioni del nostro amico Gabriele Valle, nel parlare e nello scrivere distinguo sempre «America» e «americano» da «Stati Uniti (d'America)» e «statunitense».
Seguendo questo criterio, non si dovrebbe più dire né scrivere scoprire l'America, truffa all'americana, scollo all'americana, e così via...
Avatara utente
G. M.
Interventi: 580
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di G. M. »

Fuori tema
Roberto Crivello ha scritto: mer, 03 feb 2021 18:45 Seguendo questo criterio, non si dovrebbe più dire né scrivere scoprire l'America, truffa all'americana, scollo all'americana, e così via...
Io in realtà facendo quell'osservazione iniziale non volevo farvi discutere sulla necessità di distinguere (riprendendo le parole di Millermann), ma solo spiegare perché mi trovavo ad aver bisogno di un termine fatto in un certo modo anziché in un altro. :) A me personalmente la distinzione —nei limiti del possibile— sembra sicuramente preferibile, ma non intendevo dare per scontato che sia giusto fare così; se volete si può discuterne in un filone apposito.
Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1765
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di Roberto Crivello »

Forse una spiegazione di cosa sia il centrismo relativo agli Stati Uniti non guasterebbe, perché io confesso di non capire cosa sia.
Avatara utente
G. M.
Interventi: 580
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 15:54

Re: «Statunicentrico»?

Intervento di G. M. »

Roberto Crivello ha scritto: mer, 03 feb 2021 19:27 Forse una spiegazione di cosa sia il centrismo relativo agli Stati Uniti non guasterebbe, perché io confesso di non capire cosa sia.
Beh, questo mi sembra abbastanza evidente: è la tendenza a considerare gli Stati Uniti «il centro del mondo», analogamente a eurocentrismo o, in àmbito meno geografico ma comunque con significato simile, egocentrismo, antropocentrismo, eliocentrismo e tutti i termini di questa forma.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite