«Azzimútto, zènito/zènitte, nadírre»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

«Azzimútto, zènito/zènitte, nadírre»

Intervento di Marco1971 » lun, 19 mar 2007 1:13

Solo per il gusto della lingua piú genuina...

D’Annunzio: L’uomo tirrenio...
...che misura
senza fallire con l’occhio l’azzimutto.

Fallamonica: Quel [qual?] epiciclo è retto, e qual va indietro; le linee li zeniti e le stazioni
e cose pur assai tedisse al metro
ne son de l’opra mia l’intenzioni.

Galileo: Quel punto del cielo, che perpendicolarmente ci è sopra la testa, e quello che è a lui contrapposto, vengono ad esser come poli del nostro orizzonte, e chiamasi l’un punto verticale, ovvero zenitte, e l’altro opposto, nadhir.

Tesauro: ‘Polo’ o punto immobile della sfera, ‘zenitte’, ‘nadirre’.


Veramente preferisco zènito a zènitte...
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 22 giu 2007 18:20

Non mi piacciono. Il raddoppiamento della consonante finale mi dà l'idea di qualcosa di popolaresco che è inappropriato per dei termini astronomici.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » ven, 22 giu 2007 19:04

La sua mi sembra un’impressione alquanto epidermica. Popolaresche queste parole non sonavan né a D’Annunzio né a Galileo, che di certo erano sensibilissimi alla lingua. Naturalmente non discuto di gusti (ma siamo alle solite: l’assuefazione rompe la stranezza o il disgusto iniziali).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » ven, 22 giu 2007 21:27

Marco1971 ha scritto:La sua mi sembra un’impressione alquanto epidermica. Popolaresche queste parole non sonavan né a D’Annunzio né a Galileo, che di certo erano sensibilissimi alla lingua. Naturalmente non discuto di gusti (ma siamo alle solite: l’assuefazione rompe la stranezza o il disgusto iniziali).
Sì, può darsi che sia una semplice questione di abitudine. Però non sono parole così strane, a parte la consonante finale, e certamente sono molto più consone al sistema fonologico italiano di molti anglicismi recenti.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 23 giu 2007 2:45

Sul sistema fonologico dell’italiano s’è discusso moltissimo qui. E lei certamente avrà letto tutto per sapere la posizione mia, quella d’Infarinato e quella di Roberto Crivello (nonché quella di Migliorini e Castellani).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » sab, 23 giu 2007 3:04

Veramente preferisco zènito a zènitte...
Mi sembra praticamente impossibile mantenere nella pronuncia quella t raddoppiata di zenitte. Io al meno non ci riesco. Non mi sovvengono altre sdrucciole con l'ultima raddoppiata. Anche perciò preferisco zènito. :)

Brazilian dude

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1626
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » sab, 23 giu 2007 5:43

Marco1971 ha scritto:Sul sistema fonologico dell’italiano s’è discusso moltissimo qui. E lei certamente avrà letto tutto per sapere la posizione mia, quella d’Infarinato e quella di Roberto Crivello (nonché quella di Migliorini e Castellani).
Nonché quella di Giacomo Devoto e di Gianfranco Folena.
:wink:

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor » sab, 23 giu 2007 16:14

Brazilian dude ha scritto:
Veramente preferisco zènito a zènitte...
Mi sembra praticamente impossibile mantenere nella pronuncia quella t raddoppiata di zenitte. Io al meno non ci riesco. Non mi sovvengono altre sdrucciole con l'ultima raddoppiata. Anche perciò preferisco zènito. :)

Brazilian dude
Concordo. Non direi impossibile, ma sicuramente un po' forzata o artificiosa.

E poi zenito è tanto bello... :wink:

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 23 giu 2007 19:19

Torno a insistere – poiché ancor circolano all’intorno su questo ingiustificati preconcetti – sulla «normalità» strutturale della forma azzimutto, illustrando il mio proposito con altre parole d’origine araba; e credo che non ci sia barba d’uomo che riterrebbe «popolaresche» tali voci (metto tra parentesi la forma araba, con quei diacritici di cui dispongo):

alambicco (al-anbīq), albicocca (al-barqūq), almanacco (al-manāx), azzurro (lāžurd), bernusse (bernūs), bizzeffe (bizzēf), califfo (xalīfa), caracca (harrāqa), dabbuddà (dabdaba), dragomanno (tarğumān), farfarello (farfār), fusciarra (faššar), gazzarra (ġazāra), gazzella (gazēl), giraffa (zerāfa), giubba (jubba), giulebbe (julēb), magaleppo (mahlab), magaluffo (mahlūf), mammalucco (mamlūk), mantarro (mamtar), materasso (matrah), ragazzo (raqqāz), rubbo (rub‘), salamelecco (salām ‘alayk), sandracca (sandarūs), sceriffo (šarīf), sciabecco (šabbāk), sommacco (summāq), tariffa (tarīfa), zecca (sikka[h]), zibibbo (zibīb), ecc.

Perché non ci suonano popolareschi questi vocaboli? Perché (per la maggior parte) li usiamo da sempre, senza sapere che non sono parole italiane indigene. Non dovremmo quindi stupirci né di azzimutto (as-sumūt), né, tanto per fare un esempio, di ginsi (jeans) o di scicche/scicco (chic). Ma sembra che le uniche novità che si accettino oggidí siano sequenze di lettere di cui non si ricorda l’ordine e di cui s’ignora la pronuncia.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
G. M.
Interventi: 198
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » gio, 13 lug 2017 11:23

Perdonatemi: riesumo un filone dopo più di dieci anni... :lol:
Ho consultato il Battaglia pochi giorni fa e zenito e zenitte vi sono registrati, ma senza il segnaccento: il che, come da indicazioni del dizionario, equivale a un'accentazione piana: dunque zenìto e zenìtte.
Da che cosa si deduceva, dunque, l'accentazione sdrucciola?

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » gio, 13 lug 2017 13:44

Dalla pronuncia di zènit.
Per zènite va tutto molto liscio, per zènitte no perché l'ultima sillaba è chiusa e in italiano un'ultima sillaba chiusa non lascia risalire l'accento.
Ci sono poche eccezioni a questa regola.

Avatara utente
G. M.
Interventi: 198
Iscritto in data: mar, 22 nov 2016 16:54

Intervento di G. M. » gio, 13 lug 2017 16:22

valerio_vanni ha scritto:Dalla pronuncia di zènit.
Ma, seppur più rara, c'è anche la pronuncia tronca zenìt: DOP, Treccani, DiPI.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite