Aggettivi derivati da nomi propri in -s

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9610
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Aggettivi derivati da nomi propri in -s

Intervento di Marco1971 »

Prendo l’esempio di Maria Callas. Nella critica musicale prevale l’aggettivo callasiano /kalla'zjano/, mentre mi pare che si dovrebbe dire e scrivere callassiano /kallas'sjano/ (qualche ricorrenza gugoliana). Lo stesso varrebbe per zeusiano (registrato nel GRADIT colla pronuncia /dzeu'zjano/), che io scriverei zeussiano /dzeus'sjano/. Che ne pensate?
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor »

Mi sembra che si tenda a considerare la pronuncia scempia più "fine".
Anche nei vari sopratutto ecc. ad esempio.
E' una mia impressione?
Comunque concordo con quanto scritto da Marco.

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue »

Dunque anche venussiano per un abitante di Venere?
E malthussiano? (7 occorrenze su google di cui 6 in lingua spagnola, contro le 23000 di malthusiano)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9610
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Certo. ;) A dir il vero, però, in italiano è preferibile usare veneriano.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Re: Aggettivi derivati da nomi propri in -s

Intervento di bubu7 »

Marco1971 ha scritto: mentre mi pare che si dovrebbe dire e scrivere callassiano /kallas'sjano/ ...
Dice questo per una sua insindacabile preferenza personale oppure per qualche considerazione linguistica generale? :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3670
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Aggettivi derivati da nomi propri in -s

Intervento di Infarinato »

bubu7 ha scritto:Dice questo per una sua insindacabile preferenza personale oppure per qualche considerazione linguistica generale? :)
Avevo scritto qualcosina io in proposito un po’ di tempo fa… Per quanto riguarda Callas /'kallas/ (penultimale), io sarei per callasiano (s scempia, ma sorda: /kalla'sjano/).

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Grazie, caro Infarinato, per il collegamento interessante e istruttivo.
Consiglio la consultazione del suo rimando alla Grammatica del Serianni (XV.9).
Anch'io propendo per callasiano (mi darebbero fastidio le due doppie così ravvicinate); anche gli altri derivati in -ssiano da nomi propri in -s mi suonano male.
Una ricerca sulla versione elettronica del GRADIT non fornisce esempi significativi di questo tipo di derivazione.
Diverso il caso, ad esempio, di murattiano, che avrei difficoltà a pronunciare con la t scempia.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 8:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 »

Mi scusi Infarinato, perché callasiano con la s sorda?
In venusiano non è sonora?

Grazie per la sua attenzione e cordiali saluti.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3670
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Fabio48 ha scritto:Mi scusi Infarinato, perché callasiano con la s sorda?
In venusiano non è sonora?
Perché Callas esce in s sorda, ergo /'kallas/ > /kalla'sjano/, mentre venusiano ci viene bell’e formato dal francese vénusien, che ha ovviamente(*) la sonora.

Incidentalmente, come ricordava Marco, in «italiano italiano» si dovrebbe dire veneriano (da Venere, che in francese si dice Vénus, donde appunto vénusien).

___________________

(*) L’s intervocalica è sempre sonora in francese.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1656
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello »

Infarinato ha scritto:Incidentalmente, come ricordava Marco, in «italiano italiano» si dovrebbe dire veneriano (da Venere, che in francese si dice Vénus, donde appunto vénusien).
Se ho capito bene, "l'italiano italiano" è una lingua costruita a tavolino, come l'esperanto, in cui tutto viene filtrato attraverso un esame etimologico ideale, senza tener conto della reale derivazione delle parole, dei suoi rapporti con altre lingue.
O non è così?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9610
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Non direi: tra l’altro veneriano è registrato.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Fabio48
Interventi: 199
Iscritto in data: mer, 30 nov 2005 8:38
Località: Lucca

Intervento di Fabio48 »

Grazie Infarinato.
Pensavo a Venus in latino.

Cordialità.
...un pellegrino dagli occhi grifagni
il qual sorride a non so che Gentucca.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3670
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato »

Fabio48 ha scritto:Pensavo a Venus in latino.
Se l’aggettivo ci venisse [indirettamente] dal latino, dovrebbe essere appunto veneriano, ché, tranne rare eccezioni, in italiano nomi e aggettivi derivano dall’accusativo latino, non dal nominativo. ;)

P.S. Se ci venisse invece direttamente dal latino, sarebbe ovviamente venereo (o *venerio), che in italiano ha però altri, piú specifici, significati.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9610
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Per una volta (è cosí raro! :D) non condivido la posizione del nostro caro Infarinato: spontaneamente mi viene da pronunciare /kallas'sjano/, non /kalla'sjano/. Di solito, infatti, i derivati (o adattamenti) di parole uscenti in vocale + consonante raddoppiano:

ananas > ananasse, ananasso;

gas > gassare, gassificare, gassoso;

caos > caosse;

cuscus > cuscussu, cuscussú.


Questo almeno nell’italiano piú genuino. In toscano, come meglio di me sa Infarinato, si dice lapisse, vermutte, picchinicche, ecc. E cosí da Internet(te) abbiamo internettista e non *internetista.

Non capisco quindi perché preferire callasiano (sia pure con ‘s’ sorda) a callassiano. :roll:
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 11:20

Intervento di Bue »

Marco1971 ha scritto:spontaneamente mi viene da pronunciare /kallas'sjano/
Sehondo me ti viene dappronunciare /hallas'sjano/ :wink:

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite