«La parola piú scomposta della lingua italiana...»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9993
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«La parola piú scomposta della lingua italiana...»

Intervento di Marco1971 »

...morfologicamente, qual è, secondo voi? Io ho in mente un animale d’altri tempi...
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:29

Intervento di Incarcato »

Non saprei, dicci dicci...
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9993
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Sospirare vi lascio ancor un poco... ;) Con un indizio: comincia colla lettera m.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9993
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Occorre un altro aiutino? :roll: Termina in -t ed è bisillabo.

Se a niun sovviene, quando a mezzo fia la notte tututto disvelerovvi. :D
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1310
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà »

Mammut.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9993
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Sí! :) Si tratta di mammút, la cui t finale in sillaba accentata (meno striderebbe in sillaba atona – màmmut, per intenderci) precipita il vocabolo nel girone delle parole immonde. Esistono varianti morfologicamente italiane, come mammòto, mammúto [questa piuttosto infelice, ché viene in mente un essere dalle immani mammelle :D] e mammútto. La prima variante si trova presso Gioberti; dell’ultima si ha un esempio in Baldini.

Personalmente avrei proposto mammónte se, come afferma il GRADIT, la forma mammut (attraverso il francese mammouth) è probabilmente dovuta a un errore di lettura* del russo mamot, mamont (-out per -ont). Ma mi accontento di mammòto e mammutto, con una preferenza per la prima forma, forse piú armonica.

Esistono altri termini in -út, che però non appartengono all’uso comune: belzebút (tipo di scimmia, e non vedo perché non si sia semplicemente aggiunta un’accezione a belzebú), e, nella notazione musicale medievale, gammaút, gesolreút (ut fu poi sostituito da do). Come termini storici caduti dall’uso sono intoccabili; non si capisce bene, tuttavia, perché non si sia fatto gammaútte, gesolreútte, visto che c’è solreútte e non trovo traccia di solreút.

La mia rapida ricerca non m’ha consentito di rinvenire altri vocaboli in -ut accentati sulla u (se non alcuni in cui si rinvia alla variante con terminazione vocalica), mentre abbiamo, d’uso comune, vèrmut, in cui l’accentazione sulla prima sillaba rende piú tollerabile la finale consonantica – senza conferirle piena accettabilità: io, per me, memore di Nievo e di Faldella, m’avvalgo dell’antico vermútte.
____________________

*Non sarebbe un caso isolato: anche zènit è «cattiva lettura di zemt, con cui si rendeva l’ar. SAMT». (A. Castellani, Grammatica storica della lingua italiana, Bologna, Il Mulino, 2000, p. 242, n. 244.) Non si può ovviamente ignorare la portata storica di tali errori di lettura, e siccome esiste il bellissimo zènito, teniamocelo; se l’errore non fosse avvenuto, si sarebbe forse giunti alle forme sàmite, sàmito, o, seguendo la pronuncia volgare d’allora, a sèmite, sèmito.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite