«Sub-»

Spazio di discussione su questioni di carattere morfologico

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

«Sub-»

Intervento di Marco1971 »

Nulla di male, per carità, è un prefisso tutto latino. Tuttavia, mi sembra che per influsso anglosàssone se ne abusi, a scàpito di sotto-, e con risultati sovente infelici. Per esempio, mi pare preferibile parlare di sottaccezione invece che di sub-accezione. E passi pure subaccezione, che non oppíla la dizione. Ma substandard è proprio mostruoso, e si potrebbe benissimo dire sottostàndaro.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Tuttavia non credo che c'entri l'inglese, quanto il solito ipercorrettismo alla ricerca della «lectio difficilior».

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Io penso invece che c’entri, e substandard, substrato (in senso linguistico al posto di sostrato), ecc. ne sono difficilmente confutabili prove.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

methao_donor
Interventi: 341
Iscritto in data: gio, 14 set 2006 23:04
Località: Finlandia

Intervento di methao_donor »

Federico ha scritto:Tuttavia non credo che c'entri l'inglese, quanto il solito ipercorrettismo alla ricerca della «lectio difficilior».
Concordo. Anche se, in fondo, una cosa include l'altra...

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Marco1971 ha scritto:Io penso invece che c’entri, e substandard, substrato (in senso linguistico al posto di sostrato), ecc. ne sono difficilmente confutabili prove.
Eppure a me sembra che sub- sia produttivo a prescindere dal modello di parole straniere, per i neologismi nostrani (anche effimeri).

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Ha qualche esempio di termine recente (con ‘recente’ mi riferisco agli ultimi trent’anni) con sub- che non ci venga dall’estero e sia una formazione italiana scria scria?
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Il GRADIT fornisce questi risultati (scusate l'intromissione :) ): subalternità, subcultura, subduzione, subemendamento, subfornitura (e derivati), subsatellite, subuniverso, subvedente.
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Grazie, bubu, della lista. A parte subemendamento, subfornitura, subuniverso e subvedente, le altre parole non sono formazioni italiane: subalternità è certo formazione italiana ma sull’aggettivo subalterno, che è un latinismo, cosí come subduzione (lat. subductionem). Sarebbe difficile non vedere l’influsso dell’inglese in subcultura (1979) quando esisteva già sottocultura (1965) (in inglese il termine è attestato sin dal 1886) e in subsatellite. Quello che intendevo porre in rilievo è che mi sembra ci sia oggi la tendenza a dimenticare sotto- a favore del piú aulico sub- e che questa tendenza è molto probabilmente agevolata dalle formazioni anglosàssoni.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1454
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 14:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 »

Prego, caro Marco.

La lista non era scremata al massimo ma, ad esempio, subalterno mi sembra preferibile, perché più scorrevole, di *sottoalterno, e subcultura ha sì, probabilmente, subito l'influsso dell'inglese ma riprendendoci un latinismo; quindi, poco male.
Marco1971 ha scritto: Quello che intendevo porre in rilievo è che mi sembra ci sia oggi la tendenza a dimenticare sotto- a favore del piú aulico sub- e che questa tendenza è molto probabilmente agevolata dalle formazioni anglosàssoni.
Certo, sotto- è più italiano di sub- ma questa tendenza di cui parla non emergerebbe da una grossolana interrogazione del GRADIT.

Sotto- 58 occorrenze (1975 - 2005); 124 occorrenze (1945 - 1975).

Sub- 19 occorrenze (1975 - 2005); 141 occorrenze (1945 - 1975).
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Il caso di subalterno è pacifico: è il latino subalternum e non un nuovo conio. Per quanto riguarda la fluidità, un *sottalterno (con assimilazione della ‘o’, come in sottintendere ad esempio) non disdirebbe...

È vero, i dati da lei gentilmente forniti smentiscono la mia ipotesi, fondata sui sensi (e io resto convinto che oggi invece di sottotitoli e di sottufficiali avremmo senz’altro subtitoli e subufficiali) e s’una mia esperienza: in un messaggio elettronico d’un lessicografo a me destinato ho letto sub-accezione quando io, spontaneamente, ho sempre parlato di sottaccezione. E non è clamoroso il caso di subcultura (che chiamerei uno pseudo o neolatinismo), venuto dopo sottocultura?
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Marco1971 ha scritto:Ha qualche esempio di termine recente (con ‘recente’ mi riferisco agli ultimi trent’anni) con sub- che non ci venga dall’estero e sia una formazione italiana scria scria?
Ne avevo trovato uno particolarmente esemplificativo che scioccamente non ho ritenuto necessario appuntarmi.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Spero che lo ritrovi o ne trovi un altro. Sarebbe interessante.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Avevo sotto gli occhi un altro esempio tanto evidente da essere dimenticato: sottopagina (con il verbo sottopaginare e derivati).

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9607
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Esempio ormai antico: sottopagina rimonta al 1945. Oggi, senz’ombra di dubbio, non si sarebbe fatto subpagina, ma subpage.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico »

Non sono convinto: in Wikipedia, ad esempio, sottopagina è traduzione di subpage, e indica un preciso strumento tecnico della piattaforma MediaWiki: mi sembra indipendente dagli usi "antichi" da lei indicati, che del resto devono essere stati piuttosto rari se sono assenti nei normali vocabolari.
Ultima modifica di Federico in data mar, 11 set 2007 23:24, modificato 1 volta in totale.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite