La potenza della lingua

Spazio di discussione su questioni che non rientrano nelle altre categorie, o che ne coinvolgono piú d’una

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10408
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

La potenza della lingua

Intervento di Marco1971 »

Maria Luisa Altieri Biagi ci ricorda l’importanza delle sfumature e della precisione lessicale. :)

Le citazioni manzoniane sono tratte da Della lingua italiana, «Dello stato della lingua in Italia» (Napoli, Liguori,1986), di cui riporto questo passo (p. 64):

Cosí, chi, dovendo scrivere, non ha a sua disposizione che una parte della lingua, è condotto naturalmente a pensare in una parte di lingua, a circoscriver la materia al suo vocabolario. Prendendo la penna in mano, non è piú, non aspira nemmeno a essere l’uomo intero, dirò cosí, della vita reale; è già rassegnato a dire, non quello che potrebbe, ma quello che può.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite