Autorevolezza del «DOP»

Risorse linguistiche di varia natura

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3569
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

Autorevolezza del «DOP»

Intervento di Carnby » gio, 17 nov 2011 12:29

Riprendendo un tema da questo filone e da questa discussione, vorrei parlare della critica mossa all'autorevolezza del DOP. Senza dubbio il dizionario ha dei difetti, il più grave dei quali è l'uso dei un alfabeto fonetico vetusto anziché quello dell'AFI (o IPA che dir si voglia): almeno per la versione multimediale, la trascrizione nell'Alfabeto fonetico internazionale doveva essere lasciata – come minimo – opzionale. Il problema qui è però la preferenza data a forme «inusuali» (come Cossovo) o «non utilizzate effettivamente da specialisti della materia» (come Zaratustra). Un dizionario deve essere anche normativo. Siccome l'italiano ha una sua fonotassi (ovvero una serie di regole per le quali certe combinazioni di fonemi sono accettate e altre no) e dovrebbe avere una sua ortografia normale (per la quale la h è usata solamente in certe forme del verbo avere, nelle interiezioni e come secondo elemento dei digrammi ch e gh con valore /k, g/) appare ragionevole che la grafia dei nomi italiani e anche di quelli stranieri più comuni debba rispettare delle regole di precisione e semplicità. Il caso di Cossovo è emblematico. Tutti dicono /'kOssovo/ ma molti scrivono Kosovo, alla serba: appare logico che un dizionario autorevole «d'ortografia e di pronunzia» suggerisca la forma ortografica più «normale», anche se poi è bene che ci sia un rimando alla forma più utilizzata in altre lingue.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9583
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » gio, 17 nov 2011 22:37

Allargando il discorso, la mia interpretazione è questa: nessun dizionario d’oggi (tranne DOP e Treccani) ha alcuna autorevolezza perché chiunque può fotografare la lingua, ciò non richiede competenze particolari; richiede invece speciali conoscenze e esperienza il guidare verso l’uso piú consigliabile, cosa che, oggi come oggi, poche persone sono oggettivamente in grado di fare. Forse si confonde demotico e democratico... o forse non se ne conosce l’esatto significato. E, si sa, la limitatezza del vocabolario restringe anche la latitudine del pensiero.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

fiorentino90
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 09 apr 2012 1:22

Re: Autorevolezza del «DOP»

Intervento di fiorentino90 » sab, 23 feb 2013 16:07

Carnby ha scritto:Senza dubbio il dizionario ha dei difetti, il più grave dei quali è l'uso dei un alfabeto fonetico vetusto anziché quello dell'AFI (o IPA che dir si voglia): almeno per la versione multimediale, la trascrizione nell'Alfabeto fonetico internazionale doveva essere lasciata – come minimo – opzionale.
Sono convinto che gl'italiani, professionisti della voce compresi, avrebbero difficoltà a "decifrare i codici" :!: Lei e altri utenti in questa piazza siete molto ferrati in trascrizioni fonetiche, ma costituite una piccola minoranza. Ho studiato lingue e letterature straniere e le posso confidare (in questo luogo pubblico :lol:) che gran parte degli studenti non è capace di trascrivere nella lingua che studia :cry: Inoltre, i simboli usati dal DOP coincidono in parte con quelli impiegati nei corsi di recitazione per segnalare l'apertura delle vocali e la sonorità delle consonanti. L'IPA sarebbe preferibile all'Ascoli-Merlo e forse il canIPA all'IPA, però sono sistemi di trascrizione piú complessi e difficilmente comprensibili dalla massa. Certo, uno straniero che desira imparare l'italiano troverà probabilmente piú semplice l'AFI :idea:

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti