Roberto Lesina, «Il Nuovo Manuale di Stile», Zanichelli

Risorse linguistiche di varia natura

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Roberto Lesina, «Il Nuovo Manuale di Stile», Zanichelli

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 06 dic 2011 14:30

Mi chiedo quanto sia affidabile, nel complesso, il Nuovo Manuale di Stile di Roberto Lesina, edito da Zanichelli. Il dubbio m'è venuto dopo aver avuto la conferma dell'infondatezza della regola per la grafia dei cognomi composti. Naturalmente è ingiusto generalizzare, però ho trovato anche altre incongruenze con ciò che sapevo e davo per assodato, per esempio la regola per la grafia degli acronimi, scritti tutti in maiuscolo e non con la sola iniziale maiuscola, com'è uso nel giornalismo (PSI e non Psi, ad esempio).

Carnby
Interventi: 3521
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Roberto Lesina, «Il Nuovo Manuale di Stile», Zanichelli

Intervento di Carnby » mar, 06 dic 2011 15:11

Ferdinand Bardamu ha scritto:Mi chiedo quanto sia affidabile, nel complesso, il Nuovo Manuale di Stile di Roberto Lesina, edito da Zanichelli. Il dubbio m'è venuto dopo aver avuto la conferma dell'infondatezza della regola per la grafia dei cognomi composti. Naturalmente è ingiusto generalizzare, però ho trovato anche altre incongruenze con ciò che sapevo e davo per assodato, per esempio la regola per la grafia degli acronimi, scritti tutti in maiuscolo e non con la sola iniziale maiuscola, com'è uso nel giornalismo (PSI e non Psi, ad esempio).
Ottima osservazione. In effetti i giornalisti scrivono – oggi – sigle e acronimi sempre con la prima lettera maiuscola e le altre minuscole, ma questo è dovuto, a mio avviso, a mera sciatteria.
In genere, le regole ISO (e UNI) consigliano di trattare sigle e acronimi con le maiuscole (nella composizione dei testi io preferisco il maiuscoletto) e quindi in genere di evitare i puntini (un tempo assai diffusi anche tra i giornalisti: C.G.I.L., P.S.I. ecc.). Tutt'al più si possono accettare scritture come Unesco e Nato dato che si leggono come si scrivono (sono cioè acronimi; il Manuale interistituzionale di convenzioni redazionali dell'Unione europea segue una regola parzialmente differente). Le sigle «pure» (quelle che si leggono lettera per lettera) invece vanno scritte sempre in maiuscolo: sui giornali ho trovato anche *«il pc» e *«l'esponente pd del...» (in quest'ultimo caso probabilmente perché pd era sentito come «aggettivo»). Da tutto questo discorso si possono lasciar fuori gli acronimi che non sono sigle (come Confindustria) e quelli che sono ormai nomi comuni come laser e radar.
Per quanto riguarda l'attendibilità del Manuale di stile, bisogna ammettere che ci sono molte inesattezze e norme ISO non aggiornate, pertanto non si può considerare uno strumento normativo, ma solo un libro di consultazione, da abbinare obbligatoriamente ad altri manuali e dizionari come il DOP.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 06 dic 2011 16:26

Ottimo, grazie. Dunque, riassumendo: le sigle si scrivono sempre tutte in maiuscolo, senza puntini, perché, in genere, non vengono lette come parole autonome; se invece è disusata la lettura lettera per lettera, allora si possono accettare scrizioni con la sola iniziale maiuscola (come lei riporta, Unesco e Nato, ma aggiungerei anche Fiat, Ina, ecc.). Di regola, però, è meglio mantenere una certa uniformità: se CGIL si legge «ciggièlle» /ˌʧiʤʤiˈɛlle/ e va scritto per forza tutto in maiuscolo, anche UIL, che si legge come si scrive, dovrebbe esser scritto in maiuscolo.

A proposito di sciatteria giornalistica, qualche volta s'incontrano sigle scritte addirittura tutte in minuscolo. Personalmente, dopo aver letto questo manuale, mi sono sempre attenuto alla scrittura interamente maiuscola.
Ultima modifica di Ferdinand Bardamu in data mar, 06 dic 2011 17:54, modificato 2 volte in totale.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Re: Roberto Lesina, «Il Nuovo Manuale di Stile», Zanichelli

Intervento di Andrea Russo » mar, 06 dic 2011 17:21

Carnby ha scritto:sui giornali ho trovato anche *«il pc» e *«l'esponente pd del...»
Pur non dando ulteriori spiegazioni, Serianni (I.194g.) dice: «Le sigle dei partiti politici si scrivono con maiuscole (DC, PCI, MSI), con minuscole (dc, pci, msi), oppure con maiuscola iniziale: Dc, Pci, Msi».

Detto questo, anch'io preferisco usare sempre la maiuscola.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » mar, 06 dic 2011 17:28

Ferdinand Bardamu ha scritto:…se CGIL si legge «cigièlle» /ʧiʤiˈɛlle/…
Eh no, «ciggièlle» /ˌʧiʤʤiˈɛlle/! ;)

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mar, 06 dic 2011 17:52

Ha ragione: mi sono basato sulla mia pronuncia «polentona». :lol:

Provvedo a modificare.

Carnby
Interventi: 3521
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Roberto Lesina, «Il Nuovo Manuale di Stile», Zanichelli

Intervento di Carnby » mar, 06 dic 2011 18:06

Andrea Russo ha scritto: con minuscole (dc, pci, msi),
Eh?!:shock:

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » mar, 06 dic 2011 18:24

Forse voleva solo registrare quest'uso, frequente nei giornalisti, per i quali è troppo faticoso tener premuto il tasto per fare la maiuscola.

Carnby
Interventi: 3521
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 12 dic 2011 16:57

Altra stranezza del Manuale di stile.
Roberto Lesina ha scritto:Le denominazioni di sistemi o movimenti politici si scrivono con iniziali minuscole, tranne quando sono derivate da nomi propri:

   il socialismo
   il bolscevismo
   il fascismo
   il nazismo
   il Marxismo
   il Maccartismo

Roberto Lesina, Il manuale di stile 2.0 p. 240

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » mer, 14 dic 2011 19:04

Ho notato anch'io questa pseudo-regola, e non convince neanche me. A mio avviso, si dovrebbe seguire un criterio uniforme: o l'iniziale maiuscola o la minuscola per tutti gli «ismi» politici. Io sono per la minuscola in ogni caso.

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Re: Roberto Lesina, «Il Nuovo Manuale di Stile», Zanichelli

Intervento di Andrea Russo » mar, 14 feb 2012 11:49

Carnby ha scritto:Ottima osservazione. In effetti i giornalisti scrivono – oggi – sigle e acronimi sempre con la prima lettera maiuscola e le altre minuscole, ma questo è dovuto, a mio avviso, a mera sciatteria.
A proposito di sigle: com'è possibile che il Devoto-Oli 2012 riporti a lemma «aids o AIDS», «HIV o Hiv o hiv»? Passi (ma nemmeno troppo!) un giornalistucolo, ma un dizionario come il Devoto-Oli no! :(
Va bene riportare l'uso (tra l'altro qui scorretto), ma non c'è un limite...?

Davide_G
Interventi: 2
Iscritto in data: dom, 01 lug 2012 11:30

Intervento di Davide_G » dom, 01 lug 2012 12:18

Ciao a tutti,

recupero questo vecchio thread dal momento che, per ragioni lavorative, anche a me è capitato di usare il volume in questione. Di primo acchito mi sembrava uno strumento eccellente e forse completo, tuttavia ho riscontrato una grave carenza.

Mancano infatti le norme redazionali relative ai prefissi e ai prefissoidi. Un argomento per nulla marginale.

Per esempio: ho un testo da redazionare e mi trovo la frase "...tecniche chirurgiche miniinvasive". Come trattare la parola in questione?
In generale non bisognerebbe mettere il trattino, tuttavia se la parola inizia con la medesima vocale dell'ultima vocale del prefissoide come ci si comporta?

Mini-invasive o mininvasive? (Fermo restando che la versione con due i è sicuramente scorretta).

Andrea Russo
Interventi: 763
Iscritto in data: dom, 23 ott 2011 22:37

Intervento di Andrea Russo » dom, 01 lug 2012 12:39

Benvenuto Davide_G! :wink:

Il Manuale in questione non ce l'ho quindi non saprei dirle nulla al riguardo.
Per quanto riguarda le sue «tecniche chirurgiche», può tranquillamente scrivere miniinvasive, anche se forse è da preferire mininvasive.


Ah, di thread non c'è alcun bisogno, dato che c'è filone. :wink:

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4073
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » dom, 01 lug 2012 19:25

Benvenuto anche da parte mia. :)

Per quanto riguarda la questione dei prefissi, la regola di massima che conosco io prevede il trattino per le formazioni occasionali o, comunque, non entrate stabilmente nell'uso, e l'univerbazione senza nessun segno grafico per le altre. Nel caso specifico, le suggerirei, come ha già fatto Andrea, una grafia che eviti l'incontro di due vocali identiche (anche perché piú vicina alla effettiva pronuncia, perlomeno «a ritmo allegro»): mininvasivo.

Davide_G
Interventi: 2
Iscritto in data: dom, 01 lug 2012 11:30

Intervento di Davide_G » mar, 03 lug 2012 16:09

Vi ringrazio per i suggerimenti. Mi sembra un forum molto interessante, sopratutto, per chi, come me, lavora a "stretto contatto" con la lingua italiana.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite