«Post-trattamento»

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
.Silvia.
Interventi: 217
Iscritto in data: lun, 11 gen 2010 1:37
Località: Milano

«Post-trattamento»

Intervento di .Silvia. » mer, 18 feb 2015 14:09

Buon pomeriggio a tutti,

sono alla ricerca della grafia più corretta per il termine in oggetto:
post trattamento,
post-trattamento,
o
posttrattamento.

Esiste una regola in proposito? So che è preferibile la grafia unita, in generale, ma il blocco consonantico "sttr" mi fa pensare che non sia possibile. Oppure sì? A questo punto, meglio separare i due termini o unire con un trattino?

Grazie per l'attenzione.
A te ricorro; e prego ché mi porghi mano
A trarmi fuor del pelago, onde uscire,
S'io tentassi da me, sarebbe vano.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3602
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: Post-trattamento

Intervento di Infarinato » mer, 18 feb 2015 14:25

Credo che in «italiano moderno» l’unica possibilità sia post-trattamento. In «italiano vero» sarebbe invece postrattamento, come posvocalico e pospalatale, cui oggi si preferiscono i disfonotattici postvocalico e postpalatale.

Ma non si preoccupi: a parlare l’italiano vero siamo rimasti in tre (e sto esagerando). :(

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Re: Post-trattamento

Intervento di Animo Grato » mer, 18 feb 2015 14:57

Infarinato ha scritto:In «italiano vero» sarebbe invece postrattamento, come posvocalico e pospalatale
Aggiungerei anche posdomani, parola relativamente più comune (visto che non si tratta di un termine tecnico-specialistico) in cui chiunque distingue i due* elementi che la compongono (a differenza, ad esempio, di pomeriggio). Un esempio ancora più perspicuo è posporre.

* Per i precisetti: tre, visto che domani è "de + mane" (ma qui ormai la saldatura è tale da passare inosservata - giustamente - all'orecchio italiano).
Ultima modifica di Animo Grato in data mer, 18 feb 2015 23:07, modificato 1 volta in totale.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
.Silvia.
Interventi: 217
Iscritto in data: lun, 11 gen 2010 1:37
Località: Milano

Intervento di .Silvia. » mer, 18 feb 2015 16:24

Un grazie di cuore a entrambi.
A te ricorro; e prego ché mi porghi mano
A trarmi fuor del pelago, onde uscire,
S'io tentassi da me, sarebbe vano.

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1626
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Re: Post-trattamento

Intervento di Roberto Crivello » gio, 19 feb 2015 2:28

Infarinato ha scritto:Credo che in «italiano moderno» l’unica possibilità sia post-trattamento. In «italiano vero» sarebbe invece postrattamento, come posvocalico e pospalatale, cui oggi si preferiscono i disfonotattici postvocalico e postpalatale.

Ma non si preoccupi: a parlare l’italiano vero siamo rimasti in tre (e sto esagerando). :(
Quindi l'italiano moderno non è italiano vero? Ma non dicevano già la stessa cosa i puristi? (Puoti, Fanfani, Arlia...)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3602
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: Post-trattamento

Intervento di Infarinato » gio, 19 feb 2015 11:38

Roberto Crivello ha scritto:Quindi l'italiano moderno non è italiano vero? Ma non dicevano già la stessa cosa i puristi? (Puoti, Fanfani, Arlia...)
Il discorso è un po’ diverso, e lo sai, caro Roberto: è un discorso strutturale (richiamo rivolto meramente ai nuovi arrivati). ;)

E poi chi [tra gl’italofoni genuini], parlando (a ritmo normale o allegro), dice effettivamente [ˌpσst˺ trattaˈmenːto] invece di [ˌpσstrattaˈmenːto]? Nessuno. Ergo questo «italiano moderno» (posto appositamente fra virgolette) è in realtà un italiano artificiale e artificioso, pseudomoderno, non realmente moderno.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Post-trattamento

Intervento di Carnby » gio, 19 feb 2015 13:54

Animo Grato ha scritto:Aggiungerei anche posdomani
Mi viene a mente anche il dialettale/regionale poscrai, con lo stesso significato.
Infarinato ha scritto:E poi chi [tra gl’italofoni genuini], parlando (a ritmo normale o allegro), dice effettivamente [ˌpσst˺ trattaˈmenːto] invece di [ˌpσstrattaˈmenːto]? Nessuno.
Onestamente, mi viene da dire proprio la prima, anche se certamente non è né una parola comune né una parola fonotatticamente italiana in senso stretto.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Re: Post-trattamento

Intervento di Animo Grato » gio, 19 feb 2015 15:01

Carnby ha scritto:Onestamente, mi viene da dire proprio la prima, anche se certamente non è né una parola comune né una parola fonotatticamente italiana in senso stretto.
Insomma, al postrattamento preferisce il bistrattamento (fonosintattico). :wink:
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

domna charola
Interventi: 1059
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » gio, 19 feb 2015 19:28

Ho provato a pronunciarli tutti e due: né post-trattamento nè postrattamento mi vengono spontanei.

Credo che, se dovessi, opterei per un sinonimo più semplice...

valerio_vanni
Interventi: 896
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » gio, 19 feb 2015 20:50

Io sono scisso tra grafia e pronuncia: da vedere mi pare meglio post-trattamento, ma nella pronuncia non riarticolo la /t/.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » ven, 20 feb 2015 1:53

In che frasi si usa? Nel parlato non mi vengono esempi.
Immagino qualcosa come "nelle fasi successive al trattamento" o simili, frasi molto semplici e che non pongono particolari problemi.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Intervento di Zabob » sab, 21 feb 2015 17:59

Scilens ha scritto:In che frasi si usa? Nel parlato non mi vengono esempi.
Aggettivo medichese. Si può sentire a una lezione universitaria o a un congresso (o seminario, o simposio o affini) d'interesse medico. Chiaro il calco sull'ingl. post[-]treatment; analogamente avremo post-chirurgico, post-operatorio, post-menopausa...
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 21 feb 2015 18:25

Zabob ha scritto:Chiaro il calco sull'ingl. post[-]treatment; analogamente avremo post-chirurgico, post-operatorio, post-menopausa...
Ironicamente, post-chirurgico mi risulta meno ostico di post-trattamento. Forse perché il nesso -stc- (sulla cui estraneità rispetto alla fonotassi italiana non si discute) ha almeno il pregio di mostrare scopertamente la sua spigolosità articolatoria. Una pronuncia ligia alla grafia di post-trattamento, al contrario, costringe a un'impuntatura e alla ripresa dello stesso suono, ed è quindi più spontaneo (almeno per me) "ridurlo" all'ortodossia fonotattica.
L'accostamento di due sfumature di colore leggermente diverse spesso è più fastidioso di un contrasto netto.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » sab, 21 feb 2015 18:39

Animo Grato ha scritto:Ironicamente, post-chirurgico mi risulta meno ostico di post-trattamento. Forse perché il nesso -stc- (sulla cui estraneità rispetto alla fonotassi italiana non si discute) ha almeno il pregio di mostrare scopertamente la sua spigolosità articolatoria. Una pronuncia ligia alla grafia di post-trattamento, al contrario, costringe a un'impuntatura e alla ripresa dello stesso suono, ed è quindi più spontaneo (almeno per me) "ridurlo" all'ortodossia fonotattica.
L'accostamento di due sfumature di colore leggermente diverse spesso è più fastidioso di un contrasto netto.
Ha colto nel segno! Post-trattamento, per quanto mi riguarda, è pressoché impossibile da pronunciare!

Avatara utente
.Silvia.
Interventi: 217
Iscritto in data: lun, 11 gen 2010 1:37
Località: Milano

Intervento di .Silvia. » gio, 08 set 2016 14:07

Per concludere questa discussione, non esiste una regola ufficiale?

Tra l'altro, con il prefisso pre- nella quasi totalità dei casi la grafia è unita.

I termini composti con pre- e post- non sono in uso solo nel gergo medico, ma anche in campo tecnico (tornando all'esempio di "trattamento" mi viene in mente il trattamento delle acque).
A te ricorro; e prego ché mi porghi mano
A trarmi fuor del pelago, onde uscire,
S'io tentassi da me, sarebbe vano.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti