Altro che e altroché

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1683
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Altro che e altroché

Intervento di Fausto Raso »

Tutti i vocabolari consultati "sostengono" l'intercambiabilità grafica dell'avverbio altroché: altroché o altro che. A mio modestissimo parere andrebbe fatto un distinguo in quanto l'avverbio su detto cambia di significato a seconda della grafia. La scrizione univerbata, altroché, andrebbe adoperata quando l’avverbio in questione ha il valore di esclamazione affermativa con il significato, per l'appunto, di sicuramente, senza dubbio, certamente ecc.: ti è piaciuto il film? Altroché! La grafia analitica (scissa, separata), altro che, si dovrebbe usare, invece, allorché la locuzione indica una preferenza o un'esclusione rispetto a qualcos'altro: occorrono prove certe, altro che supposizioni. Da evitare assolutamente la grafia altrocché (con due 'c') perché errata. L'aggettivo altro non determina geminazione (raddoppiamento della consonante).
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»
Avatara utente
GFR
Interventi: 310
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR »

La Grammatica italiana della Treccani è d'accordo con lei.
PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine »

Mi pare che quando non lo classifichino come interiezione, dicano comunque che è un avverbio con uso interiettivo; quindi le danno sostanzialmente ragione.
Secondo me, inoltre, cambia pure il profilo accentuale: àltro che come locuzione avverbiale; altro ché con come interiezione.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite