Sillabazione di «viòla»

Spazio di discussione su questioni di grafematica e ortografia

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Sillabazione di «viòla»

Intervento di Zabob » ven, 22 dic 2017 14:09

Ritorno dopo un po' di tempo per chiedervi di aiutarmi a dirimere questo dubbio: come si deve sillabare la parola "viòla" (fiore e strumento musicale)?
Vio-la, come suggerisce Raffaella Setti sul sito della Crusca?
Oppure vi-o-la, come sembrerebbero indicare il vocabolario Treccani (che mette a lemma vïola con la dieresi) e il DOP?
A mio modesto avviso la confusione discende dalla definizione non univoca di "sillaba" e di "dittongo"
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Ivan92
Interventi: 1416
Iscritto in data: gio, 28 nov 2013 20:59
Località: Castelfidardo (AN)

Intervento di Ivan92 » ven, 22 dic 2017 14:19

Le grammatiche dicano pure quel che vogliono. Per noi cruscanti è un trisillabo. :)

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Re: Sillabazione di "viòla"

Intervento di valerio_vanni » ven, 22 dic 2017 16:36

Zabob ha scritto:A mio modesto avviso la confusione discende dalla definizione non univoca di "sillaba" e di "dittongo".
Secondo me dipende dal fatto che è diffusa anche una pronuncia bisillabica.
Chi pronuncia /'vjɔla/ come /'pjano/ sarà portato a dividerla in due anziché in tre.

Avatara utente
GFR
Interventi: 299
Iscritto in data: ven, 10 ott 2014 21:39

Intervento di GFR » ven, 22 dic 2017 22:11

Il dizionario del Corriere riporta le due possibilità, con due o tre sillabe.

Nel Dop viene riportato un esempio dalle opere del Pascoli, e considerando viola un trisillabo il verso riportato diventa un endecasillabo.
http://ww2.bibliotecaitaliana.it/xtf/vi ... rand=bibit

... E buon Natale a tutti.
La poesia è sfuggente al comando/ma so che esiste in ciò che mi circonda/timida basta la cresta di un'onda/per dir che l'attimo si sta annunciando/ A volte il lago mi si apre allorquando/nei suoni colgo il suo canto alla sponda/

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite