«Porca figura»

Spazio di discussione dedicato alla storia della lingua italiana, alla sua evoluzione e a questioni etimologiche

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3760
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 18:53
Località: Empolese-Valdelsa

«Porca figura»

Intervento di Carnby »

Qualcuno sa l’origine geografica di questa espressione gergale, che non rientra nella mia competenza nativa?
Avatara utente
G.B.
Interventi: 497
Iscritto in data: gio, 15 ago 2019 11:13

Re: «Porca figura»

Intervento di G.B. »

Carnby ha scritto: sab, 31 ago 2019 19:21 Qualcuno sa l’origine geografica di questa espressione gergale, che non rientra nella mia competenza nativa?
Personalmente sono curioso anch'io di saperlo. Non sospetto un'origine inglese, francese o spagnola, giacché in tali lingue si tende a renderne il significato con perifrasi. Ciò che ragionevolmente rimane è o un'origine infelicemente doppiaggistica, o una dialettale.

Qui il significato è univocamente di «figura indecente». E, come in Repubblica, il Treccani riporta solo il significato spregiativo (p. vita, fare il proprio p. comodo), non fornendo l'espressione in esame e marcando l'uso aggettivale di «porco» come popolare. Lo stesso qua.

L'unico dizionario in linea che riporta l'espressione, col significato di «fare una bella impressione», è a questo indirizzo , che la marca come informale.
«[...] o italici segni / rivendicarvi io seppi / nella vostra vergine gloria!» (G. D'Annunzio, Laus Vitae, vv. 7979-81).
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4540
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: «Porca figura»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Figura porca compare in questo vocabolarietto veronese-toscano, tradotto con «figura da cembalo», un’antica espressione che significa «uomo di poco garbo»: non sembra però calzare molto con l’espressione odierna, perché l’accezione di figura qui è concreta.

Su Google Libri la seconda attestazione in ordine di tempo —dopo quella del vocabolario suddetto, che è la prima (1821)— è del 1849:

Sì : vedi un pò che nella storia ce averessimo da fa na porca figura! Mamma mia! Chi scrive la storia dè sti tempi averà da scrivè e piagne.

(La grafia è tale quale quella che si trova qui). Il significato è però «brutta figura». Una mia congettura: è possibile che l’espressione dialettale (romana?) si sia evoluta gergalmente per antifrasi nella locuzione dell’italiano moderno. Forse il centro d’irradiazione è proprio Roma.
Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 575
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Re: «Porca figura»

Intervento di marcocurreli »

Nell'accezione positiva l'ho sempre sentito accompagnato dall'aggettivo possessivo (fa la sua porca figura).
I vocabolari non lo registrano perché per il novantanove percento del tempo sono impegnati a registrare parole straniere.
Linux registered user # 443055
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4540
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: «Porca figura»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

Ho scritto alla Crusca ponendo un quesito sull’origine dell’espressione.
Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 575
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Re: «Porca figura»

Intervento di marcocurreli »

Azzardo un'ipotesi: il porco è il grasso per antonomasia, da cui "porca figura" come opposto a "magra figura".
Linux registered user # 443055
Avatara utente
Canape lasco ctonio
Interventi: 156
Iscritto in data: lun, 10 gen 2011 23:21
Località: Roma

Re: «Porca figura»

Intervento di Canape lasco ctonio »

Ferdinand Bardamu ha scritto: gio, 31 ott 2019 16:12 Ho scritto alla Crusca ponendo un quesito sull’origine dell’espressione.
Nessuna risposta dalla Crusca in un anno e mezzo? 😔
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10363
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Porca figura»

Intervento di Marco1971 »

Canape lasco ctonio ha scritto: dom, 06 giu 2021 21:07 Nessuna risposta dalla Crusca in un anno e mezzo? 😔
C’è intorno all’Accademia della Crusca una sorta di aura che non ha luogo di essere. Non si tratta di una vera e propria accademia, ma di un consorzio di linguisti, piú o meno competenti, in cui ognuno dice la sua e segue le proprie vie. Non c’è «la parola dell’Accademia», insomma. E, come vediamo, essa si interessa molto di piú all’osservazione degli esotismi incipienti e allo studio della lingua antica, che al divenire della lingua. Quindi non mi stupisce che non sia sua priorità occuparsi dell’origine dell’espressione oggetto di questo filone.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Ligure
Interventi: 296
Iscritto in data: lun, 31 ago 2015 13:18

Re: «Porca figura»

Intervento di Ligure »

Ferdinand Bardamu ha scritto: gio, 31 ott 2019 15:13 La grafia è tale quale quella che si trova qui. Il significato è però «brutta figura». Una mia congettura: è possibile che l’espressione dialettale (romana?) si sia evoluta gergalmente per antifrasi nella locuzione dell’italiano moderno. Forse il centro d’irradiazione è proprio Roma.
Mi sembrerebbe convincente l'ipotesi dell'uso antifrastico. L'espressione in oggetto, nella mia limitata esperienza personale, l'ho ascoltata - per altro - sempre dalla voce di locutori settentrionali. Se può interessare, nelle stesse zone in cui risulta in uso anche l'espressione "una grama volta che ..." nel significato di "una buona volta che ..." o "una rara volta che ...". Anche in dialetto. Comunque, entrambe impiegate deliberatamente a un livello linguistico gergale, sguaiato. Come, ad es., in "una grama volta che sei arrivato in anticipo ..." o "una grama volta che ho preso un voto così alto allo scritto ..." ecc.. Potenzialmente modificabili - se si vuole proprio "parlar male" a ogni costo - in "una maledetta volta che ...". E anche peggio ...

Comunque, risulta chiara l'intenzione di voler "infilare" a tutti i costi un termine - come minimo "grossolano" oltre che semanticamente antifrastico - in un enunciato che non lo richiederebbe e in un contesto pragmatico che non ne evidenzia assolutamente la necessità. Personalmente non conosco una definizione adeguata per questa evidente motivazione che anima il locutore. Come quando un anglofono, ad es., formula una frase banalissima - e del tutto priva di concetti negativi - di ben poche parole di cui tre o quattro - almeno - altro non sono che "fuck... ..." ...
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite