Etimologia di «terrone»

Spazio di discussione dedicato alla storia della lingua italiana, alla sua evoluzione e a questioni etimologiche

Moderatore: Cruscanti

Carnby
Interventi: 3521
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » sab, 22 mar 2014 2:04

u merlu rucà ha scritto:It. bocco m. 'uomo da nulla; babbeo' (Man
1859 — Rigutini-Fanfani 1875; TB; Crusca 1866),
fior. bòcco 'uomo minchione' Giacchi.
It. bocco agg. 'sciocco, stolto' (B 1962; Zing
1965), tosc. ~ FanfaniUso.
dal LEI
Comunque il singolare della parola fiumalbina è bocchio.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1376
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 16:11

Intervento di Animo Grato » sab, 19 apr 2014 11:26

Scilens ha scritto:Pensavo da qualche giorno a che parola venisse usata per 'abitante del Nord italia', ma non mi riesce ricordarmelo. Forse si diceva solo 'del Nord'. Qualcuno lo sa?
bubu7 ha scritto:Contrapposto a terrone vi è polentone. :wink:
Carnby ha scritto:Polentone non si è mai usato qui.
bubu7 ha scritto:Si tratta[va] di un termine usato per lo più dai meridionali emigrati al Nord, per reazione al venir apostrofati terroni.
Anche se ormai s'è perso il riferimento geografico, la parola più vicina alla designazione di un "barbaro dell'Italia settentrionale" (da parte dell'"invasa" popolazione del Centro) potrebbe essere [stata] buzzurro.
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » dom, 20 apr 2014 22:06

Ussaro e buzzurro hanno la medesima origine.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

mariuccia
Interventi: 38
Iscritto in data: lun, 10 nov 2014 22:21
Località: lecce

Intervento di mariuccia » sab, 13 dic 2014 23:28

Sono una "terrona". il termine probabilmente ha avuto origine dal fatto che l'economia del Sud si basava principalmente sulla produzione agricola.Non a caso il dispregiativo terrone spesso era seguito dal "vai a zappare" quando l'offesa voleva essere particolarmente cocente. Il termine terrone ebbe il suo momento di maggiore diffusione e velenosità negli anni dell'immigrazione al Nord da parte dei Meridionali, evento, questo, che definì la diversità economica e sociale dell'Italia:il Nord ricco di industrie, il Sud povero legato alla terra
Ma la discriminante territoriale si verificava anche nel Meridione. Chi infatti abitava nel paese, veniva dispregiativamente chiamato "poppetu", da post oppidum, colui che abita fuori dalla citta.,Personalmente l'ho subita questa differenza discriminatoria quando frequentavo la scuola superiore da parte delle mie compagne "cittadine"

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » sab, 13 dic 2014 23:51

Salve "terrona" :)
Per me il termine non ha le connotazioni negative che ha al Nord, come scrissi prima.
Indipendentemente da dove uno venga, quando arriva in un qualunque posto, "è di fuori", forestiero, non del posto, cioè da guardarsi e non fidarsi perché non si conosce, non ha legami, nessuno garantisce per lui. La gente che non ha legami è più difficile che tenga all'onorabilità. Il trapiantato in città pensa " tanto non mi conosce nesuno". Quest'allentamento dall'identità di gruppo può portare a vivere fuori binario. Questo succede a tanti, soprattutto oggi. Perché l'onorabilità è sentita non come una qualità propria, ma un valore dato dagli altri.
Il termine terrone indicava, da me, qualcuno che era italiano, ma del Sud.
Cittadino era chi abitava in un paese anche di pochi abitanti, e campagnolo era chi abitava in case isolate di podere o in zone definite campagnole all'origine (designate col nome del luogo). Questi abitati isolati non esistono nel Sud, dove non ci sono case sparse.
Grazie per la parola poppetu che è nuova e interessante.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

mariuccia
Interventi: 38
Iscritto in data: lun, 10 nov 2014 22:21
Località: lecce

Intervento di mariuccia » dom, 14 dic 2014 10:56

Sì, la diffidenza verso l'estraneo è antica quanto l'uomo. Ricordiamo il modo di pensare degli ateniesi che consideravano "barbari" tutti coloro che, appunto, non erano ateniesi. E stiamo parlando della civilissima Atene, culla della Democrazia.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » dom, 14 dic 2014 16:55

mariuccia ha scritto:Sì, la diffidenza verso l'estraneo è antica quanto l'uomo. Ricordiamo il modo di pensare degli ateniesi che consideravano "BARBARI" tutti coloro che, appunto, non erano ateniesi.E stiamo parlando della civilissima Atene, culla della Democrazia
Paragone quantomeno azzardato, ché la discriminazione che facevano i Greci (non solo gli Ateniesi) era —almeno originariamente— d’ordine linguistico, non geografico. ;)

mariuccia
Interventi: 38
Iscritto in data: lun, 10 nov 2014 22:21
Località: lecce

Intervento di mariuccia » dom, 14 dic 2014 19:46

L'offensivo Terrone che veniva appioppato a noi Meridionali non aveva alcuna connotazione colta, probabilmente chi lanciava l'epiteto non conosceva nemmeno l'antica denominazione di Terra d'Otranto o Terra di Bari, (la denominazione "Tierra" è invece usuale in Messico e in Venezuela). Il riferimento era piuttosto legato alla attività lavorativa dei Meridionali. L'agricoltura, attività poco redditizia, che costringeva all'immigrazione. Ignazio Silone in "Fontamara" ne fa una meravigliosa disamina.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » dom, 14 dic 2014 20:13

mariuccia ha scritto:L'offensivo Terrone che veniva appioppato a noi Meridionali non aveva alcuna connotazione colta…
Nessuno lo sostiene… neanche il Treccani. ;)
mariuccia ha scritto:Il riferimento era piuttosto legato alla attività lavorativa dei Meridionali.l'agricoltura, attività poco redditizia che costringeva all' 'immigrazione.Ignazio Silone in "Fontamara" ne fa una meravigliosa disamina
Non ho controllato sui dizionari etimologici (la rimando alle prime pagine di questo filone), ma con tutto il rispetto per Silone, s’una questione etimologica, mi fido molto di piú di un vocabolario che di quel che afferma uno scrittore.

In ogni caso, il punto della mia osservazione era esattamente l’opposto di quel che Lei sembra aver inteso: per i Greci si trattava d’una discriminazione che, almeno in origine, era meramente linguistica; per noi, purtroppo, no.

mariuccia
Interventi: 38
Iscritto in data: lun, 10 nov 2014 22:21
Località: lecce

Intervento di mariuccia » dom, 14 dic 2014 22:04

Da: M. Cortellazzo, P.Zolli, Dizionario etimologico della lingua italiana, Zanichelli, pag. 1332:
[…] ma la soluzione più immediata è terra + one, anche se la complessa semantica di terra non facilita una immediata spiegazione. La quale è stata via via offerta da «mangiatore di terra» (analoga, quindi, a polentone), mentre un riconoscimento in terrone «legato alla terra» sembra il più ovvio e accessibile (R. Stefanini in LN XL, 1979, pp. 127-128)

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 15 dic 2014 1:06

Grazie. E cosí abbiamo dato anche il riferimento al DELI, che ci mancava.

In realtà, l’etimo di terrone rimane a tutt’oggi incerto, perlomeno limitatamente alla sua esatta trafila semantica.

Resto dell’opinione che il paragone col greco βάρβαρος non sia del tutto pertinente, e anzi rischi d’esser forviante.

mariuccia
Interventi: 38
Iscritto in data: lun, 10 nov 2014 22:21
Località: lecce

Intervento di mariuccia » lun, 15 dic 2014 9:31

Anche Lei cade nel riferimento letterario, come io con Ignazio Silone.

E comunque, come dice il Dizionario Etimologico, nel breve tratto che ho riportato, «la complessa semantica di terra non facilita una immediata spiegazione».

La ringrazio per aver voluto porre attenzione al mio commento iniziale e spero, in seguito, ci saranno altre «controversie».

P.S. Ha visto il mio profilo? Alla voce «Professione» c'è scritto «Contadina». Lo sono infatti, anche se non solo.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 15 dic 2014 11:37

mariuccia ha scritto:Anche Lei cade nel riferimento letterario, come io con Ignazio Silone.
Nient’affatto: il rimando a quella recensione [sociopolitica piú che «letteraria»] mi serviva unicamente per il richiamo allo stato attuale della ricerca etimologica sul vocabolo in oggetto ivi contenuto. ;)

mariuccia
Interventi: 38
Iscritto in data: lun, 10 nov 2014 22:21
Località: lecce

Intervento di mariuccia » lun, 15 dic 2014 14:43

Come Lei ben sa, Pino Aprile è mio corregionale (è nato a Gioia Del Colle) ed è un ottimo saggista, ma i suoi scritti non appartengono certo alla letteratura socio-politica. Pertanto la recensione da lei riportata non aggiunge nulla rispetto alla mia tesi.
The social and historical use that has been publicly made of the term since the 1950s and 1960s is connected to the waves of internal migration of workers and families from the south of Italy to the industrial districts of the north, in the metropolitan areas of Genoa, Milan, and Turin. From that moment on, terrone acquired the meaning of a ilthy, work-shy, backward, familistic, and uneducated person originally from the south.

La recensione lo dice chiaramente: l'etimologia è controversa, come l'americano redneck, ma noi lo sapevamo già. Basta leggere l'etimologia sul Dizionario Etimologico.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3604
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » lun, 15 dic 2014 15:01

mariuccia ha scritto:Come Lei ben sa, Pino Aprile è mio corregionale (è nato a Gioia Del Colle) ed è un ottimo saggista, ma i suoi scritti non appartengono certo alla letteratura socio-politica. Pertanto la recensione da lei riportata non aggiunge nulla rispetto alla mia tesi.
A parte il fatto che la recensione è di Guido Tintori ed è sociopolitica, non capisco perché Lei insista tanto nel voler polemizzare s’un aspetto del tutto marginale, ma soprattutto non capisco bene quale sia la sua «tesi»… :roll:

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite