Come l'italiano è diventato una lingua nazionale...

Spazio di discussione dedicato alla storia della lingua italiana, alla sua evoluzione e a questioni etimologiche

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Come l'italiano è diventato una lingua nazionale...

Intervento di Carnby » dom, 09 mar 2014 15:47

... grazie alla volgarità.
Mi ha colpito un commento a questo video (spassoso) su YouTube:
Comunque ha due tette la ragazza.....minchia!!!!!!!!
nel quale compare un settentrionalismo (tette), una parola di area toscana-centrale (ragazza), poi diffusasi in tutt'Italia, e un meridionalismo (minchia).
Forse non era questo l'obbiettivo che avevano in mente le persone colte che discutevano della famosa «questione della lingua» ma almeno questo problema italico sembra essersi risolto.

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 442
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Re: Come l'italiano è diventato una lingua nazionale...

Intervento di marcocurreli » dom, 09 mar 2014 18:20

Carnby ha scritto:[...] nel quale compare un settentrionalismo (tette)
Anche da noi si dice "tette", in sardo tittas, singolare titta (secondo A. Rubattu dal greco tzitza).

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Come l'italiano è diventato una lingua nazionale...

Intervento di Carnby » dom, 09 mar 2014 19:30

marcocurreli ha scritto:(secondo A. Rubattu dal greco tzitza).
Perché non il greco classico τίτθη o un'evoluzione indipendente di lessico infantile (cfr. ingl. tit, russo титька)? Non ho un dizionario di greco moderno ma mi sembra che τζίτζα (pronuncia ['ʣiʣa]) non esista. C'è però τσιτσί (pronuncia [ʦi'ʦi]) «ciccia» e i derivati, uno dei quali, τσίτσιδος, significa «nudo»; credo che «seno» si dica popolarmente βύζι (pronuncia ['vizi]).

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 442
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Re: Come l'italiano è diventato una lingua nazionale...

Intervento di marcocurreli » dom, 09 mar 2014 20:01

Purtroppo non ho studiato il greco, né antico né moderno; la citazione l'ho presa da questo autore, e non ho capito se si riferisca al greco antico o a quello moderno.
http://www.antoninurubattu.it/rubattu/e ... greco.html

Su quest'altro sito ho trovato invece questa etimologia:
Attittu deriva da titta ‘capezzolo’ (vedi lemma), e come titta ha la base etimologica nel bab. tîtum ‘nutrimento, cibo’, ti’ûtu ‘nutrimento, sostentamento’, termine fuso con tiwītum (a song).

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Re: Come l'italiano è diventato una lingua nazionale...

Intervento di Carnby » dom, 09 mar 2014 20:42

marcocurreli ha scritto:Su quest'altro sito
Mi perdoni l'espressione, ma leggendo quello che dice alla voce abba, penso proprio che quel sito sia carta straccia, anzi «HTML straccio».
Ultima modifica di Carnby in data lun, 10 mar 2014 2:06, modificato 1 volta in totale.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

«Tetta»

Intervento di Infarinato » dom, 09 mar 2014 20:46

Mah? :roll:
L’[i]OED[/i], [i]s.v. [/i]«teat, [i]n[/i].», ha scritto:Etymology: Old English tit(t (masculine), cognate with Middle Low German, Middle Dutch titte , Low German tit(t , titte (Dutch dialect tet), late Middle High German zitze (feminine), German zitz masculine strong, zitze masculine and feminine weak Tit (tittie), for long dialectal, has come into genitive use as TIT n.6. The γ-form tette, tett, tet, and perhaps also the β-form tête, teet(e, teate, whence the current teat, appear to represent French tette, in Old French tete (12–13th cent.), tette, taite; but the form-history is not clear, and in Middle English there was probably mixture of the Old English and Old French forms. The Old French as well as Spanish teta, Italian tetta (and zizza) are themselves generally held to be of German origin, and point to an Old Low German titte feminine Ulterior etymology unknown. (The ordinary Old High German word tutta, tuta (feminine), tutto, tuto (masculine), Middle High German tutte, tute (feminine), was apparently unconnected.)

Avatara utente
marcocurreli
Interventi: 442
Iscritto in data: ven, 25 set 2009 22:36
Località: Cagliari

Intervento di marcocurreli » dom, 09 mar 2014 21:27

Dal "Devoto - Avviamento all'etimologia italiana - ed. 1968":
«tetta: parola onomatop. del "succhiare" dalla serie t....th.... attestata anche nell'area greca; cfr. zizza»

«zizza: "mammella", dal longobardo zizza (ted Zitze); v. tetta»

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » lun, 10 mar 2014 0:47

Riporto quello che scrivono Battisti e Alessio.
Il DEI ha scritto:tétta f. (XIV sec, Plutarco volgar. ; Fazio), -are (intr., XIV sec, Ottimo, poppare ; tr., ant., XIV sec, nutrire di latte); poppa, poccia; scherz. (a. 1931, Panzini), il vino, detto anche latte di vecchia; cfr. lomb., ven., engad. téta, logud. titta, fr. tette (XII-XIII sec), téter (XII sec), prov., catal., spagn., port. teta, -ar, lat. *titta capezzolo (cfr. gr. títthē, tithē´nē nutrice, titthós capezzolo, titthéuō allatto), v. infantile presupposta anche dal ted. Zitze f. (cfr. 'zizza'), b. ted. titte, oland. tit f., anglosass. tit m. (plur. tittas), ingl. teat e cfr. gallese teth.
Le attestazioni letterarie in italiano si trovano anche qui.
Aggiungo che in inglese coesistono teat /tiːt/ e tit /tɪt/, il primo con una vocale lunga, il secondo con una breve.

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1298
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Re: Come l'italiano è diventato una lingua nazionale...

Intervento di u merlu rucà » lun, 10 mar 2014 18:49

marcocurreli ha scritto:
Carnby ha scritto:[...] nel quale compare un settentrionalismo (tette)
Anche da noi si dice "tette", in sardo tittas, singolare titta (secondo A. Rubattu dal greco tzitza).
Nel sardo campidanese si dice anche minca 'minchia' se non erro.
Largu de farina e strentu de brenu.

Pugnator
Interventi: 123
Iscritto in data: dom, 07 giu 2015 19:02
Località: Napoletano, ma vivo a Roma.

Intervento di Pugnator » gio, 13 ago 2015 19:09

In Napoletano esiste la forma Zizza pur se mi è oscuro come sia riuscito a passare dal tedesco medio alto alla lingua napoletana. L'unico regnante tedesco sotto cui Napoli è stata parlava principalmente siciliano (Lo Splendur Mundi) e l'attestazioni sono precedenti ai 23 anni di viceregno austriaco.

domna charola
Interventi: 1059
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

Intervento di domna charola » ven, 14 ago 2015 8:36

Pugnator ha scritto: L'unico regnante tedesco sotto cui Napoli è stata parlava principalmente siciliano (Lo Splendur Mundi) e l'attestazioni sono precedenti ai 23 anni di viceregno austriaco.
Stupor Mundi...
è la voce più attestata, e anche meno "padana" a orecchio... :wink:

Avatara utente
u merlu rucà
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 1298
Iscritto in data: mar, 26 apr 2005 8:41

Intervento di u merlu rucà » ven, 14 ago 2015 13:30

Pugnator ha scritto:In Napoletano esiste la forma Zizza pur se mi è oscuro come sia riuscito a passare dal tedesco medio alto alla lingua napoletana. L'unico regnante tedesco sotto cui Napoli è stata parlava principalmente siciliano (Lo Splendur Mundi) e l'attestazioni sono precedenti ai 23 anni di viceregno austriaco.
La voce zizza è longobarda, e anche se Napoli propriamente non è mai stata longobarda, intorno aveva vari principati longobardi, derivanti dalla frammentazione di quello di Benevento, quindi non ci trovo niente di strano. Anche altre voci di origine longobarda si ritrovano nei dialetti campani.
Largu de farina e strentu de brenu.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite