«Musica urlata»

Spazio di discussione dedicato alla storia della lingua italiana, alla sua evoluzione e a questioni etimologiche

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

«Musica urlata»

Intervento di Carnby » ven, 24 lug 2015 0:12

Qualche giorno fa ci fu uno speciale in televisione sul cinquantesimo anniversario dei concerti in Italia dei Beatles. Il presentatore rimarcò come l'attenzione di allora non fosse rivolta al quartetto liverpudliano ma all'italico «Cantagiro»: in un servizio dell'epoca si parlò di come al «Cantagiro» ci fosse «musica leggera e urlata». Mi domando se con «musica urlata» nel 1965 s'intendesse una sorta di rock (nel tal caso avremmo un traducente attestato!) oppure una canzone italiana un po' meno melodica del solito (quella dei famosi «urlatori»).

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » ven, 24 lug 2015 1:30

Nel '65 non c'erano le classificazioni di oggi e si evitavano le parole straniere. Anche i complessi italiani cantavano in italiano e avevano nomi italiani. Sotto l'etichetta di rock 'n'roll si poteva trovare più o meno tutto quanto non fosse melodico. Comunque il nome è rimasto, un cantante rock si chiama ancora oggi urlatore, anche se è un esponente di un complesso che suona rock melodico, che parrebbe un ossimoro, invece nello scatolone con l'etichetta 'rock' ci si trova una gran varietà di sottogeneri o generi paralleli dai contorni sfumati, non facili da definire.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4064
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 lug 2015 8:55

Scilens ha scritto:Comunque il nome è rimasto, un cantante rock si chiama ancora oggi urlatore, anche se è un esponente di un complesso che suona rock melodico…
È sicuro? Urlatore si riferisce a interpreti di un tipo di musica ben definito, e ormai passato di moda da piú di mezzo secolo. Se l’etichetta va bene per Tony Dallara, mi farei qualche riguardo ad applicarla anche a Liam Gallagher. :roll:

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » ven, 24 lug 2015 11:08

Ferdinand Bardamu ha scritto:È sicuro?
Ma le pare? Deve sempre dubitare.
Per esempio, Brian Johnson degli acdc come lo definirebbe?

"un urlatore di nome Brian Johnson che aveva visto esibirsi alcune volte"
da http://www.acdc-italia.com/la-band/disc ... k-in-black

Tutti i 'vocalist' rock si chiamano urlatori.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4064
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 lug 2015 12:26

Ma quando mai? Che Brian Johnson venga definito come «urlatore» perché urla è un conto, ma non è un’etichetta propria del cantante di musica rock. Gli urlatori, in senso proprio, sono definiti dalla voce del Treccani che ho collegato sopra. Possiamo anche dire che Tom Araya degli Slayer o George Fisher dei Cannibal Corpse sono urlatori, perché in effetti non sono esattamente cantanti confidenziali, ma ciò non significa che siano accomunati agli urlatori di cui si parlava sopra (Tony Dallara, Little Tony, Celentano, ecc.). In breve: un cantante di musica rock non si chiama urlatore, la prima e la seconda parola non sono sinonimi.

Se permette, continuo a dubitare. Dopotutto siamo in fòro di discussione.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » ven, 24 lug 2015 12:47

http://www.villaggiomusicale.com/annunc ... 18723.html
"Cercasi Urlatore
Cercasi Cantante
Cerchiamo un/una cantante per gruppo hard'n heavy.
Siamo batteria, basso, e due chitarre.
Abbiamo sala,impianto,e qualche pezzo nostro.
Facciamo cover di Maiden,Saxon,Metallica,MotleyCrue,DeepPurple,ACDC, insomma i soliti.

Requisiti apprezzati: patente, auto, poca serietà, beer-friendly.

(Poca serietà nei giorni in cui non si suona, o nelle pause-sigaretta eh!)

Preferenze: da 20 a 35 anni

Generi musicali: Hard rock, Punk rock, Grunge, Rock anni 70, Rock anni 80, Rock anni 90, Heavy metal

Dove: Barberino di Mugello (FI)

Modificato: 25/11/2014"
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4064
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 lug 2015 12:53

Mi spiego un po’ meglio (m’accorgo ora di non aver argomentato in maniera chiara). Urlatore può essere usato per chiosare lo stile di canto dei cantanti di hard rock e metal, ma in senso proprio la parola designa una categoria di cantanti ben precisa, in voga a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Per questa ragione, urlatore e cantante di rock duro non possono essere sinonimi.

Gentile Scilens, l’esempio che ha portato lei rientra proprio in quella «chiosa» dello stile rocchettaro di cui parlo. Peraltro, la sua citazione è presa da un annuncio: non è che sia particolarmente significativa.

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » ven, 24 lug 2015 13:06

Ferdinand Bardamu ha scritto:È sicuro? Urlatore si riferisce a interpreti di un tipo di musica ben definito, e ormai passato di moda da piú di mezzo secolo.
È complessa la questione.
Non venne tanto applicato al tipo di musica ma al modo di cantare, che si distaccava bruscamente da quello in voga all'epoca (più vicino alla musica classica, che si può sentire ad esempio in Claudio Villa e Luciano Tajoli).

Non so a cosa si riferisce la parte in corsivo, secondo me più che il tipo di musica è il termine urlatore a esser passato di moda.
In quel senso lì, per lo meno, si è svuotato di significato.

La musica in questi 50 anni è cambiata, ma quell'aspetto non è sparito. È diventato la norma nella musica leggera.
Ferdinand Bardamu ha scritto:Se l’etichetta va bene per Tony Dallara, mi farei qualche riguardo ad applicarla anche a Liam Gallagher. :roll:
Però, se con una macchina del tempo facessimo ascoltare Liam Gallagher a chi chiamò Tony Dallara o Celentano urlatori, sentiremmo chiamare urlatore anche lui.
A dispetto di tutte le differenze che possiamo trovare tra di loro.

Avatara utente
Scilens
Interventi: 1097
Iscritto in data: dom, 28 ott 2012 16:31

Intervento di Scilens » ven, 24 lug 2015 13:17

Ferdinand Bardamu ha scritto:[L]a sua citazione è presa da un annuncio: non è che sia particolarmente significativa.
Ha ragione, si tratta di un annuncio degli anni '60 che ha quel titolo perché lo scopo era non trovare un urlatore, e non testimonia affatto la vitalità di una parola presso gli addetti ai lavori.
Saluto gli amici, mi sono dimesso. Non posso tollerare le contraffazioni.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4064
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 lug 2015 13:17

valerio_vanni ha scritto:La musica in questi 50 anni è cambiata, ma quell'aspetto non è sparito. È diventato la norma nella musica leggera.
È un discorso che volevo fare anch’io, ma poi mi è passato di mente.

Sono d’accordo su tutto. Definire il cantato di un metallaro come urlato è antiquato (mia madre chiama il cantante degli Iron Maiden «car là che úcula», “quello là che urla”), oppure va bene tutt’al piú per chi si accosti per la prima volta al genere. È scontato che in un genere simile il cantante urli: Welcome to the jungle dei Guns n’ Roses cantata con lo stile di Frank Sinatra farebbe ridere.
Scilens ha scritto:Ha ragione, si tratta di un annuncio degli anni '60 che ha quel titolo perché lo scopo era non trovare un urlatore, e non testimonia affatto la vitalità di una parola presso gli addetti ai lavori.
Ci andrei cauto a definire «addetti ai lavori» dei ragazzini che strimpellano. Mi spiace però che di tutto il mio intervento abbia ritagliato solo quel brano.

Legga ciò che ha scritto Valerio Vanni: credo che abbia centrato il punto.
Ultima modifica di Ferdinand Bardamu in data ven, 24 lug 2015 13:23, modificato 1 volta in totale.

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » ven, 24 lug 2015 14:17

Può darsi che il termine cerchi di rientrare come traduzione dall'inglese.
Una traduzione avvenuta in tempi più recenti, senza legami con il significato (morto e sepolto) di cui abbiamo parlato.

E' sicuramente ridicolo chiamare "urlatore" Brian Johnson, se si ha ancora in mente la stessa definizione applicata 50 anni fa a Celentano.
Non perché sia falso, ma perché è... troppo vero. Come lei dice, è scontato che il primo "urli" molto più del secondo.

Tra cantanti dei generi più estremi, il concetto è molto in voga.
I ragazzini citati da Scilens non sono sicuramente addetti ai lavori, ma non si sono nemmeno inventati le cose dal nulla. Amministro un forum di canto da parecchi anni, e ho visto molte discussioni sull'argomento.
Un punto parecchio dibattuto è l'impatto sulla salute di queste emissioni vocali, e se sia possibile evitare o limitare i danni.

Una particolarità di quei ragazzini è che hanno rifiutato gli anglicismi e hanno tradotto il termine.
Quasi tutti parlano di screaming e di growling (quest'ultimo è una specie di grugnito, prodotto per lo più su note basse).
Il motivo per cui si trova poco il termine urlatore è semplicemente perché, a causa dell'anglicizzazione della lingua, tutti usano screamer e growler.

Si può vedere in rete che l'argomento è gettonato, usando i termini inglesi.

http://www.google.it/search?q=insegnant ... l=it&gbv=1
http://www.google.it/search?hl=it&sourc ... ogle&gbv=1

Guardiamo per esempio il titolo di questa discussione:
http://www.truemetal.it/forum/sondaggi/ ... tempi.html
Senza anglicismi, sarebbe "il miglior urlatore di tutti i tempi".

Qui, invece, chi scrive mette "urlatore" ma tra virgolette, evidentemente ha dei dubbi sulla correttezza della traduzione.
https://it.answers.yahoo.com/question/i ... 215AAmZCrV

Io scommetterei sul fatto che i ragazzini del messaggio di Scilens non sappiano nemmeno degli "urlatori Celentano e Dallara", e abbiano tradotto proprio perché hanno trovato il campo semantico sgombro.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4064
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » ven, 24 lug 2015 14:43

Grazie davvero. Con «ragazzini» non intendevo sminuire la passione di chi si dedica alla musica: mi scuso della scelta lessicale poco felice.

Certamente, come traduzione di screamer, termine slegato da riferimenti alla storia della nostra musica leggera, urlatore va benissimo. Inutile dire che sostengo qualunque sforzo di tradurre gli anglicismi, anche in quest’àmbito.

Mi pare però che uno screamer non sia un cantante rock senz’altro aggiunto: anzi, mi corregga se sbaglio, lo scream è uno stile di canto del metal piú estremo. Non a caso, nel rimando che ha fornito, si cita Dani Filth dei Cradle of Filth, gruppo che fa una sorta di black metal melodico.

Un growler, invece, come dice lei, è piú un «grugnitore» che un urlatore.

Non c’è insomma coincidenza perfetta tra lo stile urlato e il canto rock, anche perché il genere è amplissimo: va dai Coldplay ai Carcass.

valerio_vanni
Interventi: 895
Iscritto in data: ven, 19 ott 2012 20:40
Località: Marradi (FI)

Intervento di valerio_vanni » ven, 24 lug 2015 16:10

Ferdinand Bardamu ha scritto:Mi pare però che uno screamer non sia un cantante rock senz’altro aggiunto: anzi, mi corregga se sbaglio, lo scream è uno stile di canto del metal piú estremo.
Ma anche del rock, però (appunto) dei tipi più estremi.
C'è da dire che si assiste a una moltiplicazione di definizioni, che passa da generi a sotto-sotto-sotto generi, sempre più spinta in cui è difficile raccapezzarsi. Qualche volta sembra che venga usato un generatore di espressioni casuale. ;-)
Ferdinand Bardamu ha scritto:Non c’è insomma coincidenza perfetta tra lo stile urlato e il canto rock, anche perché il genere è amplissimo: va dai Coldplay ai Carcass.
Sono d'accordo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti