«Prendere il velo»

Spazio di discussione dedicato alla storia della lingua italiana, alla sua evoluzione e a questioni etimologiche

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
domna charola
Interventi: 1059
Iscritto in data: ven, 13 apr 2012 9:09

«Prendere il velo»

Intervento di domna charola » gio, 30 lug 2015 10:42

Con questa frase si usa spesso indicare, in senso figurato, l'atto della monacazione di una donna.
Ora la domanda è: quanto indietro si riesce a risalire nella storia di questa espressione?

Grazie per qualsiasi contributo.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3601
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: «Prendere il velo»

Intervento di Infarinato » gio, 30 lug 2015 11:41

Bisognerebbe consultare il Battaglia: nel TLIO non ci sono [ancora] né velo prendere, e nella banca dati dell’OVI non sono riuscito a scovare alcun esempio utile di prendere il velo, nemmeno nel senso originario del latino NŪBĔRE, cioè «maritarsi».

L’espressione, però, dev’essere molto antica se anche Dante scrive (il distico è riportato per l’appunto dal Treccani) «e poi potesti da Piccarda udire / che l’affezion del vel Costanza tenne» (Par. IV, 97–8).

Il DELI riporta «prendere il velo ‘farsi suora’ (1821-23, A. Manzoni)» (e il GRADIT aggiunge: «av. 1827; cfr. fr. prendre le voile, fine XVIII sec.») e «lasciare il velo ‘abbandonare lo stato monacale’ (1875, Rigutini-Fanf[ani])», ma ovviamente questi sono termini ante quos

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite