Perché abbiamo «re» e non *«regge»?

Spazio di discussione dedicato alla storia della lingua italiana, alla sua evoluzione e a questioni etimologiche

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Pugnator
Interventi: 123
Iscritto in data: dom, 07 giu 2015 19:02
Località: Napoletano, ma vivo a Roma.

Perché abbiamo «re» e non *«regge»?

Intervento di Pugnator » mer, 26 ago 2015 23:22

Salve, qualcuno potrebbe gentilmente spiegarmi perché abbiamo re e non *rege? Consultando vari dizionari etimologici ho notato che alcuni danno come origine "rex" mentre altri "rege(m)" senza però spiegare il motivo di una derivazione dal nominativo e non dall'accusativo. Di solito i nomi che vengono dal nominativo latino sono di importazione colta e letteraria ma "re" è usato da tempo immemorabile e non ho trovato esempi di un uso popolare di *rege o *regge.

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4062
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: Perché abbiamo «re» e non *«regge»?

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 27 ago 2015 0:24

Pugnator ha scritto:Di solito i nomi che vengono dal nominativo latino sono di importazione colta e letteraria
E sarto, moglie, prete, ladro? E uomo? Tutti cultismi? :)

In ogni caso, il Rohlfs cita anche re tra le parole che continuano il nominativo latino (Grammatica storica dell’italiano e dei suoi dialetti. II. Morfologia, Torino: «Einaudi», 1968, § 344; sottolineatura mia):

[T]roviamo casi di conservazione del nominativo essenzialmente nei concetti personali, capaci di presentarsi come soggetto agente. Dalla lingua nazionale citiamo: uomo, moglie, sarto, ladro, prete (ant. lomb. prèvido, it. merid. prèvite) < p r a e b y t e r, il re.

Rege è, questo sí, un latinismo, segnalato dal mantenimento della -g- intervocalica non geminata davanti a vocale palatale (cfr. gge < LĔGIT, gge < LĒGE(M), frigge < FRĪGIT).
Ultima modifica di Ferdinand Bardamu in data gio, 27 ago 2015 0:26, modificato 1 volta in totale.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » gio, 27 ago 2015 0:26

Qui in Toscana si usa regio, almeno per le carte da gioco. Regio è usato anche in qualche testo poetico del passato, probabilmente forma rifatta dal plurale regi (da rēgēs).

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Re: Perché abbiamo «re» e non *«regge»?

Intervento di Fausto Raso » gio, 27 ago 2015 0:39

Pugnator ha scritto:Salve, qualcuno potrebbe gentilmente spiegarmi perché abbiamo re e non *rege? Consultando vari dizionari etimologici ho notato che alcuni danno come origine "rex" mentre altri "rege(m)" senza però spiegare il motivo di una derivazione dal nominativo e non dall'accusativo. Di solito i nomi che vengono dal nominativo latino sono di importazione colta e letteraria ma "re" è usato da tempo immemorabile e non ho trovato esempi di un uso popolare di *rege o *regge.
Anticamente si diceva "rege" ( fa notare il Tommaseo-Bellini) come si può leggere qui e qui.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Pugnator
Interventi: 123
Iscritto in data: dom, 07 giu 2015 19:02
Località: Napoletano, ma vivo a Roma.

Intervento di Pugnator » gio, 27 ago 2015 2:04

Grazie per la precisa spiegazione, mi rimane solamente un dubbio, ma moglie non deriva dalla contrazione antica forma mogliere/a a sua volta derivante dal latino muliere(m) e quindi da un accusativo? (O almeno cosi riporta il vocabolario etimologico di Pianigiani). Lo stesso dizionario presenta poi nella stessa voce di sarto anche sartore da "sartore(m)".

Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4062
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Intervento di Ferdinand Bardamu » gio, 27 ago 2015 8:01

Questo è perché esistevano in antico, e si sono conservate in molti dialetti, varianti della stessa parola derivate dall’accusativo.

Il Pianigiani è un vocabolario etimologico piuttosto datato: basti pensare che riporta ancora la derivazione di mugnaio dal provenzale monier (qui il nostro filone al riguardo).

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite