«Madonna»

Spazio di discussione dedicato alla storia della lingua italiana, alla sua evoluzione e a questioni etimologiche

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Dario Brancato
Interventi: 69
Iscritto in data: mar, 25 set 2007 1:45

«Madonna»

Intervento di Dario Brancato » dom, 06 nov 2016 13:25

Sappiamo dai dizionari (Treccani e Gradit) che il sostantivo madonna è composto dalla riduzione del possessivo m(i)a + donna. Ma come si è arrivati, foneticamente, a tale riduzione? Secondo una trafila analoga quella per cui da Neapolis si ha Napoli? Esistono altre parole in cui si nota lo stesso fenomeno? A me viene in mente solo l'esclamazione maffe (o maffé) ‘mia fede’, che però ha attestazioni tarde (dal XVI secolo in poi), giacché quelle trecentesche sono gnaffe o naffe.

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » mar, 08 nov 2016 17:56

Forse da mía dònna si passò a mià dònna, poi a miadònna, e finalmente a madonna.

Carnby
Interventi: 3519
Iscritto in data: ven, 25 nov 2005 19:53
Località: Empolese-Valdelsa

Intervento di Carnby » mar, 08 nov 2016 18:31

Devoto propende per una deaccentazione del primo elemento di mia donna con caduta dell’i; per me non si può escludere l'influsso del francese madame o del francesismo italiano madama.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3599
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Re: «Madonna»

Intervento di Infarinato » sab, 28 gen 2017 20:55

Dario Brancato ha scritto:Sappiamo dai dizionari (Treccani e Gradit) che il sostantivo madonna è composto dalla riduzione del possessivo m(i)a + donna. Ma come si è arrivati, foneticamente, a tale riduzione? Secondo una trafila analoga quella per cui da Neapolis si ha Napoli? Esistono altre parole in cui si nota lo stesso fenomeno?
Secondo il Rohlfs, che cita il Serra, Comacchio (forse < COMMEATULUS). Riporto l’intero passo…
Rohlfs (1966:169) ha scritto:136. io ed ea protonici. Nei casi in cui nella sillaba protonica risulta io, questo gruppo si riduce in Toscana in certi casi ad i: cfr. Firenze Fiorenze, Chifenti Chiofenti < CONFLUENTES, piviale PLUVIALE, piviere (< franc. plouvier); l'antico italiano firini. Cfr. anche in Calabria Nicastro < NEOCASTRON, e in provincia di Lecce, chisura ‘campo chiuso’ < chiusura e il nome del fiume Fibbio (nel Veneto) < fiobbio FLUVIUS. Analogamente ea si è ridotto ad a: cfr. NEAPOLISNapoli, COMMEATULUSComacchio (cfr. Serra, LN 2, 122). Il passaggio di io protonico a e si nota nei cognomi Dietisalvi, Dietiguardi (cfr. anche §88).
Inoltre…
Rohlfs (1968:121) ha scritto:Vi son poi le forme accorciate: antico toscano lo mi figlio, ’l me core, lo tu valor, antico umbro mi signore, so nome; cfr. anche le forme atone nei composti madonna (abbreviato a monna o mona) e messere (francesismo). Già in Dante madonna s’è cristallizzato in una forma invariabile, cfr. madonne come appellativo di piú donne («Vita Nuova», 18).
…senza dimenticare gli antichi enclitici (anche toscani, per es. in Boccaccio e poi Machiavelli) -mo, -to, -so: mogliema, fratelto etc.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite