Periodo ipotetico dell’irrealtà

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Ste. Gi.
Interventi: 50
Iscritto in data: ven, 11 mag 2018 10:58

Periodo ipotetico dell’irrealtà

Intervento di Ste. Gi. » ven, 11 mag 2018 11:11

Salve,
mi piacerebbe conoscere la vostra opinione riguardo al seguente passo letterario nel quale mi sono imbattuto e della cui correttezza grammaticale non sono certo. Vi ringrazio in anticipo per l'attenzione: "se (domani) non fossi stato impegnato con il lavoro, ti avrei accompagnato io al concerto".

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9581
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » sab, 12 mag 2018 14:33

Mi piacerebbe sapere chi ha scritto questa frase, e magari avere il contesto. Ma va da sé che il congiuntivo trapassato è semanticamente incompatibile col futuro (domani).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Ste. Gi.
Interventi: 50
Iscritto in data: ven, 11 mag 2018 10:58

Intervento di Ste. Gi. » dom, 13 mag 2018 10:58

Salve e grazie per aver preso in considerazione il caso. Non sono purtroppo in grado di fornirle né l’autore (straniero) né il titolo né il traduttore italiano: ricordo soltanto che si tratta di un romanzo poliziesco. Per contestualizzare il periodo, posso però riportare la sequenza dialogica, che mi ero appuntato a suo tempo allo scopo di presentare il quesito quando mi fossi iscritto al forum.

“Ti sei già organizzata per domani?” domandò Peter.
Lisa lo guardo di sottecchi e rispose a mezza voce: “No, non ho trovato nessuno che sia interessato”.
“Se non fossi stato impegnato, ti avrei accompagnato io al concerto.”

Se, alla luce del contesto, il costrutto continuasse a determinarsi sintatticamente scorretto, quale potrebbe essere una forma accettabile per esprimere il concetto?
Grazie e al prossimo caso…

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1642
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » dom, 13 mag 2018 16:49

Se non fossi già impegnato, ti accompagnerei io al concerto.

Ma più che accettabile, mi sembra l'unica forma possibile per esprimere il concetto. Lascio ad altri il compito di spiegare perché.

Avatara utente
Animo Grato
Interventi: 1379
Iscritto in data: ven, 01 feb 2013 15:11

Intervento di Animo Grato » dom, 13 mag 2018 17:17

Probabilmente sbaglio, ma la frase non mi suona così innaturale come dovrebbe. Rispetto alla formulazione sicuramente corretta (Se non fossi già impegnato, ti accompagnerei io al concerto), mi sembra che qui chi parla voglia tappare ogni spiraglio di possibilità ponendosi, temporalmente, al di là dell'ipotetico avvenimento, e quasi commentandolo come cosa [non] avvenuta e quindi non modificabile.

P.S. Benvenuto a Ste. Gi. :D
«Ed elli avea del cool fatto trombetta». Anonimo del Trecento su Miles Davis
«E non piegherò certo il mio italiano a mere (e francamente discutibili) convenienze sociali». Infarinato
«Prima l'italiano!»

Avatara utente
Roberto Crivello
Interventi: 1642
Iscritto in data: lun, 11 apr 2005 4:37
Località: Salt Lake City, Utah
Info contatto:

Intervento di Roberto Crivello » dom, 13 mag 2018 17:34

In prima battuta la lettura di Animo Grato mi era sembrata ragionevole, ma riflettendoci un attimo devo dire che richiede uno sforzo interpretativo e giustificativo del lettore che, mi sembra, faccia a pugni con la sintassi. Se non fossi stato impegnato, ti avrei accompagnato io al concerto è senz'altro corretta se detta in un istante successivo alla conclusione del concerto, ma non se il concerto deve ancora svolgersi.

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Intervento di PersOnLine » dom, 13 mag 2018 21:54

Trattandosi di un dialogo, nell'ottica di chi pronuncia la frase, il periodo mi sembra giustificato dal fatto che per lui l'impegno per giorno del concerto (domani) è stato preso in un momento di molto antecedente a quello dell'enunciazione, e quindi ancorato psicologicamente in un passato lontano.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9581
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 » dom, 13 mag 2018 22:14

Roberto Crivello ha scritto:In prima battuta la lettura di Animo Grato mi era sembrata ragionevole, ma riflettendoci un attimo devo dire che richiede uno sforzo interpretativo e giustificativo del lettore che, mi sembra, faccia a pugni con la sintassi. Se non fossi stato impegnato, ti avrei accompagnato io al concerto è senz'altro corretta se detta in un istante successivo alla conclusione del concerto, ma non se il concerto deve ancora svolgersi.
Concordo! :)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
lorenzos
Interventi: 263
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Re: Periodo ipotetico dell’irrealtà

Intervento di lorenzos » gio, 01 ago 2019 16:39

- Cosa farai domani sera?
- Purtroppo sono stato invitato a cena dal capufficio.
- E se non ti avesse invitato?

- Purtroppo sono stato coinvolto in una commissione di quartiere.
- E se non ti avessero coinvolto?

- Purtroppo sarò impegnato in una riunione di lavoro.
- E se non eri / fossi stato impegnato?
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.

Daphnókomos
Interventi: 50
Iscritto in data: sab, 08 giu 2019 14:26
Località: Bassa veronese

Re: Periodo ipotetico dell’irrealtà

Intervento di Daphnókomos » mer, 14 ago 2019 11:01

Voglio far notare che, negli esempi di lorenzos, l'invito a cena e il coinvolgimento nella commissione di quartiere si collocano nel passato (sono stato invitato, sono stato coinvolto), mentre l'impegno costituito dalla riunione di lavoro si colloca nel futuro (sarò impegnato).
Comunque, secondo me, il congiuntivo trapassato nella frase in questione non è così sbagliato, perché mi pare che conferisca all'impegno di cui si parla, che fra l'altro è prossimo nel tempo, la caratteristica dell'inderogabilità.

Daphnókomos
Interventi: 50
Iscritto in data: sab, 08 giu 2019 14:26
Località: Bassa veronese

Re: Periodo ipotetico dell’irrealtà

Intervento di Daphnókomos » mer, 14 ago 2019 15:46

Daphnókomos ha scritto:
mer, 14 ago 2019 11:01
Voglio far notare che, negli esempi di lorenzos, l'invito a cena e il coinvolgimento nella commissione di quartiere si collocano nel passato (sono stato invitato, sono stato coinvolto), mentre l'impegno costituito dalla riunione di lavoro si colloca nel futuro (sarò impegnato).
Quello che intendo qui è che l'unico esempio pertinente mi sembra essere l'ultimo.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite