Esprimere un evento irrealizzabile nel passato

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Francesco94
Interventi: 92
Iscritto in data: lun, 15 ott 2018 13:06
Località: Roma, Italia

Esprimere un evento irrealizzabile nel passato

Intervento di Francesco94 »

Salve a tutti,

prendendo come riferimento la frase qui di séguito «Ho sempre ricevuto critiche quando pensavo ad alta voce come diversa sarebbe potuta essere la mia vita», sono incerto riguardo al corretto tempo verbale da usare nella interrogativa indiretta (resa volontariamente in evidenza).

Trattasi, senz'alcun dubbio, di un evento certamente irrealizzabile espresso al/nel passato. Sono incerto se usare il congiuntivo piuccheperfetto («congiuntivo trapassato») o il condizionale passato (corrispondente del piuccheperfetto latino per esprimere un evento irrealizzabile al passato [l'imperfetto congiuntivo latino corrispondente al condizionale presente per esprimere invece un evento irrealizzabile al presente], nonché tempo verbale utilizzato per esprimere «il futuro nel passato»).
È qui il nòcciolo della questione: l'interrogativa indiretta a mio parere esprime un passato nel passato, poiché nel preciso momento in cui «pensavo» già non era più possibile cambiare il corso degli eventi, pertanto la mia vita non poteva (neanche in quel momento) essere diversa.

L'uso del congiuntivo trapassato, invece, non sembra del tutto incorretto (dato che esprime anteriorità rispetto alla reggente): «Ho sempre ricevuto critiche quando pensavo ad alta voce come diversa fosse potuta essere la mia vita», o sbaglio?

Cosa ne pensate?
Grazie a chiunque vorrà rispondere.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9810
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Esprimere un evento irrealizzabile nel passato

Intervento di Marco1971 »

L’unica possibilità è il condizionale passato (ma si ricordi che con i modali essere seleziona avere come ausiliare): ...quando pensavo ad alta voce come diversa avrebbe potuto essere la mia vita.

Il congiuntivo non è possibile perché qui pensare vale riflettere su, por mente a e non ritenere.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3723
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 10:40
Info contatto:

Re: Esprimere un evento irrealizzabile nel passato

Intervento di Infarinato »

[Marco ha già risposto in maniera molto piú sintetica, precedendomi d’un soffio. 😅]
Francesco94 ha scritto:
lun, 29 giu 2020 16:36
[P]rendendo come riferimento la frase qui di séguito «Ho sempre ricevuto critiche quando pensavo ad alta voce come diversa sarebbe potuta essere la mia vita», sono incerto riguardo al corretto tempo verbale da usare nella interrogativa indiretta (resa volontariamente in evidenza).

Trattasi, senz'alcun dubbio, di un evento certamente irrealizzabile espresso al/nel passato.

[…]

È qui il nòcciolo della questione: l'interrogativa indiretta a mio parere esprime un passato nel passato, poiché nel preciso momento in cui «pensavo» già non era più possibile cambiare il corso degli eventi, pertanto la mia vita non poteva (neanche in quel momento) essere diversa.

L'uso del congiuntivo trapassato, invece, non sembra del tutto incorretto (dato che esprime anteriorità rispetto alla reggente): «Ho sempre ricevuto critiche quando pensavo ad alta voce come diversa fosse potuta essere la mia vita», o sbaglio?
Innanzitutto, se un verbo servile è seguito dal verbo essere, l’ausiliare sarà sempre avere, per cui nelle sue frasi avrebbe/avesse potuto essere (non *sarebbe/fosse potuta essere). ;)

Inoltre, quel come diversa, non è errato, ma, se non si tratta di una precisa scelta stilistica, per maggiore chiarezza sposterei diversa prima di la mia vita, oppure scriverei quanto diversa se il significato che s’intendeva trasmettere è, appunto, «quanto diversa». :)

Quanto al suo quesito, direi che l’unica scelta possibile è, come Lei ha ben intuíto, il condizionale composto, e solo il contesto potrà aiutare a disambiguare la collocazione temporale relativa: Ho sempre ricevuto critiche quando pensavo ad alta voce come avrebbe potuto essere diversa la mia vita [in quel momento, se avessi fatto determinate scelte in passato ~ in futuro / da quel giorno in avanti, se mi fossi applicato di piú nello studio etc.].

Avatara utente
Francesco94
Interventi: 92
Iscritto in data: lun, 15 ott 2018 13:06
Località: Roma, Italia

Re: Esprimere un evento irrealizzabile nel passato

Intervento di Francesco94 »

Gent.mi Marco1971 e Infarinato,

molte grazie per le rapide ed esaustive risposte fornitemi.
Eccezionali, come sempre. :D :D

PS: il verbo ritenere esprime un giudizio o parere, dunque richiederebbe il congiuntivo. Orbene, non è questo il caso.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Google [Bot] e 1 ospite