«Se ci fosse qualcuno…»

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
uolve
Interventi: 2
Iscritto in data: ven, 17 gen 2014 18:44

«Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di uolve »

Salve,
pongo l'ennesimo quesito sull'uso del congiuntivo e condizionale.
Volevo sapere se questa frase è agrammaticale oppure no:
«Se ci fosse qualcuno che mi chiederebbe di fare tale cosa, io lo farei».

Possono essere contemplate varianti o è corretta solamente la frase
«Se ci fosse qualcuno che mi chiedesse di fare tale cosa, io lo farei»?

Ringrazio anticipatamente per i chiarimenti.
Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: sab, 15 dic 2007 23:18

Intervento di Daniele »

Credo che l'unica possibilità corretta sia, per dirla con Quelo, "la seconda che hai detto." :)
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10417
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Intervento di Marco1971 »

Daniele dice il vero, l'unica frase corretta è:

Se ci fosse qualcuno che mi chiedesse di fare tale cosa, io lo/la farei?
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
uolve
Interventi: 2
Iscritto in data: ven, 17 gen 2014 18:44

Re: «Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di uolve »

Grazie!
Purtroppo mi sono incaponito, ho letto discussioni precedenti e interventi di Marco1971, cercando qualche cavillo per rendere la frase «Se ci fosse qualcuno che mi chiederebbe di fare tale cosa, io la farei» grammaticalmente accettabile. La subordinata non potrebbe essere considerata un'interrogativa indiretta e quindi avere la possibilità di usare il condizionale o è una bischerata?
Oppure il modo potrebbe essere trasformando la frase in:
«Se (mai) ci fosse qualcuno, (sicuramente) mi chiederebbe di fare tale cosa e io la farei»?
Avatara utente
Ferdinand Bardamu
Moderatore
Interventi: 4653
Iscritto in data: mer, 21 ott 2009 14:25
Località: Legnago (Verona)

Re: «Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di Ferdinand Bardamu »

uolve ha scritto:La subordinata non potrebbe essere considerata un'interrogativa indiretta e quindi avere la possibilità di usare il condizionale o è una bischerata?
No, non potrebbe, perché si tratta di una relativa (restrittiva).
Curzio
Interventi: 73
Iscritto in data: dom, 29 dic 2019 10:51

Re: «Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di Curzio »

Buonasera,

Sono stato insultato per strada: ci fosse stato qualcuno che mi sia venuto in soccorso!

Sperando che questo interrogativo abbia una certa affinità con il filone, domando se questa formulazione sia corretta, o se si dovrebbe, invece, selezionare il congiuntivo trapassato
(fosse venuto).

Questa variante mi parrebbe un po' innaturale.
Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 10417
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: «Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di Marco1971 »

Quando si dice (se) ci fosse stato qualcuno che… ci si colloca in una situazione irrealizzata e irrealizzabile; il congiuntivo passato si riferisce invece a un evento possibile (ma incerto) o avvenuto:

(1) Sono contento che tu sia riuscito a cavartela. (Evento avvenuto)

(2) Mi pare improbabile che Mario abbia fatto questo. (Evento possibile ma incerto)

Con il congiuntivo trapassato, si rimane nel regno dell’inattuabile:

(3) Magari ci fosse stato qualcuno che mi avesse aiutato in quella circostanza!

(4) Ci fosse stato qualcuno che fosse venuto in mio soccorso!
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.
Curzio
Interventi: 73
Iscritto in data: dom, 29 dic 2019 10:51

Re: «Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di Curzio »

Grazie di cuore per la spiegazione, Marco1971.
Avatara utente
lorenzos
Interventi: 526
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Re: «Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di lorenzos »

Sono stato insultato per strada: ci fosse stato qualcuno che mi fosse venuto in soccorso!
L'enuciato così non diventa un po' pesante? Si potrebbe usare l'imperfetto, indicativo o congiuntivo?
Sono stato insultato per strada: ci fosse stato qualcuno che mi veniva/venisse in soccorso! / ... che mi soccorresse
Grazie.
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.
DON FERRANTE
Interventi: 298
Iscritto in data: sab, 05 set 2020 17:08

Re: «Se ci fosse qualcuno…»

Intervento di DON FERRANTE »

Se posso permettermi di dare una limatura a quanto inappuntabilmente scritto da Marco, direi che il trapassato della sovrordinata attrae nella sua orbita il successivo (quello della relativa).
In pratica, la formulazione prototipica, nucleare sarebbe mi fosse venuto in soccorso qualcuno/magari mi fosse venuto in soccorso qualcuno.
Consci dell'autonomia intrinseca alle relative, non mi pare vieto o peregrino un (magari) ci fosse stato uno/qualcuno che mi venisse in soccorso.
Più la relativa si fa caratterizzante, formulare (in certi casi potremmo dire anche atemporale), più si rende autonoma dalle logiche della "consecutio", specie nel giro negativo o retorico (chi c'è che...?=non c'è nessuno che... e simili):
magari in quella raccolta ci fosse stato un libro che avesse la copertina rossa (espressione di qualità caratterizzante, distintiva più che di temporalità relativa) o
magari ci fosse stato uno che riparasse/(di quelli) che ripara(no) l'impianto frigorifero: con l'indicativo presente la caratterizzazione è affidata non al modo, ma all'intera relativa, che forma un'unità semantica indissociabile; e il rapporto temporale con la principale si perde del tutto, la relativa si fa acronica.

Poi questo ancoraggio temporale può essere sentito come più o meno forte a seconda dei casi.
Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite