«Entrambi» / «gli» e «loro»

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mer, 23 apr 2008 15:21

Al solito: non vedo perché si dovrebbe incoraggiarlo. Stabilito che non è un errore, ma può al massimo risultare stilisticamente non appropriato in alcuni limitatissimi ambiti, perché non limitarsi a seguire il proprio gusto?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mer, 23 apr 2008 15:33

bubu7 ha scritto:Penso che su questo punto potremmo incoraggiare l'evoluzione della lingua invece di adeguarci a un'inutile complicazione sintattica seppur tradizionale.
Semplificare per amor d’uniformità mi sembra un impoverimento delle possibilità espressive: gli e loro hanno, ora come ora, connotazioni diverse, che costituiscono una ricchezza stilistica.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
rossella messina
Interventi: 51
Iscritto in data: mer, 09 apr 2008 11:25

Intervento di rossella messina » gio, 24 apr 2008 23:47

Grazie a tutti, ora mi è perfettamente chiaro il concetto (su tutti e due gli argomenti)
Ora che vi ho trovato non vi lascio più.
Per me è importante sciogliere questi dubbi, perché quando traduco copioni di telefilm devo usare un linguaggio corretto ma non falso, parlato ma non "sgarrato". In sala doppiaggio su questioni sintattiche si accapigliano tutti: attori, direttore del doppiaggio, il povero dialoghista se è presente... non si può dire che non prendiamo questo lavoro sul serio! :lol:

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » ven, 25 apr 2008 0:07

E noi saremo lieti d'aiutarla! :wink:
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » ven, 25 apr 2008 0:08

Saremo tutti felici di potere sciogliere qualsiasi dubbio riguardante la lingua. :)

In effetti in certi doppiaggi si sentono cose strane, tipo «Come ti piace?» (falsa traduzione di «How do you like it?», che sarebbe semplicemente «Ti piace?», almeno nel contesto a cui mi riferisco).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
rossella messina
Interventi: 51
Iscritto in data: mer, 09 apr 2008 11:25

Intervento di rossella messina » ven, 25 apr 2008 20:45

Siete veramente molto gentili... a proposito, domanda che esula forse un po' da questo forum, ma a cui forse vorrete rispondere: potreste consigliarmi qualche scrittore italiano contemporaneo che scrive in buon italiano? (per copiare modi di dire, vocaboli, costruzioni di frasi, eccetera, andando sul sicuro) A me piace Baricco. Ne avete altri in mente?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » ven, 25 apr 2008 21:50

Uno degli scrittori piú raffinati del Novecento, secondo me, è Tommaso Landolfi.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » sab, 26 apr 2008 12:27

Se vogliano rimanere sui "consolidati", ci sarebbe anche Eco.
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

promessainfranta
Interventi: 94
Iscritto in data: lun, 07 apr 2008 23:30

Intervento di promessainfranta » sab, 26 apr 2008 21:05

Consiglierei la lettura di Luigi Meneghello, ahinoi purtroppo scomparso lo scorso anno. Egli ben rappresentò lo spirito libero di un "dispatriato" che mai accettò la ristrettezza culturale del nostro misero paese. Ha descritto sessant'anni della nostra società civile attraverso una lingua raffinata, ricercata, mai artificiosa, insegnandoci sia ad amare la lingua italiana sia il dialetto, che per molti di noi è il primo codice comunicativo. Egli sì che si lasciava andare ogni tanto all'uso di qualche forestierismo, ma sempre a ragion veduta, mai a casaccio. Un grand'uomo!

CarloB
Interventi: 444
Iscritto in data: mar, 01 feb 2005 19:23

Intervento di CarloB » gio, 01 mag 2008 23:23

A me pare che i libri di Fruttero e Lucentini (e anche l'ultimo del solo Fruttero) siano scritti in una prosa impeccabile, precisa e chiara. Per ragioni che mi risultano poco chiare passano per scrittori minori. Sono stati anche brillanti traduttori.
E poi ricorderei Sciascia.

Gino Zernani
Interventi: 136
Iscritto in data: lun, 11 lug 2005 18:19

Intervento di Gino Zernani » ven, 02 mag 2008 16:10

Landolfi per la tecnica inarrivabile.
Gadda per l'estro all'ennesima potenza.
Quanto a F&L, ciò dice è vero, caro Carlo: tuttavia si rilegga l'ottimo "A che punto è la notte": brilla per altre cose, non per l'eccellenza linguistica.
Le segnalo anche Piero Jahier.

CarloB
Interventi: 444
Iscritto in data: mar, 01 feb 2005 19:23

Intervento di CarloB » ven, 02 mag 2008 23:29

Grazie della segnalazione, caro Gino Zernani. La Donna della domenica e alcuni libri successivi mi erano piaciuti di più, ma nella memoria non m'era rimasta un'impressione negativa di A che punto è la notte. L'estate si avvicina: lo rileggerò. E prenderò in mano anche Jahier, che, ahimè, conosco davvero pochissimo.
Ma quanto a minori, vorrei rilanciare con un altro dimenticato: Vittorio G. Rossi. I racconti storici (Cristina e lo Spirito Santo; Miserere coi fichi) si fanno sempre leggere.
E dimenticavo un autore che personalmente amo molto ed è a sua volta caduto nel dimenticatoio: Luciano Bianciardi: non solo i romanzi ma anche gli articoli di giornale.
Beninteso che cito scrittori di approccio non arduo. Gadda è un gigante; ma non so se risponde ai criteri che ci ha chiesto rossella messina.

Avatara utente
rossella messina
Interventi: 51
Iscritto in data: mer, 09 apr 2008 11:25

Intervento di rossella messina » dom, 04 mag 2008 11:19

Ringrazio tutti voi per le vostre segnalazioni-autore (quest'estate avrò da leggere....) Di qualunque calibro siano gli autori va benissimo; vanno bene Fruttero e Lucentini accanto a Eco; l'importante è che ognuno, a modo suo, scriva bene. Era esattamente quello che vi chiedevo e quindi grazie ancora. E' importante perché quando uno legge un libro, magari sette o otto volte se gli piace, poi gli rimangono in testa intere frasi e se non sono corrette da un punto di vista sintattico, gli errori rimangono lì per tutta la vita...
Sto preparando un'altra serie di domande; armatevi di pazienza...

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » dom, 04 mag 2008 18:48

rossella messina ha scritto:…a proposito, domanda che esula forse un po' da questo forum, ma a cui forse vorrete rispondere: potreste consigliarmi qualche scrittore italiano contemporaneo che scrive in buon italiano?
Fuori tempo massimo (:oops:) aggiungerei alla lista la tersissima prosa d’Indro Montanelli, che ha il duplice vantaggio di essere di tipo giornalistico (e quindi non troppo lontana dalla lingua parlata, o almeno da un parlato non troppo sciatto) e d’essere sintatticamente ineccepibile (…devo ancora trovare un esempio in cui la scelta di modi e tempi verbali mi trovi in disaccordo: sarà perché è toscano? :mrgreen:).

PersOnLine
Interventi: 1303
Iscritto in data: sab, 06 set 2008 15:30

Le per loro

Intervento di PersOnLine » mar, 30 giu 2009 0:58

Se gli si può usare come pronome proclitico di terza persona plurale posto di loro, è possibile usare le riferito a un collettivo solo femminile nel medesimo contesto?

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite