«Perire dalla Terra»

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: dom, 16 dic 2007 0:18

«Perire dalla Terra»

Intervento di Daniele » lun, 03 nov 2008 11:24

La parte finale del discorso di Gettysburgh, pronunciato da Lincoln, nella traduzione italiana approvata dalla Libreria del Congresso (almeno, così dice Wikipedia) recita:
e che l’idea di un governo di popolo, dal popolo, per il popolo, non abbia a perire dalla terra.
Perire da? A me suona sbagliato. Io direi perire sulla Terra. O si può dire? Forse qui perire è sinonimo di scomparire?

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » lun, 03 nov 2008 12:58

Nemmeno a me suona bene, tuttavia ho il sentore che perish from the earth sia un richiamo biblico, però al momento non saprei bene dove cercarlo.
Io tradurrei, per esempio, così:
e che l’idea di un governo di popolo, dal popolo, per il popolo, non abbia a scomparire dalla terra.
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: dom, 16 dic 2007 0:18

Intervento di Daniele » lun, 03 nov 2008 13:03

Eh, certo, così sì che funziona. È bello ed evocativo. Mi sa che ci troviamo di fronte a una traduzione del piffero. :)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 03 nov 2008 17:11

È una costruzione insolita, ma corretta, visto che perire vale anche, «in senso più ampio, estinguersi, scomparire» (Treccani). Sono riuscito a trovare un solo esempio, di Carducci:

Spiace che i due versi perissero dalla facciata.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: dom, 16 dic 2007 0:18

Intervento di Daniele » lun, 03 nov 2008 17:18

Marco1971 ha scritto:È una costruzione insolita, ma corretta, visto che perire vale anche, «in senso più ampio, estinguersi, scomparire» (Treccani). Sono riuscito a trovare un solo esempio, di Carducci:

Spiace che i due versi perissero dalla facciata.
Ahh! Grazie Marco!

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » lun, 03 nov 2008 18:04

Da una mia veloce ricerca è emerso che l'espresssione è in effetti biblica (edizione di Re Giacomo):
Thus shall ye say unto them, The gods that have not made the heavens and the earth, even they shall perish from the earth, and from under these heavens.
(Geremia 10, 11)
Che la Bibbia Cei traduce cosí:
Direte loro: "Gli dei che non hanno fatto il cielo e la terra scompariranno dalla terra e sotto il cielo".
Oppure:
His remembrance shall perish from the earth, and he shall have no name in the street.
(Giobbe 18,17)
Tradotto cosí:
Il suo ricordo sparirà dalla terra
e il suo nome più non si udrà per la contrada
Marco ci testimonia però che perire da è pur sempre attestato.
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Avatara utente
Daniele
Interventi: 247
Iscritto in data: dom, 16 dic 2007 0:18

Intervento di Daniele » lun, 03 nov 2008 18:17

Appunto, perire dalla terra mi pareva costruzione scorretta, nonostante sia presentata come traduzione ufficiale del discorso di Lincoln; ma Marco ci ha confermato che è costruzione insolita ma corretta.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9561
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 03 nov 2008 18:37

Ho trovato quest’altro esempio, grazie a Google Libri:

Certamente o la Romana Curia è presso di questi tre, ovvero risiede nelli altri? oppure perí dalla terra ed inutilmente s’è sparsa la voce del Salvatore, che dice: Io poi ho pregato per te, perché non venga meno la tua fede. (Storia critico-cronologica de’ romani pontefici e de’ generali e provinciali, 1765)

La traduzione C.E.I. della Bibbia ha optato per una lingua piú «attuale» e usuale.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

maddi
Interventi: 7
Iscritto in data: mar, 06 gen 2009 17:05

Intervento di maddi » gio, 08 gen 2009 18:14

Questa forma si trova anche in Leopardi:
cit: E perir dalla terra, e venir meno
ad ogni usata, amante compagnia

Avatara utente
Infarinato
Amministratore
Interventi: 3622
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 11:40
Info contatto:

Intervento di Infarinato » gio, 08 gen 2009 18:26

maddi ha scritto:Questa forma si trova anche in Leopardi:
cit: E perir dalla terra, e venir meno
ad ogni usata, amante compagnia
È vero! :D (Canto notturno di un pastore errante dell’Asia, v. 67.)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 2 ospiti