«Appropriarsi... di»?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Fausto Raso
Interventi: 1658
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » ven, 21 ago 2015 18:16

Anche se è un po' fuori tema mi piace portare all'attenzione degli amici una perla di un docente universitario di lingua italiana circa il "famigerato" QUAL È (con o senza apostrofo?). Per costui occorre fare un distinguo: se quale si riferisce a un maschile si tronca (qual è il risultato?); se si riferisce a un femminile si apostrofa (qual' è la prospettiva?). Spiace dirlo, ma oggi il livello "linguistico" dei docenti universitari e no è questo e davanti a appropriarsi una cosa non esiterebbero a tirar fuori la fatidica matita blu.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: «Appropriarsi... di»?

Intervento di Marco1971 » sab, 27 apr 2019 15:11

A 14 anni di distanza, vedo con piacere che la costruzione tradizionale – soppiantata nell’uso da quella «errata» – non è ancora del tutto defunta, sebbene ampiamente minoritaria. Di recentissimo ho trovato quest’unico esempio (strano che non sia stato «corretto»!):

Sono codici di appartenenza. La Z sta per zona: i municipi. A volte «zona» viene sostituita da «blocco», come nelle città americane, per appropriarsi il territorio. (Corriere della Sera, 17 marzo 2019)

Ma chi mai potrà contrastare l’uragano stridulissimo degli spaventevoli «appropriarsi di»? :roll:
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite