Te ne sei reso conto?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Te ne sei reso conto?

Intervento di Brazilian dude » lun, 11 set 2006 18:56

Vorrei che mi confermaste che l'opzione sopra Te ne sei reso conto? si applica anche in riferimento alle donne. Io penso di sì, perché mi sembra che appartenga alla regola dei riflessivi apparenti, che ammettono l'accordo sia con l'oggetto diretto sia con il soggetto, come in:

Tizio si è lavato le mani.
Tizio si è lavate le mani.

Sebbene io personalmente preferisca la seconda.

Grazie.

Brazilian dude

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9553
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 11 set 2006 19:22

Secondo me non è possibile l’accordo con «conto», perché siamo di fronte a un caso diverso dal «lavarsi le mani»: rendersi conto è un sintagma cristallizzato, forma un tutt’uno ed è quindi equiparabile a accorgersi, per esempio, che s’accorda col soggetto. Avremo dunque:

Luigi s’è reso conto d’avere sbagliato.
Luigi e Piero si sono resi conto d’avere sbagliato.
Maria s’è resa conto d’avere sbagliato.
Maria e Elisabetta si sono rese conto d’avere sbagliato.

Attendiamo conferme o smentite da parte degli altri.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 11 set 2006 22:41

Una frase come «Maria s’è reso conto d’avere sbagliato» mi suona decisamente male, e credo proprio che sia impossibile, per quanto astrattamente si potrebbe dire il contrario: il fatto è che come dice Marco quel reso non è affatto percepito come il participio di un rendere transitivo su conto.
Del resto persino «Tizio si è lavate le mani» mi sembra molto meno comune di «Tizio si è lavato le mani».

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9553
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 11 set 2006 23:12

Infatti, il tipo S’è lavate le mani, s’è comprati molti libri, ecc. appartiene ormai a un registro aulico, letterario, marcato, che può tornare elegante nel contesto appropriato, ma che stona nell’italiano comune.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » lun, 11 set 2006 23:55

Addirittura aulico! Be', non pensavo che fossimo a questo punto, ma certo si sente poco.

Brazilian dude
Moderatore «Dialetti»
Interventi: 726
Iscritto in data: sab, 14 mag 2005 23:03

Intervento di Brazilian dude » mar, 12 set 2006 3:08

Sono tantissimo grato per le vostre risposte, particolarmente per questi spunti che mi hanno fatto riflettere:
Secondo me non è possibile l’accordo con «conto», perché siamo di fronte a un caso diverso dal «lavarsi le mani»: rendersi conto è un sintagma cristallizzato, forma un tutt’uno ed è quindi equiparabile a accorgersi, per esempio, che s’accorda col soggetto.
il fatto è che come dice Marco quel reso non è affatto percepito come il participio di un rendere transitivo su conto.
Non ci avevo mai pensato, però io ancora percepisco quel reso come participio passato di rendere.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 12 set 2006 14:52

Ma grazie a lei, che ci offre questi spunti.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 4 ospiti