L'aereo è decollato o ha decollato?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

L'aereo è decollato o ha decollato?

Intervento di Fausto Raso » sab, 16 dic 2006 15:33

Nella rubrica di lingua in linea di un importante quotidiano un lettore chiedeva se è “piú corretto” dire l’aereo è decollato o ha decollato. Il responsabile della rubrica rispondeva che il verbo decollare prende entrambi gli ausiliari ma è preferibile “avere” e che non c’è alcun cambiamento di significato nell’uso dell’uno o dell’altro. C’è un cambiamento di significato, eccome! Con l’ausiliare “essere” decollare assume il significato di decapitare: la statua è decollata (decapitata); con “avere” l’accezione di prendere il volo: l’aereo ha decollato (ha preso il volo). Decollare, inoltre, è transitivo nel significato di staccare il collo; intransitivo se sta per involarsi.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 16 dic 2006 16:06

Ma nella frase la statua è decollata, decollare è transitivo e non abbiamo che fare con un passato prossimo, sibbene con una struttura passiva (la statua viene decollata) o stativa (e decollata assume valore aggettivale). Nel senso di ‘prendere il volo’ in effetti s’usa avere.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » sab, 16 dic 2006 16:18

Marco1971 ha scritto:Ma nella frase la statua è decollata, decollare è transitivo e non abbiamo che fare con un passato prossimo, sibbene con una struttura passiva (la statua viene decollata) o stativa (e decollata assume valore aggettivale). Nel senso di ‘prendere il volo’ in effetti s’usa avere.
Chiedo scusa, gentile Marco. Un verbo non si può fare passivo sia con "venire" sia con "essere"? La statua è decollata o viene decollata dai vandali ( è decapitata, viene decapitata) non è la stessa cosa? Quel libro è letto da tutti o viene letto da tutti non è la medesima cosa? Sono in errore?
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 16 dic 2006 18:08

Sí, ma l’indicazione dell’ausiliare nei dizionari riguarda unicamente i verbi intransitivi. Per il passivo s’impiega sempre essere (o venire, ma solo nei tempi semplici), per tutti i verbi che ammettono il passivo.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite