«(L’)uno… l’altro»

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Sabrisax
Interventi: 46
Iscritto in data: lun, 04 giu 2018 18:34

«(L’)uno… l’altro»

Intervento di Sabrisax » gio, 25 apr 2019 18:45

Buonasera,

"Martino e Paolo camminavo per strada: (l')uno fischiettando, l'altro sovrappensiero".

Quale delle due forme è corretta, in termini strettamente grammaticali: pronome "uno" con o senza articolo?

😊
Ultima modifica di Infarinato in data gio, 25 apr 2019 18:50, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Riformattato oggetto intervento

Avatara utente
Millermann
Interventi: 770
Iscritto in data: ven, 26 giu 2015 19:21
Località: Riviera dei Cedri

Re: «(L’)uno… l’altro»

Intervento di Millermann » gio, 25 apr 2019 19:15

Per me entrambe le scelte sono valide. Grammaticalmente, ritengo [forse] piú corretto uno, senz'articolo.
Però ci vedo anche una leggera sfumatura di significato: uno potrebbe sottintendere dei due, e quindi lascerebbe una piccola incertezza su chi stia effettivamente fischiettando.

Nell'uso con l'articolo, invece (sempre secondo me), l'uno è usato in sostituzione di il primo, quindi non ci sono dubbi: «... il primo fischiettando, l'altro sovrappensiero». :)
In Italia, dotta, Foro fatto dai latini

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: «(L’)uno… l’altro»

Intervento di Marco1971 » ven, 26 apr 2019 18:24

L’articolo può essere omesso in (l’)uno… l’altro. Mi sembra però piú elegante mantenerlo in uno stile formale (o letterario):

Poi, come grue ch’a le montagne Rife
volasser parte, e parte inver’ l’arene,
queste del gel, quelle del sole schife,

l’una gente sen va, l’altra sen vene;
e tornan, lagrimando, a’ primi canti
e al gridar che più lor si convene;

(Dante, Purgatorio, XXVI, 43-48)

Strano li alberi gioco
facean di luci. L’un parea, tra’ rai,
smeraldi partorire;
l’altro balzar da li orridi prunai
come serpente, in mal attorte spire.

(D’Annunzio, L’Isotteo, III, ballata settima 10)
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Sabrisax
Interventi: 46
Iscritto in data: lun, 04 giu 2018 18:34

Re: «(L’)uno… l’altro»

Intervento di Sabrisax » sab, 27 apr 2019 22:53

Grazie di cuore per gli interventi.
Alla prossima...

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite