Subordinate rette dalla protasi del periodo ipotetico: congiuntivo o indicativo?

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Lutor
Interventi: 39
Iscritto in data: ven, 22 feb 2019 14:06

Subordinate rette dalla protasi del periodo ipotetico: congiuntivo o indicativo?

Intervento di Lutor » ven, 21 giu 2019 23:25

Salve, ho dei dubbi su queste frasi: qual è, nella protasi, la relativa corretta per esprimere contemporaneità?

Se avessi saputo che ti servisse/serviva, te lo avrei regalato.

Se avessi visto che si irrigidisse/irrigidiva, mi sarei fermato.

Se vedessi qualcosa che facesse/fa al caso suo, gliela comprerei.
Ultima modifica di Ferdinand Bardamu in data ven, 21 giu 2019 23:53, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Reso piú chiaro l’oggetto del filone

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9584
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Subordinate rette dalla protasi del periodo ipotetico: congiuntivo o indicativo?

Intervento di Marco1971 » sab, 22 giu 2019 0:43

Prima di tutto, delle tre frasi proposte, solo l’ultima contiene una frase relativa.

Nel periodo ipotetico non credo che si possa parlare di contemporaneità: la protasi esprime una condizione e l’apodosi la sua conseguenza. Una conseguenza è necessariamente posteriore, sia pure di un secondo.

Riprendendo gli esempi del Treccani sotto protasi e apodosi: se piove, apri l’ombrello; se lavoro troppo, mi stanco, si vede bene che prima deve cominciare a piovere per aprire l’ombrello, e che prima devo aver lavorato troppo per stancarmi.

E lo stesso vale per le tre frasi sopra riportate: prima devo sapere/vedere, poi posso regalare/comprare/fermarmi. E questo non cambia con la scelta del tempo.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Lutor
Interventi: 39
Iscritto in data: ven, 22 feb 2019 14:06

Re: Subordinate rette dalla protasi del periodo ipotetico: congiuntivo o indicativo?

Intervento di Lutor » sab, 22 giu 2019 9:37

Intendevo la scelta del modo adatto per esprimere contemporaneità tra la protasi e la sua subordinata introdotta da che. La scelta, nelle frasi in questione, ricade tra le due opzioni (indicativo/congiuntivo): non riesco a capire quale sia preferibile, se dipenda dalla facoltà di reggere l'uno o l'altro del verbo principale, dal contesto formale o meno ecc. Riporto un altro esempio:

"Se avessi detto che volevano/volessero venire, li avrei invitati"

"Se dicessi che vogliono/volessero venire, li inviterei"

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9584
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Subordinate rette dalla protasi del periodo ipotetico: congiuntivo o indicativo?

Intervento di Marco1971 » sab, 22 giu 2019 14:54

Con avessi detto si esprime anteriorità. Con dicessi, contemporaneità, sia che si usi l’imperfetto del congiuntivo o dell’indicativo, sia che si usi l’indicativo presente nella subordinata.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Lutor
Interventi: 39
Iscritto in data: ven, 22 feb 2019 14:06

Re: Subordinate rette dalla protasi del periodo ipotetico: congiuntivo o indicativo?

Intervento di Lutor » sab, 22 giu 2019 15:41

Quindi non c'è differenza nella scelta tra questi tempi nella subordinata di una protasi di un periodo ipotetico?

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9584
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 12:37

Re: Subordinate rette dalla protasi del periodo ipotetico: congiuntivo o indicativo?

Intervento di Marco1971 » sab, 22 giu 2019 15:49

Non per quanto riguarda i rapporti temporali (contemporaneità, ecc.).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot], Google [Bot] e 3 ospiti