«Malgrado faccia freddo»

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

«Malgrado faccia freddo»

Intervento di Zabob » sab, 22 giu 2019 14:59

Secondo l'edizione in linea del noto Si dice o non si dice?, «malgrado faccia freddo» sarebbe forma errata (mentre la stessa frase, con le congiunzioni "sebbene", "benché" e "nonostante", è corretta).
D'altra parte, i principali vocabolari in linea: Treccani, Gabrielli, De Mauro e Sabatini-Coletti riportano tutti degli esempi che fanno ritenere corretta la frase concessiva «malgrado faccia freddo».
Cosa ne dite?
Ultima modifica di Zabob in data sab, 22 giu 2019 22:41, modificato 1 volta in totale.
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: «Malgrado faccia freddo»

Intervento di Marco1971 » sab, 22 giu 2019 15:52

Se si considera che è corretto tutto quel che è consolidato dall’uso, allora ‘malgrado + congiuntivo’ è corretto. Se invece si considera che esiste un «miglior uso» dato da una continuità storica plurisecolare e motivato da ragioni semantiche, allora, in una lingua che aspiri a inappuntabilità formale, sarà meglio evitare malgrado (che).

Perché? Perché malgrado implica l’idea di opposizione alla volontà di qualcuno (le cose non possono avere volontà). Quindi, mio/tuo/suo malgrado va bene, ma malgrado il freddo o malgrado (che) faccia freddo no.

Tuttora, in francese, si raccomanda di evitarlo.

In italiano, la prima attestazione data dal Battaglia è di Filangieri (1752-1788), poi viene citato l’Arlia (che naturalmente lo condanna), e Gualdo e Pea. Attestazioni ristrette e non di autori la cui lingua possa prendersi a modello.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: «Malgrado faccia freddo»

Intervento di Marco1971 » sab, 22 giu 2019 19:35

Aggiungo, a precisazione, che l’uso preposizionale (malgrado il freddo, malgrado la pioggia, ecc.), è attestato presso Leopardi e Manzoni, e questo basta (per me) a consacrarlo definitivamente. Non cosí invece per l’uso come congiunzione, sebbene accettato da tutti i dizionari non normativi (gli unici ormai inesistenti).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
lorenzos
Interventi: 243
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Re: «Malgrado faccia freddo»

Intervento di lorenzos » dom, 23 giu 2019 14:33

Gentile Marco, mi aiuterebbe a capire perché, sempre che non abbia inteso male:
- "siamo partiti malgrado la pioggia" prep. -> sì
- "siamo partiti malgrado la pioggia cadesse a catinelle" cong. -> no?
Grazie e buona domenica.
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: «Malgrado faccia freddo»

Intervento di Marco1971 » dom, 23 giu 2019 16:56

Ha ragione, è solo un’estensione, sul modello di altre preposizioni. Mi ero limitato alle attestazioni riportate dal Battaglia, ma ho trovato occorrenze di malgrado che anche in Foscolo e Leopardi.

Devo confessare che mi sono lasciato trarre in inganno da uno di quegli automatismi derivanti dai precetti puristici di molte mie letture giovanili.

Detto questo, nel mio uso personale, ne faccio a meno senza avere l’impressione di porre alcun limite alle mie possibilità espressive.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
lorenzos
Interventi: 243
Iscritto in data: lun, 30 mar 2015 15:59

Re: «Malgrado faccia freddo»

Intervento di lorenzos » dom, 23 giu 2019 17:35

Che dire? Grazie!
(ed io che già mi dolevo per la nuova tirata d'orecchi... 8) )
Marco1971 ha scritto:
dom, 23 giu 2019 16:56
nel mio uso personale, ne faccio a meno senza avere l’impressione di porre alcun limite alle mie possibilità espressive.
Penso che farò così anch'io, grazie ancora.
Gli Usa importano merci ed esportano parole e dollàri.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9547
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Re: «Malgrado faccia freddo»

Intervento di Marco1971 » dom, 23 giu 2019 19:36

E per tentare d’esorcizzare il maleficio, riporto alcune citazioni degli autori a me cari.

E se ciascheduno esaminerà bene la sua vita, vedrà quante volte la lingua gli abbia nociuto, o nelle piccole o nelle grandi cose, e bene spesso, malgrado ch’egli prevedesse il danno. (Leopardi, Zibaldone)

Ma si userebbe somma moderazione, malgrado che quel libro sia non solamente erroneo, ma grandemente inurbano fino alla stravaganza. (Leopardi, Epistolario)

…e non l’ho voluta mai più vedere malgrado che nella mia pericolosa malattia cercasse le mie nuove tutti i giorni e dicesse bene di me… (Foscolo, Epistolario)

La contessa Armandi abitava un bellissimo appartamento a Porta San Gallo e siccome ci aveva un giardino annesso, riceveva ancora, malgrado che la stagione fosse inoltrata di molto. (Verga, Eros)

Vabbè, ci vorrà il tempo dell’incubazione… :D
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Zabob
Interventi: 911
Iscritto in data: sab, 28 lug 2012 19:22

Re: «Malgrado faccia freddo»

Intervento di Zabob » lun, 24 giu 2019 22:38

Ho rinvenuto l’edizione cartacea di Si dice o non si dice? (Mondadori 1969).
Riporto dalla voce “Malgrado” (p. 358):
Aldo Gabrielli ha scritto: Malgrado vuol dir propriamente «contro il gradimento di», «contro la volontà di», ed è perciò riferibile soltanto a persona, la quale ha la facoltà di gradire e di volere; questa persona è generalmente espressa da un aggettivo possessivo: mio, tuo, suo, ecc. Si dice quindi bene: «Accetterò, mio malgrado, l’invito»; «Dovranno, loro malgrado, chiederci scusa» e simili. Ma quante volte malgrado è riferito a cosa invece che a persona? Un numero infinito di volte. E questo è un uso nettamente scorretto: «Gira senza cappello malgrado il freddo», «Uscì di casa malgrado avesse la febbre». In questi casi invece di malgrado bisognerà usare nonostante, sebbene, benché, quantunque, ancorché.
Oggi com'oggi non si sente dire dieci parole, cinque delle quali non sieno o d'oltremonte o nuove, dando un calcio alle proprie e native. (Fanfani-Arlìa, 1877)

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 4 ospiti