tutta notte

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:20

tutta notte

Intervento di Bue » lun, 21 mag 2007 16:16

Riprendo il discorso cominciato (piu` volte) in un altro filone.
Gugolando, ho trovato che in Ariosto l'espressione "tutta notte" e` usata, e anche molto frequentemente, a giudicare dal passo citato.

Quanto alla mia idea che l'espressione priva di articolo fosse usata essenzialmente solo al femminile ("tutta notte" ma non "tutto giorno", "tutta mattina" ma non "tutto pomeriggio", "tutta settimana" ma non "tutto mese"), da google ricevo conforto solo per il binomio notte/giorno e in parte settimana/mese. Con mia sorpresa sembrerebbe che "tutto pomeriggio" sia invece usato (io non l'avevo mai sentito, mentre "tutta mattina" si`, e anche di frequente).

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » lun, 21 mag 2007 17:52

Di queste locuzioni mi pare che solo tutta notte si possa considerare stàndara a tutti gli effetti: la LIZ ne trova 196 ricorrenze da Iacopone da Todi a D’Annunzio, ed è in quasi tutti i classici (Petrarca, Boccaccio, Machiavelli, Tasso, Alfieri, Foscolo, Leopardi, Verga…). Di tutta mattina, ce ne sono 17 (Boccaccio, Bembo, Pellico, Nievo), di tutta sera 12 (Boccaccio, Ariosto, Pellico, Nievo); mentre non ce n’è nessuna di tutto pomeriggio e di tutto mese.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:20

Intervento di Bue » lun, 21 mag 2007 18:03

Allora sembra confermata - almeno dai classici - la mia ipotesi sulla "femminilita`" della locuzione.

Qualcuno ha idea della ragione per questa preferenza di genere?
Dopo aver pensato a un'improbabile evoluzione tutta-la > tuttala > tutta e averla scartata, l'unica differenza tra "tutto" e "tutta" che mi viene in mente e` il fatto che il maschile puo` essere confuso con il sostantivo tutto = "tutte le cose". Ma non vedo come questo abbia potuto dar luogo al fenomeno in questione.

Opinioni?

Bue
Interventi: 863
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 12:20

Intervento di Bue » mer, 23 mag 2007 10:19

Vedo che nessuno ne ha... :cry:

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Bing [Bot] e 8 ospiti