Il passato remoto di "apparire"

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Il passato remoto di "apparire"

Intervento di Fausto Raso » ven, 08 giu 2007 21:23

Domanda di un lettore al titolare della rubrica di lingua di un quotidiano in Rete:
Vorrei chiederle se oltre alle forme "apparì" e "apparve", è ammesso l'uso di "apparse".
Risposta del linguista:
No. “Apparse” è la forma femminile plurale del participio.
----------------------------------------------------------------------

No, gentile Professore, "apparse" è 'anche' la terza persona singolare del passato remoto: apparve, apparí e apparse; come apparsero, con apparvero e apparirono, è la terza persona plurale.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » ven, 08 giu 2007 22:08

Certo! Apparse come passato remoto è solo meno comune.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9555
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » sab, 16 giu 2007 18:07

Eccone un esempio, di Torquato Tasso (Gerusalemme liberata, Canto 3.21):

...ché, rotti i lacci a l’elmo suo, d’un salto
(mirabil colpo!) ei le balzò di testa;
e le chiome dorate al vento sparse,
giovane donna in mezzo ’l campo apparse.
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Fausto Raso
Interventi: 1660
Iscritto in data: mar, 19 set 2006 15:25

Intervento di Fausto Raso » lun, 18 giu 2007 1:26

Sono stupito! Il DISC in rete non riporta le voci apparse e apparsero.
«Nostra lingua, un giorno tanto in pregio, è ridotta ormai un bastardume» (Carlo Gozzi)
«Musa, tu che sei grande e potente, dall'alto della tua magniloquenza non ci indurre in marronate ma liberaci dalle parole errate»

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 15:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » lun, 18 giu 2007 8:57

Il DISC in rete mi appare sempre più una versione ridotta del volume cartaceo o della versione su CD-Rom. In quest'ultimo formato (ediz. 2002) le voci di cui stiamo parlando sono riportate entrambe accompagnate dalla dicitura meno frequente. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite