Mozione da sfiducia

Spazio di discussione su questioni di carattere sintattico

Moderatore: Cruscanti

Intervieni
Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Mozione da sfiducia

Intervento di Incarcato » mar, 10 lug 2007 10:27

Un dubbio mi sorge alla lettura dell'art. 115 del regolamento della Camera. Il testo dice (grassetto mio):
1. La mozione di fiducia al Governo deve essere motivata e votata per appello
nominale. Quella da sfiducia deve essere motivata e sottoscritta da almeno un
decimo dei componenti della Camera; non può essere discussa prima di tre
giorni dalla presentazione, ed è votata per appello nominale.
Secondo voi perché la costruzione non rimane la stessa? Un semplice refuso o una volontaria variatio?
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Avatara utente
bartolo
Interventi: 263
Iscritto in data: gio, 29 set 2005 17:04

Intervento di bartolo » mar, 10 lug 2007 10:46

Propenderei per l'ipotesi del refuso. Il testo da lei citato è tratto da Internet? Chissà se sull'edizione cartacea ufficiale la formulazione è la stessa...

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mar, 10 lug 2007 10:50

Sí, è il testo reperibile dal sito della Camera.
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Avatara utente
Federico
Interventi: 3008
Iscritto in data: mer, 19 ott 2005 16:04
Località: Milano

Intervento di Federico » mar, 10 lug 2007 21:40

Questione di fiducia, mozione di fiducia... Mai sentito col da, anche se in teoria si potrebbe fare, forse.

Avatara utente
Marco1971
Moderatore
Interventi: 9557
Iscritto in data: gio, 04 nov 2004 13:37

Intervento di Marco1971 » mar, 10 lug 2007 22:44

Penso, come Bartolo, che si tratti d’un refuso, come ce ne sono tanti in rete (anche in siti ufficiali).
Ma quella lingua si chiama d’una patria, la quale convertisce i vocaboli ch’ella ha accattati da altri nell’uso suo, et è sí potente che i vocaboli accattati non la disordinano, ma ella disordina loro.

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mer, 11 lug 2007 9:39

Tuttavia, nei testi giuridici è piuttosto raro incontrare refusi. :roll:
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Avatara utente
bartolo
Interventi: 263
Iscritto in data: gio, 29 set 2005 17:04

Intervento di bartolo » mer, 11 lug 2007 11:01

Ottimo Incarcato, è bello il suo ottimismo sui testi giuridici. Se ripenso a una mia antica, e faticosissima, esperienza di correttore di bozze di testi redatti da illustri legulei, non sarei proclive però a darle ragione: intervenivo, e anche molto spesso. I giurisperiti colti posseggono un patrimonio lessicale doviziosissimo, sono in grado di formulare proposizioni articolatissime e sintatticamente ineccepibili (non è prosa d'arte, scilicet, ma spesso restavo a bocca aperta davanti a costruzioni così imponenti), ma gli errori del tipo in oggetto c'erano, eccome! E può accadere che rimangano anche dopo il nihil obstat definitivo. :roll:

Avatara utente
bubu7
Interventi: 1453
Iscritto in data: gio, 01 dic 2005 15:53
Località: Roma
Info contatto:

Intervento di bubu7 » mer, 11 lug 2007 11:55

Una ricerca, in tutta la rete, di "mozione da sfiducia" non fornisce occorrenze.
Voto per il refuso. :)
La lingua è un guado attraverso il fiume del tempo. Essa ci conduce alla dimora dei nostri antenati.
V. M. Illič-Svitič

Avatara utente
Incarcato
Interventi: 900
Iscritto in data: lun, 08 nov 2004 13:29

Intervento di Incarcato » mer, 11 lug 2007 13:58

Faccenda definitivamente risolta: sono riuscito a reperire una copia cartacea del regolamento e, come previsto, all'art. 115 si legge mozione di sfiducia. Segnalerò il refuso.
Grazie a tutti per gl'interventi. :D
I' ho tanti vocabuli nella mia lingua materna, ch'io m'ho piú tosto da doler del bene intendere le cose, che del mancamento delle parole colle quali io possa bene esprimere il concetto della mente mia.

Intervieni

Chi c’è in linea

Utenti presenti in questa sezione: Nessuno e 1 ospite